Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Dimenticare

Avanti per questa via maledetta
Avanti per una verità che mi uccide
Avanti per una strada senza orizzonti
Avanti per questa vita senza età
sesso senza amore
fumare per sentirsi bene
tatuaggi e piercing per sentirsi più forti
ora dico basta
ora chino la testa
ora mando a fan culo quel cielo bastardo
troppe stelle ho fatto cadere
troppo sangue
troppo amore ho gettato via,
Voglio quell'invito
voglio dimenticare ai bordi del cielo
voglio dimenticare
il sesso, le stanze d'albergo, l'amore, l'odio, le notti, il vino, le albe
le ombre, gli scherzi, le foglie, le luci, i giorni, i sogni
l'orgoglio
Grazie per aver frantumato il mio cuore
ora quel raggio di sole riesce ad entrare
Guardo avanti.
Accarezzo l'oblio e
sparisco nel paradiso.
Antonio Prencipe
Composta venerdì 14 maggio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Piramidi nell'immenso

    Quelle notti svegli e sentirsi persi,
    Quei giorni scomparsi e poi ritrovati
    Quanta forza ci vuole per affrontare questa vita?
    Quanto coraggio ci vuole?
    Quanto dobbiamo combattere ancora?
    Non si possono rincorrere Albe depresse
    e sere abbandonate in quel vortice di rabbia e paura
    Dei e Santi che osservano il nostro cammino
    senza aiutarci,
    Lo faccio per me
    ora lo so,
    Questa vita ha voglia di combattere
    ma non posso immaginare un'altra guerra qui,
    Il mistero della vita perseguita la mia anima
    Quanti traguardi devo superare senza sperare
    La notte è buia non si vedono nemmeno le stelle
    Il giorno è lontano non intravedo nemmeno il mare
    Con grande coraggio affogo nella luna
    Squarcio orizzonti e catturo sogni
    Questo cielo non vuole tramontare
    Nel paradiso non ci sono più posti liberi
    Volare e perdersi nell'immenso dolore di un sospiro nel vento
    Anche le tenebre ci chiederanno il conto
    e l'inferno non lascerà nemmeno la mancia
    Ho costruito piramidi nell'immenso e arcobaleni nel deserto.
    Antonio Prencipe
    Composta giovedì 17 giugno 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Non tornerà

      Si,
      Sesso e droga nella mia vita,
      Urla e disperazione,
      Sangue e cristalli sul mio cuore,
      Non è facile affrontare
      un cielo che ha paura del mare,
      Il sole non tramonta,
      La luna non viene giù
      ed io qui
      stanco d'aspettare la tua anima che non mi parla più,
      Non so più niente,
      so solo che Ti Amo
      e che non vivo senza i tuoi sguardi,
      Senza spade e senza fucili
      combattevamo una vita consumata nell'oblio,
      Non tornerà
      il nostro amore,
      Non tornerà
      il nostro bacio atteso e maledetto.
      Non tornerà
      quell'Addio che consumava il mio presente.
      Antonio Prencipe
      Composta sabato 10 luglio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Pioggia

        Come pioggia
        anche la mia anima si rifugia nell'angoscia

        Montagne di plastica
        e arcobaleni sconfinati
        sfiorano l'immensità di una notte senza luce

        Nuvole congelate dall'odio
        e angeli consumati dall'oscurità
        ritornano e perdonano la mia anima

        Addio a un cielo
        che non è fatto per essere il mio

        Vita
        ti sto cercando aiutami a trovarti
        l'inferno si è già portato via il mio cuore
        rimani qui
        il sole mi fa freddo se non ci sei tu a coprirmi.
        Antonio Prencipe
        Composta martedì 13 luglio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Il silenzio di un Aborto

          Il silenzio di un orgasmo,
          la paura d'amare,
          il desiderio di sognare.

          Ombre sottili e oscure pervadono
          i nostri sentimenti ormai sconosciuti e nascosti tra le stelle,
          il cielo aspetta quel pezzo di te,
          quel pezzo di me,
          un piccolo fiore disperso nel peccato.

          Un'anima innocente sta per sfiorare il cielo.
          Un'anima bianca e pia non conoscerà mai
          il valore della parola "vita".

          Un tavolo, una sigaretta, un preservativo bucato.

          Un Silenzio dannato pervade le nostre anime,
          un urlo che implode nel silenzio infiamma il mio cuore,
          una scelta da non poter evitare.

          Due corpi, Tre anime e poi il Silenzio.

