Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Elisabetta

Er presepio

Ve ringrazio de core, brava gente,
pé 'sti presepi che me preparate,
ma che li fate a fa? Si poi v'odiate,
si de st'amore non capite gnente...

Pé st'amore sò nato e ce sò morto,
da secoli lo spargo dalla croce,
ma la parola mia pare 'na voce
sperduta ner deserto, senza ascolto.

La gente fa er presepe e nun me sente;
cerca sempre de fallo più sfarzoso,
però cià er core freddo e indifferente
e nun capisce che senza l'amore
è cianfrusaja che nun cià valore.
Trilussa
Composta venerdì 27 dicembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    Stella cadente

    Quanno me godo da la loggia mia
    quele sere d'agosto tanto belle
    ch'er celo troppo carico de stelle
    se pija er lusso de buttalle via,
    a ognuna che ne casca penso spesso
    a le speranze che se porta appresso.

    Perché la gente immaggina sur serio
    che chi se sbriga a chiede quarche cosa
    finché la striscia resta luminosa,
    la stella je soddisfa er desiderio;
    ma, se se smorza prima, bonanotte:
    la speranzella se ne va a fa' fotte.

    Jersera, ar Pincio, in via d'esperimento,
    guardai la stella e chiesi: — Bramerei
    de ritrovamme a tuppertù co' lei
    come trent'anni fa: per un momento.
    Come starà Lullù? dov'è finita
    la donna ch'ho più amato ne la vita? —

    Allora chiusi l'occhi e ripensai
    a le gioje, a le pene, a li rimorsi,
    ar primo giorno quanno ce discorsi,
    a quela sera che ce liticai...
    E rivedevo tutto a mano a mano,
    in un nebbione piucchemmai lontano.

    Ma ner ricordo debbole e confuso
    ecco che m'è riapparsa la biondina
    quanno venne da me quela matina,
    giovene, bella, dritta come un fuso,
    che me diceva sottovoce: — È tanto
    che sospiravo de tornatte accanto! —

    Er fatto me pareva così vero
    che feci fra de me: — Questa è la prova
    che la gioja passata se ritrova
    solo nel labirinto der pensiero.
    Qualunquesia speranza è un brutto tiro
    de l'illusione che ce pija in giro. —

    Però ce fu la mano der Destino:
    perché, doppo nemmanco un quarto d'ora,
    giro la testa e vedo una signora
    ch'annava a spasso con un cagnolino.
    Una de quele bionde ossiggenate
    che perloppiù ricicceno d' estate.

    — Chissà — pensai — che pure 'sta grassona
    co' quer po' po' de robba che je balla
    nun sia stata carina? — E ner guardalla
    trovai ch'assommava a 'na persona...
    Speciarmente er nasino pe' l'insù
    me ricordava quello de Lullù...

    Era lei? Nu' lo so. Da certe mosse,
    da la maniera de guarda la gente,
    avrei detto: — È Lullù, sicuramente... —
    Ma ner dubbio che fosse o che nun fosse
    richiusi l'occhi e ritornai da quella
    ch'avevo combinato co' la stella.
    Trilussa
    Composta sabato 10 agosto 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Mentre una notte, se ne andava a spasso
      la tartaruga fece il passo, più lungo della gamba e cascò giù
      con la casa rivolta all'insù
      Un rospo che di lì passo le disse: "queste son scappatelle che costano la pelle"
      "lo so" rispose lei, ma prima di morir vedo le stelle.
      Trilussa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: rainbow

        Bolla de sapone

        Lo sai ched'è la Bolla de Sapone?
        l'astuccio trasparente d'un sospiro.
        Uscita da la canna vola in giro,
        sballottolata senza direzzione,
        pe' fasse cunnalà come se sia
        dall'aria stessa che la porta via.

        Una farfalla bianca, un certo giorno,
        ner vede quela palla cristallina
        che rispecchiava come una vetrina
        tutta la robba che ciaveva intorno,
        j'agnede incontro e la chiamò: - Sorella,
        fammete rimirà! Quanto sei bella!

