Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Chiara Trabalza
Quando tutto sarà finito ricordiamoci di chi avremmo voluto abbracciare forte, ricordiamoci che niente va dato per scontato e che poter guardare il sole ogni mattina è un privilegio.
E impareremo il valore delle piccole cose, come il volo di una rondine e il fiorire delle rose. Capiremo il valore di un abbraccio, di un bacio, di una stretta di mano e potremo toccarci di nuovo senza paura, senza più doverci guardare da lontano. Scopriremo l'importanza di tutto quello che forse davamo per scontato, di tante cose che abbiamo sottovalutato e di ciò che abbiamo sempre trascurato.
Noi, che andiamo sempre troppo in fretta e di tempo non ne abbiamo mai abbastanza, adesso il tempo sembra essersi fermato e la nostra vita è racchiusa tra le pareti di una stanza.
Tutto quello che ci sembrava scontato lo sarà meno d'ora in poi. Tutto ciò da cui volevamo scappare, adesso forse lo rivorremmo indietro. Tutto ciò di cui ci lamentavamo, forse non era poi così male.
Approfittiamo di questo tempo per migliorarci, per riscoprire ciò conta davvero, per cercare la primavera dentro di noi.
Chiara Trabalza
Composto martedì 24 marzo 2020
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Chiara Trabalza
    Un abbraccio alla bambina che ero, timida e insicura. A quella bambina delicata e sensibile che ha pianto, ha sofferto, si è sentita sola. Un abbraccio alla donna che sono diventata, testarda e imperfetta ma sempre sincera, guerriera con il cuore sempre troppo scoperto. Alla donna che sta cercando di perdonarsi e che non smette mai di sognare. Per la donna che sono, per tutto l'amore che ho dentro, per le mie vittorie e le mie sconfitte, per tutte le volte che mi sono rialzata, per tutti i mostri che ho affrontato. Un abbraccio alla bambina che sono ancora e che sarò sempre, con le favole nel cuore e mille sogni dentro gli occhi.
    Chiara Trabalza
    Composto mercoledì 4 settembre 2019
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Chiara Trabalza
      Ti auguro un raggio di sole che possa illuminare i tuoi giorni di pioggia e una stella che possa illuminare le tue notti più buie. Ti auguro di avere il coraggio per affrontare ogni giorno le tue sfide e il sorriso di chi, nonostante tutto, le ha superate e ce l'ha fatta. Ti auguro di avere sempre un sogno da inseguire perché i sogni più belli non sono facili da raggiungere ma permettono di volare tra le stelle. Ti auguro la forza di perdonare chi ti ha ferito e la perseveranza di rialzarti sempre dopo ogni caduta. Ti auguro di trovare il tempo per restare in silenzio ad ammirare il mare e la pazienza di aspettare che passi il temporale per poter vedere l'arcobaleno. Ti auguro di poter avere sempre la possibilità di rimediare ai tuoi errori e di imparare dai tuoi sbagli. Ma soprattutto ti auguro di rimanere quello che sei, con i tuoi difetti, con i tuoi limiti, con tutti i tuoi casini ma soprattutto con il tuo sorriso e i tuoi occhi pieni di sogni. Non permettere mai a nessuno di farti credere che non sei abbastanza.
      Chiara Trabalza
      Composto venerdì 12 gennaio 2018
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Chiara Trabalza
        La felicità è passeggiare mano nella mano con te senza nessuna meta solo per la gioia di stare vicini. La felicità è restare in silenzio abbracciati sotto le coperte respirandoci a vicenda ascoltando i battiti dei nostri cuori. La felicità è avere il tuo profumo intrappolato sulla mia pelle. La felicità è condividere con te una birra e una pizza seduti sul marciapiede in una serata estiva. La felicità è la tua risata che mi fa tremare il cuore. La felicità è venirti a cercare la notte perché non sei dentro al letto e trovarti addormentato davanti alla tv. La felicità è ritrovare in fondo ai tuoi occhi tutte le costellazioni del cielo. La felicità è quando mi abbracci da dietro all'improvviso mentre preparo il caffè e il tuo respiro mi sfiora il collo. La felicità è quando le nostre due ombre si abbracciano alla luce della luna in riva al mare. La felicità è asciugarti una lacrima dopo che hai pianto e farti tornare il sorriso. La felicità è in ogni tuo difetto che ti rende così particolare da farti diventare unico per me. La felicità è ridere mentre facciamo l'amore. La felicità è anche sbattere una porta perché mi hai fatto arrabbiare sapendo però che presto faremo la pace e supereremo insieme un altro ostacolo. La felicità è tutto se tu sei con me.
