Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: albix

Vorrei

Vorrei poter sentire
quelle canzoni d'amore
che non si sentono mai
perché chiuse nei cassetti
perché chiuse dentro ai cuori
vorrei palpitare
per quelle carezze
mai date e mai avute
per quei sospiri
che scuotono l'anima
come onde continue del mare
vorrei poter coprir la terra
come fa il cielo
ad asciugare il pianto
d'ogni angustia e d'ogni sofferenza
vorrei poter sentire
e sento
che Dio da qualche parte
ascolta e partecipa
a questo gran tormento
che noi chiamiamo vita.
Ignazio Salvatore Basile
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: albix

    Il Mistero del mio amore

    Io non ho amato mai,
    poiché mai mi amarono
    le donne che io amai
    e non amai
    coloro che mi amarono!

    Insegui dapprima impossibili amori;
    poi, quando il corpo prepotente
    me lo chiese, amai, ma non fu amore;
    fu sì, dolce scoperta del piacere,
    pelle dentro pelle, fuoco con fuoco,
    furore placato nella voragine della vita;
    ma non fu amore.

    Neppure fu amore lo spasmo con cui attendevo
    Vedere l'aria colorarsi delle sue forme,
    quando mi bastava sentirla,
    eterea, impalpabile ma presente,
    che pur sapevo non mia
    e non fu amore.

    Così, ancora ti cerco, sublime, decantato amore.
    Chi sei? Tu che fuggente, dagli dei
    Fosti mandato all'uomo?
    Sei per tutti o sei per pochi?
    Tu che catturi i cuori e la ragione?
    Sei realtà o finzione?
    Menzogna o verità?

    Ancora ti cerco, struggente amore,
    occhi senza veli, compagna di volo,
    schiava e padrona, madre e amante,
    mistero della vita!
    Ignazio Salvatore Basile
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: albix
      Ci avevano detto
      tornatevene a casa
      ripiegate le vostre bandiere
      dimenticate i vostri slogans!

      Il sessantotto è già finito
      ritorna la quiete
      vi sia servito di lezione!

      Cambiare il mondo
      ma che pazzia
      e non a caso son capelloni:
      qui ci vorrebbe chi dico io!

      Ecco li vedi
      questi drogati
      che scendono in piazza
      a gridare stronzate!

      E poi che c'entra il Vietnam?

      Finalmente si sono decisi
      ad usare il pugno di ferro:
      disperdete quella folla!



      Olà compagni
      uscite di casa
      rispolverate le vostre bandiere
      torniamo a urlare i nostri slogans!

      Il '68 non è mai finito
      e ancora adesso, vogliamo la pace
      crocifiggiamo chi dico io!

      I nostri nemici
      di ieri son qui
      per lottare al nostro fianco
      per costruire un mondo migliore!

      E voi baroni
      cominciate a tremare
      il vostro dominio
      ha i giorni contati:
      fuori i baroni dalla scuola!
      Ignazio Salvatore Basile
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: albix

        Il Richiamo dell'Anima

        Se si potesse ritornare indietro
        Chi non si stringerebbe forte al petto
        La giovin madre dei bei tempi andati?
        E chi non seguirebbe quei consigli
        Che contestati furono del padre?

        Ah, se potessimo tornare indietro
        Su quelle labbra rosa sospiranti
        Di sogni ancor lontani da venire!

        Ma se è pur vero che noi siamo in viaggio
        Verso la patria da cui dipartimmo
        Quel dì lontano che nascemmo in terra,
        allora è meglio proseguir lottando
        per quella via che al Monte Suo Superno
        conduce con preghiere e con coraggio!
        Ignazio Salvatore Basile
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: albix

          Prologo al Vangelo di Luca

          Prologo
          vv 1-4

          Poiché molti hanno posto mano a stendere
          Un resoconto degli avvenimenti
          Successi tra noi, come posson rendere

          Testimonianza quelli che discenti
          Gli furono sin dall'inizio e dopo
          Divennero ministri e docenti

          Della parola, ho deciso, allo scopo
          Di dimostrare la solidità
          Di tutti gli insegnamenti che all'uopo

          Hai ricevuti sin dalla tua età
          Più tenera, ho deciso, dicevo,
          di ricercare anche io con onestà

          tutti i fatti accaduti sin dall'Evo
          Primo di Gesù e farne un racconto
          Per te, illustre Teofilo! Devo

          Ribadirti ancora che il resoconto
          Che m'accingo a fare sarà basato
          Con ordine sui fatti e darò conto

          d'essi con l'accortezza d'un dettato!
          Ignazio Salvatore Basile
          Vota la poesia: Commenta