Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Davide Bidin

Studente, nato lunedì 23 luglio 1990 a Milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Davide Bidin

Canto dell'Emozione Concreta – Borla in un mattino di Gennaio

Mattina di gennaio
In un posto lontano
Tra alberi di noce truccati d'inverno
E brezza di erba appena tagliata
Ricolma di sapori dei campi

Mi ritrovo a pensare
Nella fredda aria di colle
Udendo il profumo di neve
Chi vorrei fosse con me
Quale anima mi renderebbe lieto?

M'agito scosso e ansioso
Nella smania d'un mattino
Mentre il cielo avvolgente
Indossa l'abito d'un nuovo sole
E io ragiono ispirato

Seduto sopra smeralda stesa
Guardo tutt'intorno sul prato
Immagino te
Anima affine che non sei qui
Eppur visibile tu

Parole
Nessuna di voi è celata
Parole
Ognuna di voi è amata
E non muore o viene incolpata

Poiché con te o anima mia
Di tutto io posso parlare
Ci sono e lo sai
Ci sarò se vuoi
E niente ci potrà separare

Sei qui nella selva d'Emilia
E mi guardi con dente sgargiante
Io ammicco e rido men poco
E tutto si fa emozionante
Il verbo non basta per noi

Lo sai cara anima
Non bisogna ascoltare
Un falso contendio
Di affettuosità deleteria
Basta il silenzio del gesto reale

Fossi tra mille interlocutori
Non accetterei smancerie
Amerei lo sai
Amerei se vuoi
Anche solo una risata con te

Preferirei vederti un solo istante
Nell'ora che viene
Piuttosto della costrizione
Al vivere vuoto
Ricolmo di sola poesia

Ma con questa pienezza
In questo momento
Di estro ed orgoglio
Ti dedico questa mia rima
Possa esser per te motivo di pianto

Una lacrima di umana follia
Che con te io getto nel cuore
L'emozione di questa goccia
Tienila stretta e quando ti serve
Riscalda il fiato e rendila canto.
Davide Bidin
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Davide Bidin

    Resta te Stesso

    Bambino mio
    Rimani te stesso
    sii fedele a ciò che sei
    e non cambiare mai
    rimani stoico e permaloso
    non aprirti a nuove idee
    isolati dal mondo
    e non aver mai dubbi
    sarai una mirabile statuetta
    senza crepe o imabarazzanti
    scalfitture
    non ascoltare, né rispondere
    a chi ti guarda dal basso
    fissali sempre, credendo,
    (sperando)
    di aver ragione.
    ancorati alla forza della tua
    integrità.
    se non ti apprezzano,
    vorrà dire che son gelosi di questo aspetto
    vorrà dire che vorrebbero essere come te
    di marmo
    credici sul serio nella tua fronte bacata sozza di guano
    la verità è che in molti sono in piazza
    e han capito che le statue son ricordi
    di uomini contradditori e innamorati di questa verità
    che non si evince da nulla se non dal caos
    menti che non potevan rimanere attaccati
    all'uomo del giorno passato
    e
    spaventati voracemente dall'ombra del domani
    eppure risplendono immortali
    MA TU!
    bambino fedele ai tuoi ideali
    che non metti in discussione niente se non le idee degli altri
    rimani te stesso
    la mia risata si farà si tanto grande
    da scuotere l'altare su cui sei posto
    e in quella voragine cadrai nell'oblio
    degl'imbecilli
    che rimangono
    se stessi
    un nulla vorticoso
    un astratto ridicolo rigonfio di melma demente
    un niente.
    Davide Bidin
    Composta mercoledì 16 febbraio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Davide Bidin

      Il Dolore del Vincitore

      Trattenere in pugno i frutti di una vita
      varcare la soglia verso l'infinito
      difficilmente permette di sciogliere le dita
      può abbaggliar tutto ciò che nel tempo hai appreso
      ma c'è sincera estasi nello scoprire
      apparire con eccesso morale
      così come essere, altro non è, che sembrare
      riuscire a distaccare la propria coscienza
      percepire come in un occhio
      attraverso nuova, stupenda ignoranza
      il mondo si scopre, le luci, poi, vorticano
      Il tuo cruccio rosso olandese
      vedere le cose come dovrebbero essere
      lodare il mondo col male che mente
      e dalla collera, fin nella pazzia
      vivere il colore, cambiare il nero col blu
      per chi l'ammira insistente, malattia del vivente
      lottare per essere Vincente.
      Davide Bidin
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Davide Bidin

        Milano in una mattina di Febbraio

        Ora piove
        mattina di metà febbraio,
        Milano sembra più
        sincera
        quando fuori piange
        si sente la scalma
        dei rinnegati
        farsi largo timida,
        gioca crepitante su un oceano
        di attese incolpe
        e aspetta placida
        il lungo passaggio
        nel nessun dove.
        La città grigia e umida
        cita Marinetti nei rumori freschi
        del mattino
        la neve, ormai, si scioglie
        nell'acqua di pozza
        il rivolo rimpolpa la siepe
        il sapore di tranquilla rivolta
        di una vita che non si ripete
        e che ha bisogno di adeguarsi.
        Davide Bidin
        Vota la poesia: Commenta