Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: giosc

I Cinque Epiloghi

Argilla di cuori
tremano amori
son terremoti
crepano i muri

Fuoco di lingue
sono turbine
frullano energiche
giocano a spade

Aria di nasi
crea batticuori
fumano fiori
sono tumori

Acqua di vene
non solo tubi
servono membra
riempiono i vuoti

Venti di pelle
asciugano pori
sono germogli
solcano piaghe.
Giovanna Sacchiero
Composta domenica 12 febbraio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: giosc

    Fede Mancata

    All'altare la lasciai
    non se l'aspettava
    un no e la rifiutai

    semplicemente
    come fosse niente
    per lei che mente

    non lo sapevo sai
    quel giorno raggelai
    lui fece complimenti

    ridendo a stretti denti
    è l'ex mi son fidato
    ma è un cane, sia dannato

    da tonno c'è cascata
    a letto l'ha portata,
    che bella nauseata

    pensai, così non vale
    ti mando all'ospedale
    un pugno nella pancia

    te la farò pagare
    non porgo neanche il dito
    l'anello l'ho perduto

    mi disse mi dispiace
    qualcosa l'ho capita
    sei tu quello che amo

    ma vaffan te lo dico
    ma solo qua davanti
    a parenti, amici e santi-.
    Giovanna Sacchiero
    Composta martedì 13 dicembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: giosc

      Porcino Porcino

      Che tu fossi un po' fetente
      me lo disse tanta gente

      ti nascondi tra le foglie
      me lo disse anche mia moglie

      chi ti cerca e poi ti trova
      l'anno dopo ci riprova

      chi ti compra - che impressione-
      se ti mangia, ha devozione

      meglio secco in risottino
      se non viene dal Trentino

      quando è fresco fai attenzione
      ne farai un'indigestione

      ma, se è vecchio poveretto
      puoi lasciarlo al suo boschetto!
      Giovanna Sacchiero
      Composta martedì 23 novembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: giosc

        Stilla

        Lagrime, penose lagrime
        tante ne hai versate
        ancor vergine nel cuore

        Lagrime, festose lagrime
        poche ne hai ingoiate
        nei giorni dell'amore

        Lagrime, secche lagrime
        tutte le hai nascoste
        quando troppo fu il dolore

        Lagrime, pavide lagrime
        Amore, non piangere
        questo è solo un gonfiore!
        Giovanna Sacchiero
        Composta sabato 20 novembre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: giosc

          Vestiti d'amore

          Voi, vesti d'amore
          di cachemire riscaldate,
          e, sottovesti d'amore
          di voile abbracciate

          Voi, Intimi d'amore
          d'oro e gioiello fasciati
          e, gnudi d'amore
          di carezze sublimati.

          Voi, ironie d'amore
          di giochi deliziati
          e, sorti d'amore
          di gesta passionati.

          Voi, brulli d'amore
          di incesto svogliati
          e, fiabe d'amore
          di voli navigati.

          Voi.
          Giovanna Sacchiero
          Composta venerdì 24 settembre 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: giosc

            La casalinga Slinda

            Si alza presto la mattina
            per mangiarsi la fontina
            poi fa un salto giù in cantina
            la sopressa porta in cucina

            Affetta il pane per nove figli
            fà il pastone per i conigli
            munge il latte per i paesani
            frigge le uova pei sagrestani

            Mette il grembiule a quadratini
            e nei capelli i bigodini
            lavando i piatti cuoce il capretto
            arriva la nuora, le porta il bimbetto

            Per non farsi male ai calli
            toglie le scarpe e va dai cavalli
            per annaffiare il suo limone
            schiaccia pure la deiezione

            Nell'orticello coglie zucchina
            ma chi si vede, è una faina
            rinchiude in fretta le galline
            prende il fucile e si apposta all'ovile

            Arriva presto il maritino
            deve farsi un bel doccino
            profumarsi, ben rasarsi
            sul divano va a sdraiarsi

            Moglie ho fame! E di diritto
            ho lavorato, son stanco morto
            chi va all'osto perde il posto
            prendi il vino ed anche il mosto!

            Lei lo guarda con passione
            lui la scruta col terrore
            lei si siede e gli fa il piedino
            lui si scosta per benino

            Anch'io ho fame e di dovere
            Alza la gonna, fà vedere il sedere
            stasera non voglio andare in bianco

            e... lui diventa un saltimbanco!
            Giovanna Sacchiero
            Composta lunedì 14 giugno 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: giosc

              La casalinga "Linda"

              Gira in casa con i tacchi
              prende tutto con i guanti
              reggiseno con merletto
              netta i panni sculettando

              incestando in lavatrice
              ma, in attesa di Beatrice
              che le fa la selezione
              di colori e di funzione

              Malandrina la Bianchina
              chiatta chiatta s'avvicina
              e con fare snobbettino
              si fa fare il ciuffettino

              Fumar sigari è in difetto
              l'antirughe è nel cassetto
              poi per l'alito lo spruzzo
              per la bocca un po' di trucco

              Tutta presa dalla soap
              si "destreggia" tra i fornelli
              lacrimando s'incitrulla
              ma... la patata non è cipolla!

              Butta tutto nel pattume
              e si reca dal Peppone
              che con far tutto gioviale
              le toglie l'aria da funerale

              Trotta a casa a prepararsi
              non per pranzo ma, per agghindarsi...
              ore due il parrucchiere
              ore quattro il salumiere

              Son le cinque... thè al bar con le amiche
              ma, non si scambian ricette di tinche
              solo uno sguardo al look più trend del momento
              malignando sul tanghero che le adora in silenzio

              Come sei bella, amore mio
              sembri un po' stanca... sei anche un po' bianca
              ma ben ti stà quel tubino aderente
              di mammola olezzi, sei seducente

              Stressata lo sono, son sempre di corsa,
              son anche accaldata e un po' ingrata,
              ti potrei fare una frittata... non ho le uova!
              E qui gatta ci cova... se vai nel frigo...

              Prosciutto crudo e Insalata scarola!
              Giovanna Sacchiero
              Composta lunedì 8 marzo 2010
              Vota la poesia: Commenta