Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie che hanno partecipato al concorso Come un granello di Sabbia

Frasi di questo concorso le trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Emanuela Ingenito
C'è un mondo che non si apre,
Un mondo che vive in disparte
che tante grida riempiono di suono e
che la mente stenta a comprendere.
È un fiore malato, stanco di sbocciare:
è già stanco, prima ancora di vedere la luce.
E tra le case e le strade,
tra i pensieri e le vene
non c'è più spazio, né tempo:
un eterno attimo mi culla
tra le sue ali di illusione
e sono una funambola
Sospesa tra le gente e
La morte,
tra i mari e le vette: ed
il cuore è in tempesta
tra quest'attimo eterno
e il tempo che verrà domani,
tra quest'attimo eterno
e ciò che mai più tornerà.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: coccinell@

    Voce del verbo amare

    Semplice come parlare,
    necessario come respirare.
    Difficile come ascoltare,
    intenso come il sapore della cioccolata invernale.
    Lieve come la felicità.
    Graffiante come il dolore.
    Leggero come il volo di un sogno,
    stretto come il morso di un abbraccio.
    Libero come l'anima,
    prigioniero di se stesso.
    Gelosia intrinseca,
    passione di un tocco esperto.
    Paura come rischiare,
    coraggio di lasciarsi andare.
    Tempo da regalare,
    rispetto da non dimenticare.
    Ballare in punta di piedi,
    saper restare seduti ad osservare.
    Leggere tra i pensieri,
    scrivere insieme le emozioni.
    Aspettarsi.
    Arricchirsi delle differenze,
    compensare le mancanze.
    Fantasticare seriamente.
    Mistero come quello che nasconde una continua ricerca.
    Rovescio come diritto.
    Ragione come istinto.
    L'inutilità del superfluo, la profondità del necessario e tutto ciò che credi non debba mancare.
    Sostantivo amore.
    Voce del verbo amare.
    Composta venerdì 18 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ciro Rollo
      Potrei perdere la vista
      e non vedere più queste atrocità...

      potrei perdere l'udito
      e non ascoltare più questi bambini piangere...

      potrei perdere l'olfatto
      e non percepire più l'odore di quello zolfo...

      potrei perdere il tatto
      e non toccare più queste mura distrutte...

      potrei anche perdere la voce
      e non raccontarti più di quanto male c'è in questo mondo...

      potrei... potrei perdere tutto questo
      e trovare cose positive in ognuna di esse...

      ma no... non potrei mai accettare...
      ... di perdere la libertà...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ANDREA FORGHIERI

        L'amore crudele

        L'amore è crudele quando non ti permette di essere te stesso.
        L'amore è crudele quando ti giudica e, senza sentire il tuo parere,
        ti condanna.
        L'amore è crudele quando vuole farti sentire il peso delle colpe che non hai.
        L'amore è crudele quando, incapace di farsi del bene, non è nemmeno in grado di farlo agli altri.
        L'amore è crudele quando è negativo verso la vita e non s'attende più nulla di buono da essa.
        Composta giovedì 22 ottobre 2009
        Vota la poesia: Commenta

          Anime feudali

          Lievita il mio sguardo desideri
          come fiumi in piena
          traboccano pensieri di piacere
          sussulti del cuore malato
          che arido respira
          rinchiuso in una serra.

          Potenze che decapiti
          o finiscono impiccate
          semplici atti mancati
          e tutto cade, crolla
          cadono le fondamenta
          e si avvalla.

          L'erba ricopre i ruderi
          di questo mondo antico
          ormai caduto (caduco)
          ormai finito (perito)

          e tu?
          Verrai a cercarmi tra le rovine?
          Mi cercherai tra le rovine
          per ritrovare ciò che è perso
          ora sepolto tra cumuli di cenere?

          E nuovi mondi nascono
          ciascuno ora per sé...
          due mondi arroccati
          su una rupe senza ali
          anime feudali.
          Composta martedì 20 marzo 2001
          Vota la poesia: Commenta