Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: lily the moon

I colori che indosso

Non sono i colori che indosso,
questo magico arcobaleno,
che fan di me una donna particolare.

Non bella, non giovane, nevrotica,
infantile, divertente, sensibile,
leale, esigente, generosa,
aggressiva, trasgressiva, ironica,
affascinante, sensuale,
altrettanto gelida e spietata.

Mi vesto di questo manto e sprigiono colori...
Vivaci e sgargianti, timidi pastelli, tetri e oscuri.

Io sono così,
non solo i colori che indosso.

Dono il mio sorriso insieme ai miei colori.
Un privilegio sempre concesso con generosità,
molte volte sottovalutato, ferito, umiliato.

I colori...
Mi avvolgono e proteggono,
mascherando la mia vera essenza.

I colori...
non sono nulla senza la mia luce che li riflette...
Io sono dentro i miei colori.

Figlia dell'universo,
cammino libera per il mondo, respirando il mio tempo,
pervasa dai suoi profumi.
Mai schiava delle ipocrisie e delle false ideologie.

Io donna,
anche oscurata dalle mie paure,
scelgo di andare oltre,
di volare alta, rischiando di cadere.
Orgogliosa e temeraria
brillo nuovamente alla luce del Sole.

Io donna,
non sono solo i colori che indosso.
Liliana Maria Capanni
Composta martedì 18 febbraio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: lily the moon

    Un attimo in sospensione

    A volte sembra che le giornate debbano non avere mai fine.
    E le notti di riposo sono sempre troppo corte.
    Allora prendiamoci giusto una manciata di secondi.
    Uno sguardo alla natura così eternamente bella,
    da passare troppo spesso distrattamente sotto i nostri occhi.
    Quante piccole cose belle che non osserviamo mai.
    Un respiro profondo e lento.
    Un sorriso pieno di simpatia.
    Quanta energia può donarci e ossigeno e linfa vitale.
    E poi si ricomincia.
    Verso una nuova sfida, verso una nuova battaglia!
    Liliana Maria Capanni
    Composta mercoledì 5 settembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: lily the moon

      In fuga da me stessa

      Ogni tanto vorrei nascondermi, nascondermi da me stessa.

      Così faticosa da vivermi.
      Con tutti i miei ragionamenti sulla vita.
      Le minuziose danze nelle pieghe dell'animo e della sensibilità.
      Le aspettative che non dovrei coltivare.
      La mia ingenuità nei rapporti sociali.
      L'assurda fiducia incondizionata, che mi rende partecipe della vita degli altri.
      Con quell'insensata e presuntuosa convinzione di poter essere un aiuto, nuova linfa.
      Voler ostinatamente pensare che possano credere nei miei stessi valori e principi.
      Possiedano la stessa generosa visione della vita, dell'amicizia, dell'amore, della lealtà.

      Da sempre so cosa dovrei e cosa non dovrei.
      Dire... Fare... Dare...
      Eppure, la mia anima vola alta e se ne frega.

      Continuando a inseguire chimere e sogni,
      gioendo per ogni goccia di felicità, che riesce a sentire dentro di se.

      Attimi assolutamente irrinunciabili, che la rendono vibrante e fulgida come non mai.
      Impossibile fermare la mia anima che libra leggera ai confini con i sogni.
      Non potrei sentirmi viva, altrimenti.
      Sarei solo un surrogato di me stessa.

      Se solo riuscissi a non affondare così profondamente
      nell'imo della solitudine e della malinconia,
      mentre resto impigliata nei retaggi delle disillusioni.

      Ogni tanto vorrei sospendermi,
      non vivermi... per un po'.
      Liliana Maria Capanni
      Composta martedì 1 ottobre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: lily the moon

        Le persone speciali

        Accorgerti che hai a fianco una persona speciale,
        più complicato di quanto sembri.
        Pensi che il suo esserti a fianco sia un fatto normale,
        scontato, un atto dovuto, assodato.
        Così lontano dalla verità.
        La sua scelta di donarsi a te è libero arbitrio del cuore.
        Dell'amicizia, dell'amore.
        Puoi viverne i benefici,
        senza comprender mai la tua ricchezza.
        Questa presenza speciale, frustrata,
        incompresa, tradita, disprezzata,
        un giorno se ne andrà.
        Solo allora, capirai, risvegliato dal tuo torpore,
        quanto vicino tu sia stato alla felicità.
        Ti rimarrà il vuoto di quella presenza gentile,
        ti mancherà ciò che mai più sarà.
        Liliana Maria Capanni
        Composta venerdì 31 ottobre 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: lily the moon

