Scritta da: Stefano

Hortus conclusus

Un albero magro
è forzato testimone
delle scure apparenze
che cadenzano i battiti
sulla testa d'ombrello.

Silenziosi lamenti
scortano pianti sprecati
nella squallida tinozza
desiderosa di trasbordare.

Il guardiano
mostra l'ombra
al cavallo mascherato.
Lui guarda la campana
e ammutolisce.
Stefano Ilvenni
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di