Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Alexis Karpouzos

Filosofo e autore, nato domenica 9 aprile 1967 a Atene (Grecia)
Questo autore lo trovi anche in Racconti.

Scritta da: Alexis Karpouzos

Ho incontrato una parola

La scorsa notte, nel mio sogno,
mentre vagavo per le terre selvagge
e attraversando ombre silenziose,
ho incontrato una parola e ho chiesto:
"Come ti chiami?"
"Il mio nome è amore
e sono solo nella vita,
ho bisogno di te,
altrimenti andrà perso il sogno".
Ho risposto: "Anche noi abbiamo bisogno di te,
ma siamo doloranti e spaventati
e non ammetterlo.
Per favore, prestami i tuoi occhi luminosi".
"No, non c'è bisogno, sei nell'abbraccio della luce,
ma l'hai dimenticato".
Alexis Karpouzos
Composta domenica 18 aprile 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alexis Karpouzos

    Tante strande

    Nella nostra breve vita,
    tante strade,
    tanti miracoli
    e benedizioni e glorie,
    ma anche tante maledizioni e negazioni,
    dolore e disprezzo,
    onde continue sui mari planetari
    che vanno e vengono,
    e ci trascinano nei cieli immensi,
    in quel tranquillo universo ritmico
    ascolta il tuo battito cardiaco.
    Alexis Karpouzos
    Composta giovedì 16 gennaio 2020
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alexis Karpouzos

      Un oceano di anime

      Sappiamo così poco
      così poco, quasi niente
      e questa è solo la verità,
      quando e da dove?
      dalla fessura dell'infinito
      e lo scorrere del tempo,
      schegge solitarie
      vaghiamo in viaggi da sogno,
      e la verità un'ombra fluente
      e ci chiama
      ma la chiamata ancora non si sente,
      né il chiamante rivela la sua faccia.
      e le persone senza voce amano e muoiono,
      perché la verità non parla
      ma danzate nell'armonia dell'unità.
      Alexis Karpouzos
      Composta martedì 15 ottobre 2019
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alexis Karpouzos
        I come from the depths of infinity
        and from all directions of space-time.
        I traveled through dark tunnels, went through solar storms.
        I went straight, circled, parallel, rotated as a spiral.
        Cosmic clouds trapped me and escaped from them.
        Avoided collisions with meteories.
        I was helped by exotic particles,
        neutron stars and the love of gravity.
        Every leaf, every flower, every mountain and lake,
        every cloud and every star and every atom recognize me and greet me.
        I feel that I have live for million lifetimes.
        Who am I? What is my purpose?
        Last night I sent a question into universe, asking "who am I or am I not?
        The universe responded immediately:
        You asked me the same thing billions of years ago.
        And then and now I answer:
        You're the smile of no birth and no death,
        The Hidden Law.
        Alexis Karpouzos
        Composta domenica 7 aprile 2002
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Alexis Karpouzos
          I know that I shall meet my shadow,
          one day, is our fate. I know that, someday,
          the light ends for us and the deadly gravity
          will absorb us. And again, a magician spark
          will shine and a ocean of souls
          will flood the universe and will
          give birth to stars and grief.
          And maybe, just maybe, in another heaven,
          my dreams will be your dreams.
          You see, everything repeats itself
          and everything will be reincarnated in different forms.
          An incredible miracle, carefree, and we live in it.
          The miracle is folded into your heart.
          Alexis Karpouzos
          Composta venerdì 14 febbraio 2020
          Vota la poesia: Commenta