          Della passione e della ragione

          Alle volte capita, quando meno te lo aspetti,
          di vivere situazioni del tutto inusuali,
          inaspettate e gradevolmente sorprendenti.
          Non sai esattamente cosa hai fatto per esserne protagonista.
          La ragione e la razionalità tengono a freno i tuoi sogni,
          ma è impossibile non sentire la forza con la quale
          la passione vuol sciogliere le cime e spiegare le vele.
          Non importa se verso l'impossibile.
          Non importa se verso un mondo fantastico,
          dove convenzioni e perbenismo non esistono.
          La tua anima ed il tuo cuore sussurrano.
          Non pensare al tempo nuovo.
          Vivi l'adesso al meglio che puoi!
          È l'unico vero tempo che hai da vivere.
          Ci sono momenti che librarti alta nel cielo e
          lasciarti trasportare dal vento in un volo liberatorio,
          è veramente l'unica cosa che ha senso per te.
          Via veloce e leggera verso l'Isola che non c'è.
          Certo... Puoi tentar di domare l'imponderabile,
          il fato, il destino, con il senso della ragione.
          Ma sei viva e reale solo quando dentro te
          divampa la fiamma della passione.
          Ecco, allora, che se ti lasci andare,
          finalmente, sei libera dalla tua prigione.
          Liliana Maria Capanni
          Composta lunedì 21 gennaio 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: lily the moon

            Le Spirali

            A volte capita di vivere i sogni come fossero realtà.
            Altre volte viviamo la realtà come fosse un sogno dal quale presto ci risveglieremo.
            Alle volte capita che sogni e realtà si incontrino sullo stesso piano.
            Altre volte la realtà ed i sogni non si incontrano mai.
            Girano in spirali concentriche.
            Sembra che si incontrino
            Si incrociano
            Quasi si sfiorano.
            Poi, però, proseguono nella la loro corsa.
            Una diametralmente opposta agli altri.
            Liliana Maria Capanni
            Composta domenica 16 ottobre 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: lily the moon

              I crateri della mia vita

              Sospesa nell'aria, dall'alto guardo la mia vita vulcanica.

              Il cratere del passato attivamente mi rimanda i ricordi dei più bei momenti vissuti.
              Lapilli di gioia e dolore, odio e amore, gelide indifferenze e travolgenti passioni, si alternano!

              Il cratere del presente sembra un lago, profondo, scuro. Immobile ed impenetrabile alle volte, mosso da vortici tumultuosi altre.
              In ogni caso freddo, così distante dal rappresentarmi, eppure così implacabilmente reale.

              C'è un terzo cratere dal quale, a tratti, fumo e cenere inondano il cielo illuminandolo: è il mio futuro che avanza.

              È impaziente, vorrebbe esplodere con tutta la sua potenza.
              Mi attira a sé aspettando solo un impercettibile segno.
              Il mio rinnovato coraggio di vivere.
              Liliana Maria Capanni
              Composta martedì 26 luglio 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: lily the moon

                Malinconie e solitudini

                A volte d'improvviso,
                osservando il mondo intorno a me,
                mi sento pervadere da una malinconia e da una solitudine senza fine.
                Chi sono io, qual è il mio ruolo nella vita?
                Doloroso come sale su una ferita rispondermi con sincerità.
                Solo un granello di sabbia nel deserto.
                Se il vento mi portasse via, ora.
                Nulla muterebbe, nulla.
                Un soffio leggero e delicato, poi, dona sollievo al mio dolore.
                Potrebbe esistere il deserto se non ci fossero milioni di granelli di sabbia, come me?
                Milioni di gocce a formare il fiume, il mare, gli oceani?
                Il disegno del quale facciamo parte forse è troppo grande per comprendere appieno il nostro ruolo,
                forse da soli non siamo nulla,
                ma se riusciamo ad allargare il nostro orizzonte,
                comprendiamo che ognuno di noi è importante in questo complicato ingranaggio del quale inconsapevolmente siamo parte.
                Guardo il paesaggio autunnale in questo grande parco illuminato da un pallido Sole.
                Sento il tepore di un abbraccio invisibile, consolatorio,
                la Natura mi accoglie.
                Mi culla dolcemente.
                Malinconia e solitudine si dissolvono.
                Liliana Maria Capanni
                Composta sabato 3 dicembre 2011
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: lily the moon

                  In un giorno di pioggia

                  Il viale appare come un dipinto all'improvviso.
                  L'asfalto è un tappeto lucido steso in mio onore.
                  Ai suoi lati cavalieri alti e fieri con l'elmo dorato mi rendono omaggio, gli alberi.
                  Il cielo grigio perla fa da sfondo, liberando la pioggia prigioniera delle nuvole.
                  Danza in gocce sottili felice,
                  regalando piccoli bagliori di luce ovunque si posa.
                  Una piccola magia che la natura compie per accogliermi in questo nuovo giorno....
                  Ed ecco che il Sole è dentro di me!
                  Liliana Maria Capanni
                  Composta giovedì 10 novembre 2011
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: lily the moon

                    Desideri di vita

                    A volte il nostro solo desiderio è fermare i nostri pensieri,
                    lasciarli andare per sentirci più leggeri,
                    per volare alti e scordare ciò che ci fa star male.
                    E se invece anziché sfuggirli con ogni mezzo,
                    affrontassimo il nostro presente come fosse
                    l'attimo più importante che stiamo vivendo?
                    Allora anche il più infinitesimale dettaglio
                    meriterebbe tutta la nostra attenzione e
                    saremmo capaci di goderne a piene mani.
                    I nostri desideri sono ciò che vogliamo vivere
                    e che dobbiamo soddisfare.
                    Non possiamo affidarli ad una stella cadente.
                    Sperando che si avverino.
                    Dobbiamo crederci fermamente e non demordere.
                    Mai.
                    Liliana Maria Capanni
                    Composta venerdì 10 agosto 2012
                    Vota la poesia: Commenta