Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Nello Maruca

La fede

Se il guardo porti in cielo
e vedi Dio,
se lo riporti in terra
e ancor l'incontri,
se spazi sopra al mare
e lì galleggia,
se sul lago lo trovi
e pur sui monti,
se pensi al bruco fuoruscir
dall'uovo, al cambiar
di pelle e divenire
crisalide e poi farfalla,
se il pensier ti ritorna
dalla farfalla all'uovo
e in questa metamorfosi
l'opera Sua immensa
vedi e credi,
se riconosci Egli nel tuo corpo,
se tua fiducia in Egli tu riponi,
se i bisogni tuoi ad Egli esponi
e se confidi in Lui ogni certezza,
se credi che in Egli sol'è salvezza,
se ovunque il guardo giri
e lì lo vedi,
se nel morire credi andargli incontro,
se credi ch'ha poter sui tuoi peccati,
che per essi il Suo Figliolo in croce
ha dato
e che soltanto Lui tutt'ha creato,
se tutto quest'è in te:
Questa è la vera fede, la fede in Dio.
Nello Maruca
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nello Maruca

    L'insegnamento

    Sono allo scorcio, ormai, del mio sentiero
    ma più che mai vivere vorrei tanto
    per ricordare a tutti del tuo pianto
    e mantenere a lungo il tuo pensiero.

    Io a rimuginare lo tengo in testa
    quell'eufemismo che mi desti in pasto
    quando aggiungesti, col tuo fare mesto,
    tace chi tiene perspicacia lesta.

    Pure affermasti che giudizio tiene
    colui che in petto sempre l'ira contiene;
    lo dicesti con fermezza e certezza
    tanto che l'acquisii senza dubbiezza.

    Nel bagaglio d'esperienza l'ho aggiunto
    e, in toto, ha già domato la mia grinta.
    Nello Maruca
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nello Maruca

      Ricordi

      Rosa il tuo nome e rosa eri di viso
      Ricordo, Mamma, il tuo bel sorriso;
      ricordo quell'incedere tuo lesto,
      ricordo radunati i capei a cesto.

      Ricordo gli occhi tuoi castano scuro,
      ricordo del tuo amore sempre puro;
      ricordo il tuo bel mento ovaleggiante
      su quel bel viso splendido, raggiante

      Ricordo, Mamma, quando al casolare,
      raccolti accanto al grande focolare
      raccontavi per noi fatti e romanze
      di principi e duchesse in grandi stanze.

      Principato, ducato e marchesato
      Quante fiabe per noi hai tu inventato!
      Altro dare di più non si poteva:
      in miseria di guerra si viveva.

      Ricordo i tempi degl'oscuramenti,
      i razzi a notte fonda rilucenti,
      ricordo le nottate fredde, io ignudo,
      quando il Tuo corpo a me facea da scudo

      per quei rumori forti ed assordanti
      di velivoli in cielo roteanti.
      Di gran paura si stringeva il core
      ma Tu coprivi tutto col tuo amore.
      .
      Allo scoppio di bombe a noi vicino
      stringevi a Te più forte il corpicino;
      lo facevi così, con tant'ardore,
      che risentirlo lo vorrei a quest'ore.

      E, mi ricordo, Mamma, le speranze
      che in quelle tristi, brutte circostanze
      trasmettevi nel debol cuoricino
      Dell'arrivo di Papà così vicino.

      Lo facevi con sì tanta fermezza
      che dissolvevi in me forte l'ebbrezza
      nella certezza di veder domani
      il Suo bel volto e le Sue grandi mani.

      Or più non sei, dolce mia Mamma
      cara, di Te solo ricordi in alma
      serbo, ricordi che mi servono a pensare,
      ricordi che mi portano a sperare.
      Nello Maruca
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Nello Maruca

        L'insatanassato

        Di Preziosissime pietre adorni, due gioielli
        di platino con arte di divin mano forgiati,
        che mai ad umano concesso fu far sì belli
        ad altro, di men preziosità, furo affiancati.
        Alfin che in scrigno, come in corpo anima,
        li custodisse al par di reliquie di beati
        essi, cui alto valore dato non è far stima,
        ad orafo in cura furono affidati.

        Fu l'orafo, ahimè, turbato dal Maligno
        che con fare suasivo quanto loquace dire
        a distruggere i preziosi del pregiato scrigno
        lo spinge e la ricchezza nel fango fa finire.
        Come voce umana sotto palazzi sgretolati
        miste a pianto e suppliche infinite
        due voci s'alzano a lamenti tormentati,
        per l'azione ricevuta, inorridite.

        Sono le voci di due rondinini ch'assistono
        dolenti al frantumarsi del lor caldo nido
        di Dio, la sua pietà, piangendo implorano:
        Non trasportarci, no! in altro estraneo lido.
        All'esile filo della speranza appesi
        col cuore in gola, con la voce spenta, sconfitti,
        feriti, stressati, offesi e vilipesi
        pietà, oh Dio, pietà! Perché ci vuoi trafitti?

