Post di Pietro Riillo

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Poesie.

Scritto da: PIETRO RIILLO
Non credo abbia molto senso parlare di pianeti, astri, universo per ritenersi abitanti di qualcosa o siti su qualcosa. Così come non ha senso parlare di terra tonda o piatta o cava o di quant'altro possa servire a distogliere l'attenzione. Noi siamo artefici di realtà; siamo al tempo stesso registi e attori della nostra realtà. La nostra vita, intesa come semplice quotidiano. La vita è fatta di quotidiano, o meglio, di rappresentazione del quotidiano. Ognuno di noi ne ha uno, ha una sua realtà. La nostra vita non può che essere diretta da noi stessi, che lo vogliamo o meno. Che ci piaccia o meno. Anche quando ci lasciamo guidare dagli altri. La nostra visuale, il nostro punto di vista, il nostro vissuto del mondo è e rimarrà comunque nostro, saremo sempre noi gli artefici. Regista, attore, uomo, Dio.
Pietro Riillo
Composto martedì 20 novembre 2018
Vota il post: Commenta
    Scritto da: PIETRO RIILLO
    A volte è necessario perdersi per potersi ritrovare. Provare quel brivido freddo del vuoto lasciato dentro e fuori di te per poter dare la giusta priorità alle cose della vita. Non è questione di stupidità, né di superficialità o menefreghismo. E' semplicemente la natura dell'uomo. Ma mi manchi.
    Pietro Riillo
    Composto sabato 5 maggio 2018
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: PIETRO RIILLO
      29 giugno, ore 00.01. Eccolo arrivato. Sono 40, dentro e fuori di me. Vorrei fare finta di niente, che sono come i 37, i 38, i 39.... ma non riesco a mentirmi. La verità è che mi pesano. Sono sei mesi che s'appesantiscono, sempre di più. Non passa ora che non ci pensi, che non avverta l'approssimarsi di questo giro di boa. Mi sento un fuggiasco in un vicolo cieco. Così, stanotte, in un atto eroico, spengo idealmente tutte queste candeline. Ma non festeggerò. Mi godrò questa sensazione di luttuosa serenità che mi pervade. Questa è la mia torta. Buon compleannomi.
      Pietro Riillo
      Composto mercoledì 29 giugno 2016
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: PIETRO RIILLO
        Adesso, adesso, adesso... mi sforzo di dare ordine al tempo ma mi sfugge l'attimo di questo largo momento. Il presente non esiste, ciò che scrivo non esiste: è nato e morto mille molte e mille altre volte morrà, dopo aver letto ciò che era. L'attimo è lieve, minuto, scorre veloce e se provi a fermarlo è già passato. Mi rimane d'afferrare la sua idea per potermi dare la ragione di questo vivere a metà, tra memoria ed immaginazione per intendere di non poter essere, di non poter restare. L'attimo che sfugge è un indice che punta dall'alto di quel intelletto eterno che ha voluto disfarsi proprio dell'attimo, per poi un giorno, lontano e vicino, all'attimo far ritorno, quando ogni cosa non avrà senso, quando la vita non avrà sesso ed il futuro non sarà più... adesso, adesso, adesso.
        Pietro Riillo
        Composto martedì 1 marzo 2016
        Vota il post: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di