Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: margherita1

Toilette mattutina

Ricordo quand'ero bambina
come odiavo il sapone
che bruciava gli occhi
e mi faceva arrabbiare.
Nuvole di borotalco
volavano nell'aria.
Poi mi sedevi sul tavolo
le gambe a penzoloni
nelle scarpette bianche.
Le tua mani tra i miei capelli,
lo strofinare della spazzola
che scioglievano i nodi
di quei riccioli ribelli.
E tu pettinavi ciocca a ciocca
piano piano per non farmi male
mentre io urlavo capricciosa.
Le belle mani pazienti
dividevano i capelli,
intrecciavano il castano lucente
di quella chioma di bimba.
Davanti sempre il tuo viso
come specchio del mio esistere.
Ancora un attimo dicevi...,
io con i miei 'nò e i miei 'bastà!
Ma se ripenso com'era bello
il tocco delle tue dita leggere.
Poi sul tuo volto specchiavo
le mie trecce, due fiocchi rossi
più grandi del visino.
Il tuo sorriso... e mi sentivo bella.
Franca Mercadante
Composta lunedì 2 aprile 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: margherita1

    Dimmi uomo!

    Dimmi uomo chi sei veramente?
    Hai nelle tasche del tuo cappotto
    sorprese cosi mirabolanti da stupirmi?
    E le tue mani vinte dal lavoro
    conoscono il fruscio della seta?
    Dimmi quando l'ira che mi assale
    alza onde alte come case,
    sai con uno sguardo
    placare la mia furia?
    E ancora dimmi sai dissipare
    le mie malinconie,
    l'euforia che fa a botte
    con la mia tristezza?
    Sai essere tutto in un unico uomo?
    Padre, fratello, amate e amico?
    Sei capace di consumarmi a carezze
    da bimba e capire quando
    sciuparmi d'amore senza
    chiedere "posso"?
    Se è questi che tu prometti
    ed è questo che tu sei.
    Allora sei mio.
    Franca Mercadante
    Composta lunedì 19 marzo 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: margherita1
      Vorrei un uomo che
      mi asse alla follia.
      Vorrei un uomo con cui
      parlare tutta la notte.
      Vorrei un uomo che
      mi facesse ridere a crepapelle.
      E ancora uno con cui
      condividere tutte le mie passioni.
      Qualcuno cantava
      ... 10 ragazze per me posson bastare...
      Io che non sono esigente
      mi accontento di quattro.
      Franca Mercadante
      Composta lunedì 19 marzo 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: margherita1

        Il senno del poi

        Se non avessi piantato
        chiodi nel tuo cuore.
        Se non avessi prosciugato
        i tuoi occhi come pozzi neri.
        Se non avessi punto la
        tua mano tesa
        come un ape dispettosa.
        Se non avessi riso
        davanti alla tua anima nuda.
        Oggi non sarei a
        rivedere alla moviola
        la stessa scena.
        Ancora... Ancora... Ancora.
        Se non avessi avuto paura di
        morire d'amore,
        trafitta dal dolore della gioia.
        Se... Se... Se...
        Ora saremmo seduti
        a dondolarci sul ramo
        di un albero.
        Saremmo a pescare
        cavallucci marini
        sul fondo del mare.
        A cercare trifogli
        nei prati del cielo.
        Ad aspettare Maggio per
        veder sbocciare la prima rosa.
        Ma ormai, dispersi nel mondo
        e dimenticati dal tempo,
        percorriamo vie che mai più
        si incontreranno.
        Franca Mercadante
        Composta lunedì 19 marzo 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: margherita1

          Poesia notturna

          Guardo cadere
          pezzetti di cielo,
          stelle impazzite
          esplodono oro,
          pianeti girano
          come trottole giganti,
          mentre la luna dondola
          a ritmo del tuono
          e il sole stordito dalla
          confusione lancia i
          suoi raggi nel vuoto.
          Nuvole spaventate
          corrono scontrandosi
          tra i lampi.
          Ben poca cosa è
          il caos nell'universo
          al confronto
          dell'emozione
          che mi dai.
          Franca Mercadante
          Composta mercoledì 7 marzo 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: margherita1

