Scritta da: Marilena Aiello

Un pensiero. Non è una poesia

E mi guardo: cammino sulla spiaggia, che è questa vita, i miei passi lasciano orme subito cancellate dalle onde, raccolgo sassolini bianchi, neri, rosa, sono molto più antichi di me, e piccoli vetri colorati smussati dalla forza del mare... chissà se erano bottiglie di champagne o di birra, chissà se la persona che le ha stappate rideva o piangeva, chissà da dove vengono. E ogni tanto trovo una conchiglia, capolavoro di architettura, bella, vuota. Quanto lavoro abbandonato, perso.
E penso che ciò che più mi fa stare bene, questo vento fresco tra i capelli, questo mare che mi carezza i piedi, fa spaziare il mio sguardo, mi riempie gli occhi di verde e di blu, le narici di sapore salmastro, mi profuma la pelle, tutto questo è ciò che non posso raccogliere, conservare, portare a casa, dimenticare in una scatola, incollare su una cornice.
Tutte le cose più belle sono intangibili e però sono quelle che arricchiscono il nostro animo di sentimenti e la nostra mente di ricordi. Tutto il resto è passeggero.
Le cose sono segnalibri che ci ricordano a che punto siamo nella costruzione della nostra conchiglia, prima di lasciarla sulla terra, senza sapere che ne sarà: decorazione, gioiello, granelli di sabbia, polvere o piccolo tesoro nella mani di un bambino!
L'importante è lasciare qualcosa, di bello, se si può.
Marilena Aiello
Composta mercoledì 22 luglio 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilena Aiello

    Prima del tutto

    Nella speranza che tu non ti perda mai,
    con la paura che tu possa farlo
    e la convinzione che un intervento divino ti riporterà sempre nella giusta strada,
    ti prendo per mano e ti racconto,
    ancora,
    che qualcosa cambierà
    che qualcuno arriverà
    e il sipario sarà levato
    e vedrai
    e saprai.
    Ti voglio bene,
    questo
    almeno
    lo sai.
    Marilena Aiello
    Composta sabato 15 marzo 2008
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilena Aiello

      2010

      Ti ringrazio per ciò che mi hai portato
      ma non per ciò che mi hai tolto.
      Ti ringrazio perché sono ancora qui, tutta intera
      ma non ti ringrazio per chi non c'è più perché il vuoto è incolmabile.
      Ti ringrazio per le ferite, quelle che insegnano
      ma non ti ringrazio per tutti i dolori inutili.
      Ti ringrazio per l'esperienza che fa crescere
      ma non ti ringrazio per tutti gli anni che mi hai preso, in soli 12 mesi.
      Ti ringrazio perché te ne vai
      ma non so che succederà con quello che verrà.
      Ti ringrazio perché è mia abitudine
      e perché amo guardare tutti i segni positivi
      e chiudo gli occhi su quelli negativi.
      Ma non ti ringrazio per le promesse non mantenute
      né per le delusioni, né per il freddo e il buio che mi lasci.

      Non ci resta che l'amore, a dispetto di tutto.
      Nonostante tutto, resta solo l'amore.
      E quindi, vogliamoci bene perché esiste solo questo:
      esiste solo ciò che non c'è, ciò che non si tocca, che non si vede.
      Ma, se chiudiamo gli occhi, lo sentiamo, forte e prepotente.
      Marilena Aiello
      Composta giovedì 30 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marilena Aiello

        Pensiero ricorrente

        Siamo soli.
        Mentre camminiamo e parliamo e ridiamo,
        siamo soli.
        Con le nostre speranze, i nostri sogni,
        le aspettative che ci riempiono cuore e tempo, mente e mani,
        ma siamo soli.
        Si chiudono le porte e le finestre, si spengono le luci, si asciugano le lacrime
        e siamo soli. Ognuno con se stesso.
        Ci prestiamo a qualcuno che raramente si presta a noi,
        ma restiamo soli.
        Cerchiamo un complice, un compagno, un amico, un eroe o un bandito,
        ma siamo soli.
        L'eco dei battiti del cuore rimbomba nelle stanze dei pensieri,
        i passi contano gli attimi,
        sommano gli anni e le distanze,
        sciolgono i legami,
        creano danze che disegnano cerchi e arabeschi
        e ci confondono lasciandoci perdere,
        ma illudendoci di trovarci.

        Buonanotte ad ogni singola anima,
        buonanotte alle folle di uomini soli.
        Marilena Aiello
        Composta sabato 8 gennaio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di