Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Violina Sirola

Afasia

S'impastavano favole
ammucchiate sull'impalcatura
della vita smontata e
rimontata. Con l'uovo e la gallina
si rincorreva il tempo, trascorsa
la cova si toglieva la chioccia, forzavano
l'uscio
per uscire i pulcini.

Oggi è meglio la gallina
l'uovo domani, cresceva
la fame.

Domani compio gli anni
superati
gli anta, desidero riposo.
Arriva la sentenza, trattengo il respiro
mi rivolgo a
Dio: afasia.
Flavia Ricucci
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Violina Sirola
    Il tempo a lungo andare è curvilineo
    torna in mente
    il vissuto
    sempre vago.
    Certa è
    la presenza dei miei
    cari defunti. A loro chiedo scusa dei miei
    errori, mi si accordi il perdono.

    La gioventù è ribelle
    non accetta consigli
    follia e vigore
    non misurano il tempo.
    La storia non contiene
    il prima e il dopo
    ha un solo verso
    ordine e follia.
    Flavia Ricucci
    Composta lunedì 22 marzo 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Violina Sirola

      La mia Storia

      Caro amico Pino,
      ti confesso
      di avere nostalgia del banco
      della scuola elementare, quando
      candida - mente
      ero ignorante nella conoscenza
      dell'intrinseco valore del possesso
      delle banconote.
      Collezionavo francobolli nel diario
      trascurando le "sudate carte"
      al lume di candela
      per l'alloro
      da appender al chiodo.
      La Poesia
      crocefissa nella mente
      malriposta fede
      nella conoscenza.

      Sono passati gli anni
      non amo definirmi vecchia
      sono antica e,
      candida nella mente,
      ti assicuro che
      l'esperienza, ovverosia
      la Storia, è maestra di vita: la Storia mia
      il libro cartastraccia.
      Flavia Ricucci
      Composta venerdì 30 marzo 2012
      Vota la poesia: Commenta