Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Salvatore Riggio

Studente, nato mercoledì 1 febbraio 1989 a Grevenbroich (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Salvatore Riggio

La Nebbia

Come potrò farmi riamare,
nonostante quello che ho fatto di male?
Come potrò dire a lei che sono cambiato
se non mi vuole nemmeno ascoltare?
Non mi spiego come mai io abbia
questi pensieri nella mia testa
e perché non se ne vogliono andare.

Penso che questi dilemmi
con una risposta
li potrei risolvere!
Ma il vero problema
è che la risposta me la devo trovare
ma come...?

Credo di aver capito,
forse nel mio cuore dovrei cercare!
Ma se nella via del cuore
ce tanta nebbia,
più avanti non potrei andare.
Allora non mi resta altro che prosequire
la via della disperazione
e infelice restare.
Salvatore Riggio
Composta sabato 11 gennaio 2003
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Riggio

    Tu...

    Tu...
    Che vagabondo fin da giovane obbligato sei stato.
    Tu...
    Che troppe città nella tua infanzia hai cambiato.
    Tu...
    Si proprio tu! Che se ogni volta che hai cambiato vita
    rappresentasse una pagina di un libro,
    allora ne avresti riempito di pagine almeno una decina.
    Tu...
    Non so se non aver avuto amici da moccioso
    per te sia stato una fortuna o un peccato,
    eri sempre un vababondo solitario in questo mondo.
    Hai pianto per essere stato solo, ma lo nascondevi
    tratenevi le lacrime davanti gli altri perché tene saresti vergognato,
    era un segno di debolezza per te e questo non lo sopportavi.
    Tu...
    Che consideri comunque di essere stato fortunato,
    non averli avuto almeno significava che nel momento dell'addio
    la tristezza il tuo cuore mai avrebbe potuto sfiorare, si non l'ha toccato.
    Tu...
    Ma chi credi di prendere in giro?
    Preferisci continuare a mentire a te stesso?
    Sappiamo bene che te soffrivi come un cane...
    Avresti preferito essere dalla tristezza sfiorato
    ogni volta che l'addio si avvicinava,
    piùttosto che averla sempre avuto inciso
    nel tuo cuore che dimora per lei è stato.
    Tu...
    Che ormai cresciuto e piccolo uomo sei diventato,
    rimpiangi ciò che hai vissuto da moccioso, il tuo passato.
    Avresti voluto aver avuto un'infanzia piena di amicizie, di sorisi,
    di divertimento, di caldi abbracci come ogni bambino si meritava!
    Ma adesso ti ritrovi a mordicchiarti il labbro perché la tua non è andata
    come te speravi e ti riempie di rabbia perche sai che la tua...
    l'hanno bruciata...

    Tu... Ma perche stai piangendo?
    Io? Per... perché te mi odi...
    No, non odio te, ma la tua infanzia e ciò che ti stette intorno.
    E t... tu per... perché stai piangendo?
    Io? Le mie son solo lacrime di gioia perché
    il tuo è solo passato, una nuova vita ormai stai vivendo...
    Salvatore Riggio
    Composta mercoledì 18 novembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Riggio

      Come una piuma

      Sono senza peso ormai,
      libero come una piuma danzante
      che nel aria volteggia soavamente
      a destra e a sinistra senza meta precisa
      e non più prigioniero di questo vicolo cieco
      in cui per tanto tempo mi trovai.

      Sono senza peso ormai
      con la mente libera, il cuore in pace,
      la mia anima senza davanti quelle sbarre.
      La via si è riaperta adesso potrà scappare
      da quest vicolo cieco ed ne è felice,
      mai tale senso di libertà in vita mia provai.

      Sono senza peso ormai,
      si lo so abbiam sofferto, abbiam pianto,
      abbiam gridato, ci siam sentiti sofocare.
      Il respiro che ci mancava, la gola dolorante,
      il fondo per un pelo siam riusciti ad evitare.
      Peccato solamente per questo povero cuore infranto,
      ma adesso sei libera come non lo sei stato mai.
      Non aver paura! In quel orribile posto
      neanche per sogno ritorno tu ci farai.

      Adesso sei libera...
      Salvatore Riggio
      Composta domenica 29 novembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Riggio

        Delicato inganno

        Credevo che versare un'altra lacrima non ne ero più capace,
        credevo che l'ultima la versai in quella vita che non più m'appartiene
        ma quando ho incontrato te mi son dovuto ricredere,
        Non appena la sentii scivolar giù dagli occhi sulle guance.
        Credevo che se avessi incontrato l'amore
        mi avrebbe avvolto per intero.
        Credevo che sarebbe stato puro è sincero
        ma ho scoperto che è soltanto un inganno un illusione,
        ti si avvicina dolcemente quasi non ci si accorge,
        ti abbraccia prima delicatamente e poi per tutto ti avvolge
        e quando ti lasci andare lei ti stringe ancor più forte
        ma poi inizia a soffocarti e rivela ciò che cela veramente,
        ovvero l'intento di afferrar e tener in pugno il tuo cuore.
        Strozzarlo, calpestarlo e gettarlo via con rancore
        ma troppo invitante fu il suo fare,
        che volevi illuderti e sperare in una rosea sorte.
        Non è cieco l'amore, è accecato colui che si illude,
        il quale l'evidenza vuol negare
        ma tardi è quando ci si accorge che desiderava solo la sua morte.
        Salvatore Riggio
        Composta sabato 19 dicembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Salvatore Riggio

          Lo stelo e il suo fiore

          Come lo stelo e il suo fiore,
          l'uomo della propria donna ha bisogno,
          per sentirsi completo e aver un senso.
          Cosi come lo stelo la sorregge e le da sostegno,
          e l'amor come il loro sole,
          l'acqua come la loro passione,
          la terra come il padre e la sua benedizione
          e il cielo che li avvolge, diviene la realtà che era un sogno.
          Cosi il fiore profuma e inebria l'aria della sua essenza,
          dalle sue radici trova la forza e mai potrebbe vivere senza,
          come lo stelo non arricchisce il prato senza il suo fiore.