        In un angolo remoto sono due stanche latte
        che il satanasso a calci e appulsi precipita
        in un fosso i cuori infranti, le costole rotte;
        mortificata ognuna, sì, ma non stizzita
        a sera lo guardo triste volgono al Ciel beato
        col pianto in cuore, col perdono in mente
        pregano alfin che l'orafo nel baratro calato
        al nido piagnucolante torni, serenamente.
        Nello Maruca
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Nello Maruca

          Piccola stella

          Fulgido fiore al pari di violetta
          Candida più del candor di giglio,
          profumatissima qual fiore di tiglio;
          e tant'altre qualità hai pargoletta.

          Quanto profumo e qual da giovinetta
          Custodirai nel tuo diletto petto?
          Quanti steli piegheranno al tuo cospetto
          Se già cotanta ricchezza hai piccoletta!?

          Se in terra ubertosa è allignato
          Querciolo che sviluppa dritto e robusto
          Qual in altro terreno può dirsi arbusto
          Meglio o al par di quello là maturato?

          In fronte a esso ognun s'affloscia
          E reggere non può al suo cospetto
          Chè se un arbusto già splendido nasce
          Già tutte qualità racchiude in petto.

          Scarso è lo mio dir per te, o bella
          Ilenia, perché dire di splendida Stella
          Non può chiunque a tavolo s'accosta
          Ma chi ha cervello assai e niente crosta.
          Nello Maruca
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Nello Maruca

            Tristezza

            Quanta tristezza, o Dio, che sofferenza
            avere tanti fratelli e esserne senza.
            Forse perché l'umanità non tiene essenza
            diniego, perciò, d'affetto e indulgenza.
            Se nell'amor non è la temperanza
            tosto scompare da mente la pazienza,
            si spezza il sottil fil della speranza,
            subentra, indi, rabbia e arroganza.
            Finché della sincerità c'è la presenza
            appare tutto favola e romanza;
            allorquando qualcuno vive d'importanza
            l'altro fa calare nell'impotenza
            perciò a mano che quell'altro avanza
            colui che pria tenea pari uguaglianza
            cade e finisce presto nell'indigenza.
            Quell'altro, lo spergiuro, nell'indecenza.
            Se spiegare si dovesse la causanza
            di tal caparbia e stupida perseveranza
            ciascuno direbbe: In me è tolleranza.
            Altri son privi di buona coscienza
            ignari di cos'è la fratellanza.
            Nello Maruca
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Nello Maruca

              Il pentimento

              O Genitori che state sotto ai pini
              Udite la mia prece o miei divini,
              sentite quanto grande è il pentimento
              di me che non ho colto il buon momento.

              Di stupidità pervasa la mia mente
              Indegnamente fui da Voi assente
              Ed or che più rimediar non posso
              Il danno rimpiango e il tempo lasso

              E me compiango di quanto non fui lesto
              E per quanto vile fu ogni mio gesto
              Nel trascurare per bramosia i Vostri affanni
              ArrecandoVi assai molti più danni.

              Per i dovuti e mancati omaggi
              Perdono: la mia prece è per Voi oggi,
              finché vivrò nel profondo del petto Vi terrò
              e sempre nei pensieri reconditi Vi avrò.

              Del male fatto assai molto mi dolgo
              E a Voi Anime elette mi rivolgo:
              Alfin che trovi la perduta calma
              Raggiunga il perdon Vostro la mia alma.
              Nello Maruca
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Nello Maruca

                Arrivismo

                Pusillanime, miserevole don Abbondio
                dell'Opera manzoniana turpe figuro,
                alla vista dei bravi, dal guardo truce e duro
                fu, tremante del proprio io, dimentico di Dio.
                Poscia, ancor, fremente di rabbia e di paura
                cavalcar dovette la dispettosa mula
                che rasentando sen'iva l'orlo dell'altura
                con la testardaggine degna d'essa mula.

                Di sua paura colpa nessuna avea, il poverello,
                giacché cavalcato mai avea mulo o asinello.
                Mai, prima, di brutti ceffi fu a lor cospetto
                perciò il freddo trafissegli carni e petto.
                La sua dimestichezza era il breviario
                che al libro accompagnava del lunario;
                marchiato, pur tuttavia, fu di vigliaccheria
                cui mescolanza avea a risaputa tirchieria.

                Col segno a fuoco sulla fronte impresso
                per la codardia, vittima fu di se stesso;
                qual'uomo da nonnulla fu additato
                e da ciascuno schivato e allontanato.
                Misero più d'egli è il cavaliere esperto
                che di bestie da soma fu domatore certo,
                dacché teschio è vuoto e di cervello senza
                per perdita d'onestà, scienza e coscienza.