          In questa notte di Novembre
          il sole non tramonta e la luna sprofonda,
          in questa notte di Novembre
          le mie lacrime tacciono nel silenzio.

          A Novembre
          il cielo ha maledetto i nostri nomi

          Non voltarti mai
          l'oscurità desidera la tua anima,
          non voltarti
          ti supplico!
          Gli angeli hanno chiesto in prestito
          il tuo dolce e ingenuo cuore.

          Non nascerai mai,
          non conoscerai mai l'amore,
          non conoscerai mai il dolore di una scelta
          che si è portata via Due anime e Tre cuori.
          Antonio Prencipe
          Composta sabato 2 aprile 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Antonio Prencipe

            Tra Sogno e Amore

            Ho voglia di sognare
            Ho voglia di sparire nel vuoto
            Forse c'è un premio per quelli che come me
            hanno finito le lacrime,
            Forse la luna non ha mai maledetto il cielo,
            Ho deciso di lasciarti entrare nella mia vita,
            Come alberi spogli alla ricerca del sole
            il mio destino vagava tra le mille conchiglie
            sparse nel oblio del mio passato,
            Non ho mai saputo la via per il paradiso
            Non ho mai intravisto un sognatore bussare alla mia porta
            A cosa serve sognare un mondo
            che fa finta di non credere alla favole
            Anche l'inverno si perde nel vento
            Però,
            tutto ha un senso
            anche il mio dolore ha senso,
            Ho amato due volte senza tregua
            e senza tregua ho gettato il mio cuore
            in bocca al mare
            Le nuvole non prendono il volo
            rimangono immerse nei miei ricordi
            e come me cercano di non annegare
            nelle lacrime che ahimè
            hanno già raggiunto le mie labbra,
            Quelle labbra che un tempo
            avevano l'odore dell'amore.
            Antonio Prencipe
            Composta venerdì 17 settembre 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Antonio Prencipe

              In questi giorni miei

              Non te ne puoi andare
              io ti amo come la prima volta
              io ti amo come se fosse ancora ieri
              Cazzo,
              il sole non sorge
              ed io sono qui
              stesso su quel letto
              rincorrendo l'odore della tua pelle
              che vive ancora tra le lenzuola,
              quelle lenzuola macchiate,
              devastate dalle mie lacrime,
              Ma dove sei,
              nella solitudine il mio cuore vaga
              inondato da mille pensieri
              e da mille sentimenti,
              Sto toccando il fondo
              cerco, inseguo te
              ogni volta che cammino, che respiro
              ogni volta che cerco di morire,
              Da solo al mondo sto morendo
              aiutami ti prego,
              Sento che ci sei
              nell'aria, nella vita mia,
              In questi giorni miei
              non so nemmeno cos'è più l'amore,
              per te cosa darei,
              darei gli occhi miei
              ti farei vedere ciò che vedo,
              ciò che si è consumato tra le braccia del tuo cielo
              ti farei vedere il mio cuore
              che ora senza te non batte più
              e insieme alla mia anima scompare
              nel silenzio inspiegabile di un addio
              che consuma i giorni, i secondi
              e i sorrisi miei.
              Antonio Prencipe
              Composta lunedì 11 ottobre 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Antonio Prencipe

                Urlerò

                Aaaah
                voglio urlare,
                si voglio urlare,
                ho voglia di piangere ancora,
                di ammazzare il vento,
                voglio soffocare il dolore
                in quei dannati e bastardi attimi di felicità
                che hanno sfiorato la mia esistenza,
                cosa serve vivere se non si ha
                più sogni da poter o dover raggiungere?
                Volevo fermarmi qui,
                volevo togliermi la vita qui
                come foglie secche nel fuoco maledetto
                e crudele io volevo frantumare
                tutto ciò che restava del mio strano vivere
                su questo pezzo di terra calpestato
                da angeli e fulmini truffatori
                d'amore e destinazioni.

                Che senso ha?
                Che vita è questa qua?

