Poesie di Giuseppe Bartolomeo

Professore di lingue, nato venerdì 27 agosto 1943 a Cirigliano (MT) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
Il silenzio circonda il mio fianco
in questa sera povera di cinguettii
di uccelli liberi nel cielo.
Non nasce la parola
che fa giovane i miei occhi.
Le mie mani di preghiera
sono ancora legate
ai colori della sera.
Andrò lontano su laghi di ghiaccio
per purificare il volto della sera
dove le donne danzano
con uomini di pietra.
Poi rifarò il cammino
di ritorno
sotto un mandorlo in fiore
aspettando la luce
delle stelle.
La notte donerà la sua parola
a quest'uomo rifatto nel silenzio.
Giuseppe Bartolomeo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
    È triste morire ogni giorno
    non sapendo se la tua strada
    è libera da mani troppo ardenti.
    Sei come il giorno all'alba della luce
    quando il sole dice sì al lavoro
    vedendo i sogni lontani dal tuo volto.
    Sei come un fiore
    che la terra lega al suo senso.
    Sei un tramonto di ottobre
    dove riposano le parole
    dei fidanzati a sera.
    Sei un sorriso di luce
    regalando rose rosse
    a chi si avvicina.
    Sei un sogno senza timori
    uno sguardo carico di cose
    che non sai ancora dire.
    Giuseppe Bartolomeo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
      Sono libero, Signore,
      grido nella tua notte
      di pioggia.

      La Tua voce sale
      sulle vette della luce.
      La Tua dimora è qui
      su questo volto di carne,
      su queste mani trafitte
      da ore taciturne.

      Le stelle non dicono nulla
      in questa notte
      senza luna.
      Il cuore si nutre di silenzio
      in queste ore notturne
      quando gli odori
      li sento nel tepore
      del giorno che muore.

      Ti riconosco come Amico
      in queste ore di preghiere
      quando il Tuo volto
      è con me nella penombra
      del cuore che batte.
      Ascolto le gocce
      che cadono sul volto
      maturando il silenzio.
      Giuseppe Bartolomeo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
        Il sole si è spento nella nostra mano
        guardando la notte che si sveglia
        al sibilo di un bianco silenzio
        nascosto sotto un cielo di stelle.

        Nel mattino odoreremo i fiori della notte
        con occhi limpidi lavati dalla rugiada
        caduta da occhi di bimbi appena nati
        gridando nel nuovo buio illuminato.

        Non è più tempo di stare soli sotto il sole:
        l'uomo vuole una voce che lo guidi,
        la colomba vola su piste di azzurro,
        il cane legge il silenzio dell'uomo.

        È questo il manifesto della nostra vita
        affisso sui muri imbrattati della città.
        Riempiamoci gli occhi di nuova luce
        prima che il tramonto ci porti all'aldilà.
        Giuseppe Bartolomeo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
          Non ha fiato questa pioggia
          mentre cade su ombrelli a colori
          gocciolando da tetti
          che nascondono gioie e dolori.

          Gonfia di luce scivola
          su strade di pietre lucide
          stanche di essere pestate
          da piedi umani
          ancorati al passato.

          Gli uomini camminano
          sotto l'ombrello
          con gli occhi a terra
          e mani fredde.

          La pioggia continua a scendere
          dolce e leggera
          mentre il cielo attende
          occhi innocenti
          in umile preghiera.
          Giuseppe Bartolomeo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di