Le migliori poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Morire dietro quella stella

Mi hai divorato il cuore e sei sparito nell'infinito,
la mia rabbia è cenere,
la mia anima nuota
nell'immenso vuoto che hai lasciato.
Fammi sognare,
fammi volare,
fammi morire ancora
ti prego.
Inseguo l'odore della tua vita
senza fiatare,
senza parlare
in questo gioco già finito.
Il mio cuore scoppia è una lacrima scende piano
ogni volta che osservo quel fottuto cielo
e ti vedo al centro di tutte quelle stelle,
Ho coltivato sogni e sconvolto speranze
e ora mi ritrovo con lo sguardo perso
e il cuore ricorso e scomparso tra le onde del mare
Le strade eran di burro
si scivolava, si affondava
cosa non si faceva noi,
Morirò dietro quella stella
per raggiungerti e per sparire con te
nell'immenso vuoto che hai lasciato,
Ho combattuto nel vuoto per te.
Antonio Prencipe
Composta giovedì 26 novembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Solo con il mare

    Paura, amore e felicità: sono solo.
    Sono solo con la paura di vivire
    ma non di morire sono sempre solo.
    Sono solo quando abbraccio le mie stelle
    sono solo quando il mondo piange
    sono solo quando penso di farla finita
    sono solo quando regalo il cuore al cielo
    sono solo quando il sole non mi riscalda più
    sono solo quando soffro
    sono solo quando il vento mi porta via
    sono solo quando vengo deluso
    sono solo quando l'orgoglio non mi perdona
    sono solo quando osservo il mare.
    Mare fammi morire nel tuo regno immenso
    la paura fortifica,
    l'amore rende ingenui,
    la felicità rende cechi.
    La solitudine mi porta nel mare.
    Antonio Prencipe
    Composta sabato 19 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Si frantumerà

      Non prendermi mai per mano
      Perché quando la lascerai
      Il mio cuore sul suolo
      Si frantumerà
      Mille pezzi di vetro
      Sparsi sul pavimento di ceramica antica
      E non ci sarai più
      Sarò solo
      Raccoglierò i vetri
      E in quei coriandoli di dolore rivedrò
      Il tuo viso
      La mia anima squarciata
      Macchiata dai tuoi sorrisi
      Scorrerà il sangue
      Un disegno irriverente
      Scava nei miei ricordi
      Il sentimento nascosto
      Che avevo proposto
      In Cambio del tuo Amore
      Non prendermi mai per mano
      Il giorno che la lascerai
      La notte piangerà stelle comete
      Senza coda
      Il tuo nome scritto sulle ali
      Degli Angeli rivedrò
      L'alba un nuovo graffio
      Regalerà al mio viso
      Dolore e rabbia
      Compenseranno la tua mancanza
      Rinascerò ad occhi aperti
      L'oscurità gli attraverserà
      Stringo cielo
      Stringo bambole di porcellana
      Antiche rivali
      Belle come
      La tua innata eleganza
      Si ricomincerà.
      Antonio Prencipe
      Composta venerdì 1 aprile 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Stella guerriera

        Raccolgo petali di rose
        persi nel deserto.
        Strappo pagine del mio passato
        regalandole al futuro.
        Guardo il cielo
        mentre cado nelle tenebre
        e tu stella guerriera
        persa nella notte triste e scura del giorno
        mi parli da lontano
        mi sussurri lentamente
        non mollare
        ma io ho perso il tuo presente
        ed ho trovato il tuo passato
        mentre cercavo di parlare con il mare.
        Stella guerriere
        aiutami a combattere,
        insegnami a volare,
        a catturare sogni,
        insegnami il valore della morte.
        Io t'insegnerò a trovare
        il mio inizio
        perso nelle colline del vento...
        La luna ti cercava
        ed io ti tradii con il sole.
        Stella guerriera
        combatti per me
        nel tuo regno,
        santifica la speranza
        e salva i miei dubbi.
        Ho rincorso l'alba per trovarti
        ma il tramonto mi ha raggiunto.
        Antonio Prencipe
        Composta sabato 2 gennaio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Quant'era bello

          C'è una vita sola ed io la voglio con te
          e non me ne frega nulla se non ci sei più
          Ho provato ad amare di nuovo
          ma amore io voglio te e basta
          Voglio tornare sul quel cielo
          e portarti con me, abbracciarti e baciarti,
          Quant'era bello
          uscire e sognare con te,
          fare l'amore nelle domeniche con il sole,
          E quant'era bello
          sentire il tuo odore sulla mia pelle
          sentire la tua voce
          E quant'era bello
          sfiorare le tue lacrime e le tue speranze
          nelle notti di Settembre
          Vorrei donarti la vita mia
          Era troppo bello
          osservare il tuo amore
          che lentamente curava il mio dolore
          Ed ora che non ci sei più
          ho voglia d'urlare il tuo nome
          così forte da poter sentire
          la tua anima dentro me.
          Antonio Prencipe
          Composta mercoledì 22 settembre 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di