                Ho amato senza pietà
                ho perso tutto senza pietà,
                sono ancora qui e vivo,
                si vivo ma ho pagato il conto
                e non sono riuscito ancora a ricevere la fattura.
                La mia fragilità è finita nel cesso
                insieme alla mia sensibilità
                che per molti anni ha reso schiava la mia vita
                nell'eterna e triste insoddisfazione
                alla ricerca di abbracci rinchiusi nelle prigioni
                della sera depressa,
                troppe maschere ho indossato
                troppe volte ho trattenuto lacrime e diamanti
                che dai miei occhi volevano scappare via.
                Per strada, fra la gente un cane mi osserva,
                rivedo i sorrisi, le paure
                rivedo me stesso,
                domani tornerò nella mia vita
                spaccherò il mondo un'altra volta
                e per sempre piangerò, sorriderò
                senza vergognarmi
                della mia anima pura, sacra e vittima d'amore.
                Antonio Prencipe
                Composta domenica 28 novembre 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Antonio Prencipe

                  Nel tunnel senza vento sorridimi

                  Non c'è speranza nel tunnel
                  senza vento.
                  Una collina senza confini
                  donava riposo ad un angelo assopito
                  sulle erbe verdi odor mattino
                  non ancor tramontato, dormiente nei boschi
                  di una disperazione che non ha colpa,
                  nemmeno peccato.
                  Quell'angelo aspettava l'anima tua,
                  un nome, una prospettiva
                  per una libertà negata,
                  la vita squarciata in un istante
                  come fa un'onda contro uno scoglio
                  nudo di speranze e di candido dolore.
                  Le mura vengono graffiate, scolpite
                  dalle urla sconfinate, urla di dolore
                  dei poveri viandanti alla ricerca
                  di un tuo respiro, un tuo sognarti
                  o semplicemente riabbracciarti per l'ultima volta.
                  Il capo chino, il cuore in basso
                  il passato è distrutto e non c'è nemmeno
                  più un presente o un futuro,
                  dolente e selvaggia l'anima tua
                  scacciata da questo mondo per colpa
                  di un destino che come un cristallo
                  in una penombra innocente e prigioniera
                  ti ha lanciato in un vortice tenebroso
                  violento, accompagnandoti così
                  al canto misericordioso di un sospiro negato.
                  Bambole di pezza vengono gettate
                  in una pozzanghera sporca ancora d'inverno.
                  Il tuo sorriso illumina il cielo
                  mentre la notte cade nel limbo.
                  L'amore per te marcisce dietro ad un portone
                  argentato splendente come un tuo sguardo,
                  marcisce e illumina ancora la vita nostra,
                  il tuo ricordo è sempre più forte,
                  le tue parole, il tuo viso vengono
                  custoditi in questa
                  scatola rossa cristallina che noi
                  comuni anime mortali chiamiamo cuore.
                  Il tuo Addio si è portato via un pezzo
                  di questo mio "cuore", l'altra metà
                  custodisce con grande gioia
                  il ricordo di un angelo dalle ali color
                  mare senza nuvole sul suo cielo.
                  Antonio Prencipe
                  Composta lunedì 17 gennaio 2011
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Antonio Prencipe

                    Il sudore sopra il cuore

                    Ho mangiato fuoco per nutrire il sangue.
                    Sono colui che la gente osserva con disprezzo
                    quando cammina, che sputtana
                    ai portici di una pescheria.
                    Non riconosco casa mia nemmeno standoci
                    dentro accucciato sopra il divano.
                    Io sono immortale perché ho scritto in versi
                    la mia vita con l'inchiostro del mare
                    sulle pareti del destino,
                    della notte, della morte...
                    L'amore è una sigaretta aspirata
                    avidamente da un folle masochista come me...
                    Ho contato le stelle così
                    come si contano le poesie
                    dedicate ad un amore toccato piano
                    da un raggio di sole malinconico...
                    Siamo due cuori violati dalla stessa luna.
                    Respiravo aria gelata,
                    come piombo stracciato e nascosto nelle ossa
                    stanche, bruciate da un male minore...
                    Oggi ti amo senza lacrime sul viso.
                    Domani ti amerò con l'anima ancora distratta,
                    dolce come un fiore cresciuto sul letame.
                    Sorriderò ai tuoi occhi chiari
                    costruiti con mano ferma e sincera da
                    un angelo stordito, impazzito sotto
                    le urla mie che graffiano piano
                    i tuoi respiri ora felici,
                    sodomizzati dai sogni fatti, voluti con te.
                    E poi sei esplosa dentro il buio
                    perché troppo muta è questa lenta agonia
                    che ti trascina dentro i miei baci.
                    Fingerai d'amarmi per un'ora
                    o forse di più ma mai dimenticherai
                    il sudore sopra il cuore, le rose
                    accompagnate dalla grandine preziosa
                    come i cristalli che gli amanti regalano
                    alle donne prive d'inquietudine nel loro cielo.
                    Antonio Prencipe
                    Composta lunedì 23 gennaio 2012
                    Vota la poesia: Commenta