Le migliori poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Una folata di vento

Non riuscendo e non potendo
pregare un Dio che non vive nel mio cuore
prego te,
Vento
educato e assassino
che accompagna i miei desideri
e i miei sogni nei cortili lontani e folli di felicità
Una folata di vento
accompagna la mia anima alla ricerca di un orizzonte
Una folata di vento
accompagna i miei sentimenti nei tramonti tanto attesi
Una folata di vento
accarezza il mio viso e commuove il mio cuore
Questa sconosciuta folata di vento
trascina via quei pezzi di cielo persi e mai ritrovati
In questa vita non c'è posto per la felicità
In questa vita ho bisogno di combattere
Solo una folata di vento può sconfiggere
quell'oscurità che vive nel mio piccolo cuore
Addio sole mio
Ben arrivato vento.
Antonio Prencipe
Composta venerdì 2 luglio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Tra Sogno e Amore

    Ho voglia di sognare
    Ho voglia di sparire nel vuoto
    Forse c'è un premio per quelli che come me
    hanno finito le lacrime,
    Forse la luna non ha mai maledetto il cielo,
    Ho deciso di lasciarti entrare nella mia vita,
    Come alberi spogli alla ricerca del sole
    il mio destino vagava tra le mille conchiglie
    sparse nel oblio del mio passato,
    Non ho mai saputo la via per il paradiso
    Non ho mai intravisto un sognatore bussare alla mia porta
    A cosa serve sognare un mondo
    che fa finta di non credere alla favole
    Anche l'inverno si perde nel vento
    Però,
    tutto ha un senso
    anche il mio dolore ha senso,
    Ho amato due volte senza tregua
    e senza tregua ho gettato il mio cuore
    in bocca al mare
    Le nuvole non prendono il volo
    rimangono immerse nei miei ricordi
    e come me cercano di non annegare
    nelle lacrime che ahimè
    hanno già raggiunto le mie labbra,
    Quelle labbra che un tempo
    avevano l'odore dell'amore.
    Antonio Prencipe
    Composta venerdì 17 settembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Padre

      Padre,
      sei tutto per me
      Mi hai visto morire e non risorgere
      Mi hai visto toccare il fondo
      Mi hai visto piangere e sognare ai bordi del mare
      Mi hai visto sacrificare il cuore
      Padre,
      Hai conosciuto le mie lacrime
      Hai conosciuto la mia disperazione per questa dannata Vita
      Hai pianto lacrime amare, salate per me
      Padre,
      Mentre il mondo giudicava
      tu eri al mio fianco
      Padre
      tu non sai quante volte
      ho venduto la mia anima
      per il semplice e naturale
      bisogno di raggiungere la mia stella
      Grazie a te sto imparando a vivere
      Grazie a te sto imparando cosa significa la parola "lavoro"
      Padre,
      Non potrò mai tradirti
      ti deluderò,
      ma non potrò mai non amarti
      perché
      Tu,
      Padre,
      Con le mie ali volerai e non cadrai mai
      te lo prometto
      Ero timido,
      ma dentro me viveva la guerra
      e non mi accorsi del tuo amore
      Sei venuto in culo il mondo
      e ci sei finito dentro
      per non starmi mai lontano
      in un passato ormai lontano
      Ora
      voglio semplicemente dedicarti
      questa poesia
      Ti Amo Papà.
      Antonio Prencipe
      Composta giovedì 9 settembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Vivrò

        E ci sarà un bambino che
        giocando sotto il sole
        m'insegnerà a morire rincorrendo
        farfalle argentate dietro
        la siepe di casa mia.
        Il mio paese abbandonato
        accanto alle montagne
        di un mare immenso mi tiene imprigionato,
        in una gabbia di cartone
        spessa come l'ignoranza
        che assale la gente che con aria
        indifferente osserva la mia
        lenta distruzione.
        Non morirò mai ricercando
        il grande amore...
        Lo troverò e piangerò lacrime e sangue
        e forse nel tramonto
        lo negherò come si fa con le favole
        che quel vecchio seduto
        sotto un albero d'ulivo
        racconta ai poveri mendicanti di solitudine.
        Senza alcuna ragione squarciare l'Alba
        urlando alla luce della sera,
        stuprata dal silenzio assordante.
        Vivere cercando ancora
        un altro Addio...
        Vivrò fino all'ultima lacrima
        scesa giù da un angelo senza pace nel cuore.
        E quella voglia d'amare
        t'abbandona e ti lascia solo
        in mezzo al sole cocente,
        il paracadute si apre perché
        si ha l'impressione di cadere
        da un aereo e le ali sulla scrivania
        accanto alle sigarette
        sono state dimenticate.
        Quella voglia d'essere capiti resta
        ed io maledico la mia anima da poeta,
        incompresa tra gli occhi dei Santi,
        agguerrita come un grilletto
        che aspetta di essere premuto.
        E tremo ancora al pensiero
        di essere normale.
        Antonio Prencipe
        Composta sabato 30 luglio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Correrò da te

          Perché ti amo?
          Le notti sono lontane dalla primavera,
          i destini incrociati deridono l'orizzonte.
          Santifica il mio disegno,
          Aprendo quel nostro libro intriso di dolore e malinconia,
          vidi quella pagina nascosta
          tra le nuvole del nostro amore
          non predisposto,
          perché non posso amarti
          anche nelle mie stanza d'albergo
          travestite da mille orgasmi
          e pochi sentimenti.
          Vita, vita io riesco ad amare
          il tuo splendido ed anche amaro sorriso,
          lontano e veloce dal mio passato
          correrò da te, ti bacerò,
          soffrirò con te
          e mai, mai ti lascerò morire
          tra il forte e prolungato istante
          di tiepide avventure,
          quelle avventure che in un giorno
          ormai lontano m'insegnarono a vivere.
          Amore, oggi accendiamo il rumore che l'Universo nasconde.
          Amore, oggi doniamo
          stelle e raggi di sole a chi non ne ha,
          ho una vita intera di fronte a me
          non lasciarmi solo.
          Ho paura del vento padrone dei miei sogni.
          Antonio Prencipe
          Composta domenica 31 ottobre 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di