          A che servirebbero separati se non esistere gli uni per le altre?
          Salvatore Riggio
          Composta giovedì 5 luglio 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Salvatore Riggio

            Libro dimenticato

            Il silenzio, la mia casa!
            Caccia via l'incertezza e la confusione...
            a loro neanche li fa entrare,
            per loro tiene la porta ben chiusa.
            Il silenzio, la mia pace!
            Senza tormenti l'anima mia può riposare
            da queste altrimenti acque agitate.
            Amo quando tutto tace.

            La solitudine, mia migliore amica!
            Mi aiuta a dimenticare, scordarmi di cose
            che prima troppa importanza ho dato,
            liberando la mia mente dal quella prigione
            in cui il caos regna incontrastato.
            La solitudine, mia salvezza, mia vita.

            Il mio essere un mistero
            pian piano si scopre, si svela!
            Ma solo per coloro che non
            si fermano alla sola copertina...
            Di questo libro pieno di polvere e di ragnatela,
            ma quasi nessuno va mai oltre per davvero.

            Il silenzio, la solitudine, il mio essere!
            Salvatore Riggio
            Composta lunedì 16 novembre 2009
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Salvatore Riggio

              Baratro senza fondo

              L'amicizia tra donna e uomo
              per poco tempo essa resiste solo,
              col suo scorrere incessantemente
              prima o poi in uno dei due essa si tramuta in amore.
              Per colui che amerà, sarà solo sofferenza e dolore,
              ma pur di starle vicino preferirà farsi del male.
              Un male che accetta volentieri perché senza di lei
              quel che ne verrebbe di sicuro sarebbe d'intensità maggiore,
              senza il suo dolce viso, quel sorriso, quegli sguardi, quella stretta
              di mano, quegli abbracci, senza sua dolce voce che canto soave pare
              sentirebbe in sé un vuoto incolmabile e profondo.
              Allora preferisce riempirlo di quel suo amore anche non ricambiato,
              che per lui rappresenta l'unico appiglio a cui si può aggrappare
              per non sprofondare inevitabilmente in quel baratro senza fondo.
              Salvatore Riggio
              Composta lunedì 23 novembre 2009
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Salvatore Riggio

                Il mio sguardo ti trova

                Ora che il mio sguardo ti trova,
                oh fascio di luce che penetra e trafigge
                queste minacciose nuvole di una notte offuscata,
                mi illumini la via, la strada da percorrere!
                Di questa città che per l'oblio sembra essere destinata,
                senza te dal labirinto fuoriuscito non sarei, dovendomi arrendere,
                mi sarei perso vagabondando senza meta in questa vita dannata.
                Non ti ho mai dato nulla ma sei qui intenta a volermi proteggere,
                sei il mio punto di riferimento, la stella polare che tanto ho desiderato.
                Mai a niente e nessuno permetterò che ci possano un giorno dividere,
                non ti perderò di vista ora che il mio sguardo ti ha trovato.
                Te che hai udito l'urlo del mio silenzio e l'ha ascoltato.
                Ormai altro dire sarebbe futile tranne che... Grazie di esistere.
                Salvatore Riggio
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Salvatore Riggio

                  Poesia

                  Ho il cuore lacerato e le mani ferite
                  e col loro sangue che scrivo
                  i miei versi, le mie poesie.
                  La stilo la faccio scorrere sulla carta che sa di nuovo,
                  intingendolo in quella pozzanghera che si è formata col mio dolore.
                  Ed ad ogni parola cerco di donare
                  mille sfumature di emozione e le do colore.
                  E se alcun brivido all'anima di chi legge riuscirò a suscitare,
                  se alcun sobbalzo riuscissi a provocare al cuore di quel lettore,
                  allora questo foglio apparirà di tonalità grigiastra
                  gli scivolerà via dalle mani, tra le dita
                  e il vento lo scaraventerà fuori dalla finestra.
                  Stracciandolo con le sue raffiche in mille pezzi
                  di cui la pioggia e il tempo non avranno pietà.
                  Diventerebbe un foglio come un altro di cui nessuno si ricorderà.
                  Salvatore Riggio
                  Composta martedì 5 gennaio 2010
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Salvatore Riggio

                    Fino ai confini dell'infinito

                    Te sei l'ossigeno per il mio cuore.
                    Il respiro della mia anima.
                    Il senso della mia vita.
                    Te sei il palpito del mio cuore,
                    ragione per cui esso batte ancora.
                    Sei le ali che avvolgono la mia anima,
                    che mi sollevano ogni giorno
                    asciugando ogni mia singola lacrima,
                    che non permettono che ne versi ancora.
                    Te sei il mio sorriso, il suo riflesso.
                    La mia felicità, la gioia nella mia vita.
                    Te sei colei che ha strappato via
                    le braccia  della solitudine che mi avvolgevano, che avevo addosso.
                    Te sei la luce che accarezza il mio viso al mio risveglio nella mattina.
                    Sei ormai più importante di me stesso.
                    Sei, sei, sei e ancora sei la ragione per cui le parole
                    non basteranno mai per descriverti appieno mio amore...
                    Poiché la tua bellezza d'animo,
                    si espande fino ai confini dell'infinito.
                    Salvatore Riggio
                    Composta venerdì 8 gennaio 2010
                    Vota la poesia: Commenta