        Er celo, er mare, l'arberi, li fiori
        pare che t'accompagnino ner volo:
        e mentre rubbi, in un momento solo,
        tutte le luci e tutti li colori,
        te godi er monno e te ne vai tranquilla
        ner sole che sbrilluccica e sfavilla.-

        La bolla de Sapone je rispose:
        - So' bella, sì, ma duro troppo poco.
        La vita mia, che nasce per un gioco
        come la maggior parte de le cose,
        sta chiusa in una goccia... Tutto quanto
        finisce in una lagrima de pianto.
        Trilussa
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Randle

          Lo specchio

          Ogni vorta che vado dar barbiere,
          ner vede quela fila de me stessi
          allineati come tanti fessi
          ner gioco che me fanno le specchiere,
          nun posso sta' se nu' je fo un versaccio
          pe' vedelli rifà quelo che faccio.
          Metto fòra la lingua e cento lingue
          me rifanno la stessa pantomima;
          ogni testa ubbidisce: da la prima
          all'urtima, ch'appena se distingue,
          pareno ammaestrate a la parola
          sotto er commanno d'una guida sola.
          Se invece penso a te, ciumaca mia,
          nun potrei garantì che, ner ricordo,
          queli me stessi vadino d'accordo
          come ner gioco de fisonomia;
          anzi, quarcuno dubbita e me pare
          che nun veda le cose troppo chiare.
          Qualunque idea me nasce ner cervello
          se cambia così presto e così spesso
          che nun fo in tempo de guardà me stesso
          che già er pensiero mio nun è più quello.
          Immaggina un po' tu quello che sorte
          da un omo che riflette cento vorte!
          Ciò fatto caso giusto stammattina;
          dopo d'avemme insaponato er viso
          er barbiere m'ha chiesto a l'improviso:
          - L'ha più rivista quela signorina?
          - Chi? - dico – Bice? - E m'è rimasta come
          la bocca amara né ridì quer nome...
          Subbito cento bocche, tutte eguale,
          piegate ne la smorfia d'un dolore,
          hanno inteso er rimpianto d'un amore,
          hanno ridetto er nome tale e quale;
          ma quant'idee diverse! quante cose
          leggevo in quele facce pensierose!
          Io dicevo: - Ormai tutto sfumò... -
          E quelli appresso: - Certo... - Chi lo sa?...
          - E se tornasse? - Che felicità!
          Ce faccio pace subbito... - Però...
          Doppo quela scenata che ce fu...
          è forse mejo che nun torni più.
          - Me ricordo li baci de quer giorno...
          - E quelo schiaffo che j'appiccicai...
          - Si, feci male... - Feci bene assai!
          Ciaveva un conte che je stava intorno...
          Era un'infame... - Un angelo... - Una strega...
          - Chi se la po' scordà? - Chi se ne frega! -
          E scoprivo in ognuno un pentimento,
          una gioja, un rimorso, un desiderio...
          Ma quanno me so' visto così serio
          m'è venuto da ride... E tutti e cento
          m'hanno risposto, pronti a la chiamata,
          con una risatina sminchionata.
          Trilussa
          Composta venerdì 11 maggio 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Randle

            La Rassegnazione

            Er cortiletto chiuso
            nun serve a nessun uso.
            Dar giorno che li frati della Morte
            se presero er convento, hanno murato
            le finestre e le porte:
            e er cortile rimase abbandonato.
            Se c'entra un gatto, ammalappena è entrato
            se guarda intorno e subbito risorte.
            Tra er muschio verde e er vellutello giallo
            ancora s'intravede una Fontana
            piena d'acqua piovana
            che nun se move mai: come un cristallo.
            O tutt'ar più s'increspa
            quannno la sera, verso na cert'ora,
            se sente stuzzicà da quarche vespa
            o da quarche zampana che la sfiora.
            Pare che in quer momento
            je passi come un brivido: un gricciore
            su la pelle d'argento.
            Eppure sta Fontana anticamente
            se faceva riempì da un Mascherone
            che vommitava l'acqua de sorgente:
            un'acqua chiara, fresca, trasparente,
            che usciva còr fruscìo d'una canzone
            e se la scialacquava allegramente.
            Dar giorno che nun butta,
            er vecchio Mascherone s'è avvilito:
            forse je seccherà d'esse finito
            còr naso rotto e cò la bocca asciutta.
            Perché de tanto in tanto
            guarda sott'occhio la Fontana amica
            e pare che je dica:
            - Nun m'aricordo più se ho riso o pianto.
            T'ho dato tutto quello ch'ho potuto,
            fino all'urtima goccia c'hai bevuto
            pe' la felicità de statte accanto! -
            Ma la Fontana è sorda:
            nun pensa, nun ricorda...
            Resta tranquillamente a braccia aperte
            e ancora se diverte
            cò quer po' de sussidio che riceve
            da la pioggia che casca e certe vorte
            perfino della neve...
            e manco fa più caso
            ar vecchio Mscherone senza naso.
            Trilussa
            Composta venerdì 11 maggio 2012
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Elisabetta