                Grand'uomini furonvi d'onori e d'armi
                che per amore ridussero lor intelletti inermi;
                l'Orlando per l'Angelica perse il cervello
                ma egli, per poco o nulla, perse il fardello.
                Quegli nobile sentimento seguitava
                per cui la sua pazzia giustifica trovava;
                questi l'amata lasciava per materia
                quando già dava, da trent'anni, onori e gloria.

                Perso, con l'abbandono ha amori, grazie, onori
                e scomparsi sono i prati seminati a fiori;
                d'irsute spine la via tortuosa prende
                mentre ogni giorno più in basso scende.
                In quel che don Abbondio credea infausto giorno
                reggere, della stupida mula, seppe il governo
                e tra preghiere, lamentele, suppliche e lagne
                agli applausi, alla fine, passò dalle vergogne.

                Il cavaliere credendosi sommo del meglio
                da furente il destriero lancia allo sbaraglio
                mentre, lemme, l'arciere scaglia la freccia
                che il cavaliere nuotar fa nella feccia.
                Ora s'affligge sull'operato suo nefasto
                cercando dar riparo al provocato guasto;
                al coccodrillo s'accosta a somiglianza
                che piange su distrutta figliolanza.
                Nello Maruca
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Nello Maruca

                  Carogna

                  Frutto di un emerito cretino
                  circola per le vie un volantino;
                  scritto l'ha con mano malandrina
                  persona disgraziata, burattina.

                  Verme strisciante, misera carogna
                  l'essere tuo è tutto una vergogna;
                  sei un vile mascalzone puzzolento,
                  essere abietto, indegno e virulento.

                  Mente maligna, produttor di male
                  la lordura scritta, dimmi, a cosa vale?
                  Il profano al divino hai mescolato
                  per questo, farabutto, sarai schiacciato.

                  Mente malata, instabile e corrotta
                  l'opera infame segna la tua condotta;
                  peggio di Giuda sei e di Caino
                  impiccati, bastardo, sei un assassino.

                  Di giovani hai violato i sentimenti,
                  perché non hai attaccato altri elementi?
                  Rispondi, lestofante, vieni avanti
                  mostra tua faccia, i toni tuoi arroganti:

                  Aguzzino, miscredente, delinquente
                  degno non sei di stare tra la gente
                  giacché rifuggi dal civil confronto
                  e dell'anonimato tieni conto.

                  Vergognati! Anima vile di peggiore
                  specie, bestia feroce, trafiggitor di cuore,
                  al posto delle mani hai degli artigli
                  dimmi, carogna, tu ne hai di figli?

                  Hai conosciuto mai dei sentimenti?
                  Sai dirmi quanto sono sublimanti?
                  O rettile sei nato tu strisciante
                  ed odio alberghi per la buona gente?

                  Hai segnalato del Vangel dei versi
                  ma quei tuoi scritti ad esso son'inversi:
                  Hai giudicato senz'alcun diritto
                  possa in eterno piangere il tuo scritto.
                  Nello Maruca
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Nello Maruca

                    La preghiera dell'orfanella

                    Quando ch'ancora il latte mi donava
                    persi l'aggrappo a lauta mammella
                    di quella nobile figura dolce e bella
                    che sopra al core suo mi dondolava.
                    Un dì per smisurata malasorte
                    in fretta si partì per luminosa
                    via lasciandomi di nettare desiosa
                    alfin di Dio venire a maestose Porte.

                    Inver con me voleva ella restare
                    ma divin Forza al ciel la fa carpire
                    e a nulla valser lo suo reagire
                    né le suppliche mie per fer voltare.
                    Troppo piccina per attaccarmi a Te,
                    Madre Divina, che se possanza avessi
                    avuto per'amore Tuo, e gl'eccessi
                    pianti, per caritade, mi sarei gaudente.

                    Qual uccelletto io ancora implume
                    restar volevo nel mio caldo nido
                    ma lo destino tristo quant'infido
                    non volle lì mettessi le mie piume.
                    Pregarti, allora, Madonna, non potevo
                    ché ancor lo cervel mio non connetteva
                    né la mia lingua verbo ancor diceva
                    né di mie gambe passo alcun movevo.

                    Ma ora che lo cervello s'è ingrandito
                    e lo cuor mio per malor si è spanso
                    e molto a ragionar riesco e penso
                    a questa preghiera l'ascolto Tuo invito:
                    Se darmi non vuoi ancor l'amata mamma
                    perché poss'io toccarla e abbracciarla,
                    se in Cielo vuoi Tu ancora trattenerla
                    privandomi ognora della mia fiamma

                    fa ch'io giunga almeno ai Tuoi piè santi,
                    fa che alla scala dell'empireo approdi,
                    lascia almeno lì che la mia mamma godi
                    e di sospiri la copri e di miei pianti.
                    Nello Maruca
                    Vota la poesia: Commenta