            La bella pesca

            Sul ramo frondato
            la pesca sdraiata al sole,
            beveva il suo calore.
            Rotonda con le guance
            rosse dell'estate
            attendeva.
            La sua polpa matura
            spandeva profumo
            intorno e richiamava
            al bacio api.
            L'attesa dopo il freddo
            era giunto alla fine.
            Quando una mano
            si sporse e abbracciandola
            la depose sul palmo.
            La bocca avida baciò
            il miele dentro
            gusto, sapore e profumo
            si liberarono in un
            unico istante.
            E fu premiato il miracolo
            del tempo atteso.
            Franca Mercadante
            Composta mercoledì 7 marzo 2012
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: margherita1

              Menù

              Mi trovavo al ristorante
              tu cenavi al tavolo davanti,
              io mangiavo l'insalata
              tu penne all'arrabbiata.
              Mi guardavi con fare trasognato
              io non ti avevo ancora notato.
              Sorseggiavi un bicchiere di vino
              io sgranocchiavo un grissino,
              arrivati alla pietanza
              sentii un profumo nella stanza
              pensai fosse di fragole e more
              ancora non sapevo che era amore.
              Il tuo sguardo seguiva ogni movimento
              alzai gli occhi ti vidi in quel momento.
              Mai vidi mangiare così una braciola
              il cuore fece una doppia capriola,
              l'eros sprigionato dal tuo masticare
              di faceva stare male.
              Arrivati alla torta Paradiso
              avevo il tuo menù stampato in viso.
              Ti alzasti, bello, alto, sorriso perfetto
              mi dicesti... "scusi se mi permetto..."
              pensai è fatta, si è innamorato!
              ... "sa a volte sono un po' sbadato
              ho posato il cappello e l'ho dimenticato
              ora se può alzarsi per piacere
              perché è proprio sotto il suo sedere" '
              Da allora invece dii adocchiare il vicino
              stò a casa a mangiarmi un bel panino.
              Franca Mercadante
              Composta martedì 28 febbraio 2012
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: margherita1

                Salsa

                È una Salsa piccante al peperoncino
                questo ballo sensuale e latino,
                lo ballo sulla sabbia in riva al mare
                sorrido per farti innamorare.
                Il ritmo incalza, batte il tempo,
                mentre cresce il sentimento,
                sei troppo vicino mentre muovi il bacino,
                ma poi mi allontani
                giri veloce tenendomi le mani,
                io passo sotto le tue braccia
                poi di nuovo faccia a faccia,
                abbiamo il respiro affaticato
                batte forte il cuore innamorato.
                Questa Salsa che stà per finire
                toglie il fiato, non mi fà dire
                che amore sei in questo momento
                io sono Salsa, tu il condimento.
                Franca Mercadante
                Composta martedì 28 febbraio 2012
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: margherita1

                  Carezze

                  Mi chiedi una carezza
                  e un'altra.
                  Io vorrei ma le mani
                  lente non sanno osare.
                  Poi piano poggio la mano
                  sul tuo viso.
                  Lo seguo piano,
                  come cieca lo studio,
                  tra le mie mani
                  lo accarezzo come
                  bimbo spaventato.
                  Mi chiedi ancora.
                  Ma devo imparare
                  a lasciarle scivolare
                  sulle tue mani
                  tra le mie.
                  Guidale tu che sai,
                  e se io non saprò
                  indicami la strada
                  da non sapere più
                  distinguere le tue
                  dalle mie,
                  Lascia che cerchino
                  curiose e birichine.
                  Franca Mercadante
                  Composta giovedì 1 marzo 2012
                  Vota la poesia: Commenta