Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Franco Mastroianni

Artigiano, nato martedì 2 dicembre 1958 a Valenza Po (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Franco Mastroianni

Metamorfosi

Suoni di gioia mi svuotano la testa
sono leggero e volo
come sciame d'api in festa

Ho caldo e il sudore mi bagna la fronte
ma corro con forza di rinoceronte

Arranco nel bosco non temo alcun male
ho lunghi coltelli sono cinghiale

È raro che arrivi con molto ritardo
son sempre puntuale sono ghepardo

Con me non la spunti non c'è soluzione
perché io comando io sono leone

Aspetto con calma che arrivi a vestirmi il color
della sera
sono pantera

Le grandi mie orecchie non mi fanno volare
son molto pesante
sono elefante

Giornate di caccia e giornate pigre
mi muovo fiero con passo di tigre

Nai salti che faccio sembro scia di stella
e sono gazzella

Son calmo posato non perdo la staffa
e sono giraffa

Son nato correndo e ancora di più
che sfiga nascere gnù

A terra sembro parecchio tranquillo
ma in acqua voltegio
son coccodrillo

Il colore del mare mi fa l'occhiolino
mi tuffo e sono delfino

Sparisco nel blù ed esco di scena
riemergo e sono balena

È vero lo ammetto potrò sembrar matto
a volte son gatto
ma non riuscirei mai
a sentirmi ratto.

A tutti questi stupendi figli della natura
che mi son permesso d'elencare
vorrei chieder perdono

Perché tante son le volte che mi vergogno d'esser
l'uomo.
Franco Mastroianni
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Franco Mastroianni

    Sotto un cielo azzurro

    Ringrazio fantasia natura e cuore
    senza di loro non riuscirei a colorar le mie parole

    Nelle giornate buie... scrivo lo stesso
    senza perdere coraggio
    perché la penna che mi ha regalato il sole
    mi fa scrivere giallo

    Se nello scriver percepisco che il filo del discorso
    mio si perde
    raccolgo le parole in mezzo ai prati
    e scrivo verde

    Le bacche colorate si specchiano nell'acqua dentro al fosso
    assorbo quei riflessi e le frasi un po sbiadite
    si colorano di rosso

    Nascono a briglia sciolta oppure una alla volta
    cadendo come sassi da un burrone
    le rime e le parole rotolando
    si tingono di marrone

    So cucinar parole senza dover per forza avere in casa il burro
    parole e fantasie si legano e si colorano benissimo
    scrivendo sotto un cielo azzurro

    Potrei andare avanti ancora per tante e tante ore
    mi fa sentire bene dar colore alle parole

    Ne son sicuro siamo capaci tutti a colorare
    quel che scriviamo o quello che diciamo
    in questo immenso mare di parole
    mare nostro
    basta saper trovar ne cuore il giusto inchiostro.
    Franco Mastroianni
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Franco Mastroianni

      Sotto un cielo azzurro

      Ringrazio fantasia natura e cuore
      senza di loro non riuscirei a colorar queste parole

      Nelle giornate buie... scrivo lo stesso
      senza perdere coraggio
      e ringrazio il giallo sole
      d'avermi regalato un raggio

      Se nello scrivere percepisco
      che il filo del discorso mio si perde
      raccolgo le parole in mezzo ai prati
      e scrivo verde

      Le bacche colorate si specchiano nell'acqua
      dentro al fosso
      assorbo quei riflessi e le frasi un po... sbiadite
      si colorano di rosso

      Nascono a briglia sciolta
      oppure una alla volta
      cadendo come sassi dal burrone
      le rime e le parole rotolando si tingono di marrone

      So cucinar parole senza dover per forza avere in casa il burro
      parole e fantasie si legano benissimo
      scrivendo sotto un cielo azzurro

      Potrei andare avanti ancora per tante e tante ore
      mi fa sentire bene dar colore alle parole

      Ne son sicuro siamo capaci tutti a colorar
      quel che scriviamo o quello che diciamo
      in questo mare di parole
      mare nostro
      basta solo saper trovar nel cuore
      il giusto inchiostro.
      Franco Mastroianni
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Franco Mastroianni

        Parlando con la luna

        Trovandomi a parlar di te alla luna
        di colpo sentii il corpo che si sollevò
        come fosse piuma

        Un alito di vento caldo mi trasportava
        continuavo a parlar di te
        e la luna mi ascoltava

        Lasciando a terra il peso materiale
        cadevano frontiere
        tutto era naturale

        Senza curarmi troppo di dove stavo andando
        forse non ero sveglio
        forse... stavo sognando

        Ma tutto quello che mi circondava
        a te il pensiero mi portava

        Vederti dentro i fiori
        avvolta dai colori
        vederti in una pianta
        e inebriarmi d'ombra
        trovarti dentro il mare
        e lasciarmici cullare
        sentirti insieme al vento e respirarti forte
        per trattenerti dentro

        Mi abbagliano le luci delle stelle
        e tu sei lì
        tra le più belle

        Di colpo sento che sto cadendo giù
        mi aggrappo ad uno spago
        ma subito lo lascio mi butto a capofitto
        vedendo il tuo sorriso riflesso dentro un lago

        A nuoto torno a riva
        e mi ritrovo a camminare verso casa
        son stanco un po spossato
        i miei pensieri sono dolci
        profumano di cioccolato
        probabilmente ti ho pensato

        Ma appena riapro gli occhi
        mi accorgo che la notte al giorno
        sta lasciando trama

        Ed io ti sto perdendo ancora
        con la luna che si allontana.
        Franco Mastroianni
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Franco Mastroianni

          Alla deriva

          Fluttuando nello spazio
          che mi abbraccia e mi circonda
          cerco di stare a te vicino
          ma sono onda

          Emozioni agitate mi spingono alla deriva
          trascinato indietro nella corrente
          in questi intrecci di cuore e mente

          Trattengo il fiato chiudo gli occhi
          non voglio più pensare a niente

          Ma il vento mi prende mi alza
          mi sposta mi gira

          Mi sento freccia scoccata
          senza prendere la mira.
          Franco Mastroianni
          Vota la poesia: Commenta