Scritta da: Marilena Aiello

Toccami

Ho paura a toccarti
potresti svanire
rivelare l'illusione
la bella costruzione
della mia mente ingannevole

Ho paura a baciarti
potresti dissolverti
in arabeschi nel cielo
fumo denso di paglia umida
odoroso ed inebriante

Ho paura eppure resto qui
a guardarti da così vicino
annusare il profumo
osservare le pieghe
dell'abito, del viso, dei gesti

Ho paura e ti imploro
toccami tu, baciami tu
che non sia io a cancellare
la bella costruzione
della mia mente ingannevole.
Marilena Aiello
Composta lunedì 9 gennaio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilena Aiello

    Una canzone, amore mio

    Scriviamo una canzone, amore mio
    Scriviamola d'amore e gioia
    Musichiamola di risate gaie

    Scriviamo una canzone, amore mio
    Raccogli le piume dei miei pensieri
    Intreccerò le note della tua voce

    Scriviamo una canzone, amore mio
    Cantiamola al mondo che corre
    Celebriamo la vita che scorre

    Muri alti ci separano in queste gabbie
    Gli occhi socchiusi non possono vedersi
    Le mani nascoste non possono toccarsi

    Ma la tua voce mi giunge allegra
    Come ti giungono felici i miei pensieri
    Se scriviamo una canzone, amore mio.
    Marilena Aiello
    Composta martedì 3 gennaio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilena Aiello

      Una Scintilla!

      Eppure... cos'era?
      Qualcosa di così piccolo e così forte
      Qualcosa di così fugace e così eterno
      Qualcosa di così semplice e così magico
      Un battito di ciglia, un battito di cuore
      Un battito d'ali... il fragore del mare!
      Tutte le onde e l'azzurro del cielo
      Monti e vallate, cigni unicorni e fate
      Cascate di sorrisi, pioggia di carezze lievi
      Musica e silenzio, un abbraccio infinito

      In quell'istante ho navigato
      Tutte le emozioni che m'avevi negato.
      Marilena Aiello
      Composta venerdì 30 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marilena Aiello

        Vorrei

        Vorrei, per Natale, qualcosa di speciale
        vorrei che tu mi chiamassi amore
        e che lo dicessi con tutto il cuore
        vorrei che tu baciassi le mie labbra
        con tale passione da rendermi ebbra
        vorrei credere possibile quest'unione
        vorrei che non fosse soltanto un'illusione...
        Tu potresti comparire all'improvviso
        dietro i miei passi, davanti il mio viso
        stupita sorpresa ti abbraccio mi abbracci
        ti bacio mi stringi, le tue dita son lacci
        annusi il mio collo, mi avvolgi le spalle
        ti cingo la vita e... suona la sveglia!
        Marilena Aiello
        Composta giovedì 22 dicembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di