              Questione di pelle

              -Che cane buffo! E dove l' hai trovato? -
              Er vecchio me rispose: - é brutto assai,
              ma nun me lascia mai: s' é affezzionato.
              L' unica compagnia che m' é rimasta,
              fra tanti amichi, é ' sto lupetto nero:
              nun é de razza, é vero,
              ma m' é fedele e basta.
              Io nun faccio questioni de colore:
              l' azzioni bone e belle
              vengheno su dar core
              sotto qualunque pelle.
              Trilussa
              Composta sabato 4 dicembre 2010
              Vota la poesia: Commenta

                La fretta

                Se stà a fà sera e nantra giornata de lavoro se n'è annata:
                c'ho l'ossa tutte rotte, la capoccia frastornata.
                Cammino senza prescia, tanto, che devo fa?
                Si torno a casa me tocca pure sfacchinà!
                Sur viale del tramonto me fa l'occhietto er sole,
                e dopo nà giornata a dà i resti a chi li vole,
                l'osservo m'bambolato, come fosse, nà visione.
                Me fermo lì a guardallo, ma chi l'avrà inventato?
                È bello forte, nun l'avevo mai notato!
                Sempre a combatte, sempre appresso a tutti i guai,
                splende splende, ma nun m'o godo mai.
                È robba che co quell'aria bonacciona e rassicurante,
                riuscirebbe a fà sentì amico ogni viandante.
                Stà palla arancione m'ha messo pure arsura, ma, ahò!
                Nun so mica nà monaca de clausura!
                E allora ò sai che nova c'è? Io nun c'ho più fretta
                e me butto drent'ai meandri dè nà fraschetta.
                Con le zampe sotto ar tavolino,
                e in compagnia dè n'ber fiasco de vino,
                me guardo intorno soddisfatto,
                finalmente ho smesso de sbrigamme come un matto!
                E mentre er Cannellino m'arriva ar gargarozzo
                Rido cò n'amico e ordino nantro litrozzo.
                La vista me se annebbia ma non la mia coscienza
                che se mette a riflette sull'umana esistenza:
                a che serve stà sempre a core pè tutte le raggioni
                si so quasi sempre rotture dè cojoni!
                Trilussa
                Composta mercoledì 23 giugno 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  - Rottadecollo! - disse un Somarello
                  ner vedè un'Automobbile a benzina.

                  - Indove passi tu, nasce un macello!
                  Hai sbudellato un cane, una gallina,
                  un porco, un'oca, un pollo...
                  Povere bestie! Che carneficina!
                  Che sfraggello che fai! Rottadecollo!

                  - Non fiottà tanto, faccia d'impunito!
                  - rispose inviperita l'Automobbile. -
                  Se vede che la porvere e lo sbuffo
                  de lo stantuffo t'hanno intontonito.

                  Nun sai che quanno io corro ciò la forza
                  de cento e più cavalli? E che te credi
                  che chi vò fa carriera se fa scrupolo
                  de quelli che se trova fra li piedi?

                  Io corro e me ne infischio e nun permetto
                  che 'na bestiaccia ignobbile
                  s'azzardi de mancamme de rispetto!

                  E ner dì ste parole l'Automobbile
                  ce mise drento tanto mai calore
                  che er motore, infuocato, je scoppiò.

                  Allora cambiò tono. Dice: - e mò?
                  Chi me rimorchierà fino ar deposito?
                  Amico mio, tu capiti a proposito,
                  tu solo poi sarvà la situazzione!...

                  - Vengo - je disse er Ciuccio - e me consolo
                  che cento e più cavalli a l'occasione
                  hanno bisogno d'un somaro solo.
                  Trilussa
                  Composta martedì 1 giugno 2010
                  Vota la poesia: Commenta