        Chiara Trabalza
        Composto venerdì 15 settembre 2017
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Chiara Trabalza
          Ci sono quelle sere in cui mi concedo di crollare, in cui mi lascio andare. E mi chiedo perché devo sempre lottare, perché per me non c'è mai niente di facile. A volte sono stanca di essere forte, stanca di essere sola, stanca di essere quella che resta sempre e comunque. Avrei bisogno di un abbraccio, di una carezza, di qualcuno che mi dica: "Ci penso io a te". Voglio lasciarmi andare, smettere di pensare, non dovermi sempre preoccupare di fare a pugni con la vita. "Tu sei forte", mi dicono. Ma non sanno che dentro sono un vaso di cristallo. Non sanno quanta paura nascondo sotto la mia armatura. Urlo silenziosamente, mi sgretolo senza far rumore. Frammenti di anima e cuore tra le lacrime. Sono stanca di salvarmi da sola. A volte non voglio essere forte, voglio solo essere amata, protetta, capita. Vorrei qualcuno che mi regalasse una stella, un pezzo di cielo, un arcobaleno. Un sorriso, un bacio, una carezza, un po' di tenerezza. Un girasole. Un po' d'amore.
          Chiara Trabalza
          Composto mercoledì 4 aprile 2018
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Chiara Trabalza
            Amami sempre, anche quando sono difficile da comprendere. Amami quando mi perdo nei miei silenzi e non mi lascio avvicinare, amami quando litighiamo e mi chiudo a chiave in camera lasciandoti fuori ad aspettare. Amami quando sbaglio, quando piango, quando tiro fuori gli artigli come un animale selvatico. Amami quando avrò gli occhi stanchi dopo notti insonni perse dietro troppi pensieri. Amami quando girerò per casa in pigiama, spettinata, senza trucco e sprofonderò sotto al plaid sul divano. Amami quando specchiandomi troverò una ruga in più sul mio viso e mi sentirò meno bella. Amami quando sono insicura, paranoica, lunatica, irascibile. Amami quando faticherò ad accettare un dolore troppo grande o quando inciamperò nelle buche della vita. Amami quando metto il broncio e divento più capricciosa di una bambina. Amami sempre, anche quando sono difficile da capire, anche quando ti farò impazzire, anche quando ti dirò di andare via perché è proprio in quei momenti che ho più bisogno di te. Solo tra le tue braccia io mi sento a casa, solo con te so di non dover fingere di essere diversa da quella che sono.
            Chiara Trabalza
            Composto lunedì 4 gennaio 2016
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Chiara Trabalza
              Ci siamo sempre scontrati per i nostri caratteri così diversi o forse troppo simili. Non sei mai stato uno di quei papà affettuosi, tutti baci e coccole. Eri duro, severo, esigente. Mi sentivo sempre in difetto, come se, in fondo, non fossi abbastanza per uno come te. Tu così fiero e determinato, io così piccola e insicura. E la notte, qualche volta, piangevo in silenzio, io, bambina cresciuta troppo presto. Eppure adesso che ti vedo invecchiato, adesso che i tuoi capelli si colorano di bianco e sul tuo viso c'è una ruga in più, adesso che i tuoi occhi si sono addolciti di una nuova malinconia, ho voglia di abbracciarti stretto e tenerti per mano come quando, da bambina, passeggiavamo insieme sulla spiaggia, io e te. E so che comunque andrà la mia vita tu sarai sempre al mio fianco. Se smarrirò la strada tu sarai la bussola che mi aiuterà a ritrovarla. Se la notte diventerà troppo buia tu accenderai mille stelle solo per me. E quando sarai troppo vecchio e stanco per darmi un abbraccio, allora sarò io a inginocchiarmi vicino a te e, sfiorando il tuo viso rugoso con una carezza, ti sussurrerò, ancora una volta, "Ti voglio bene papà".
              Chiara Trabalza
              Composto venerdì 10 marzo 2017
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Chiara Trabalza
                Io sono complicata e mi rendo conto che è impegnativo restare al mio fianco. So che alcune volte sono difficile da capire. Ho silenzi lunghi e malinconici dove non lascio entrare nessuno. Ho lacrime irrefrenabili difficili da decifrare. Ho una sensibilità così sviluppata che basta un niente per ferirmi e mandarmi in mille pezzi. Sono come un temporale estivo, improvviso e inaspettato, leggero e imprevedibile. Sono colorata come i coriandoli e fragile come una bolla di sapone. Ho bisogno di qualcuno che sappia oltrepassare la corazza che indosso per difendere me stessa, che sappia andare oltre la mia apparenza selvatica, qualcuno che abbia il coraggio di amarmi anche a costo di ferirsi con le mie spine, qualcuno che voglia combattere al mio fianco e che abbia la pazienza di curare le mie ferite.
                Chiara Trabalza
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Chiara Trabalza
                  Esistono persone che non puoi eliminare dal cuore. Sono troppo importanti per essere dimenticate. Semplicemente restano là, tra il cuore e lo stomaco, impigliate nella mente come in una ragnatela. Certe persone esisteranno per sempre perché la distanza fisica non è mai distanza tra i cuori. Passeranno i giorni, i mesi, gli anni, ma i ricordi quelli no, non passeranno mai. Di queste persone ricorderai sempre tutto, ogni dettaglio, ogni litigio, ogni risata, ogni colore, ogni profumo. Ricorderai sempre il momento esatto in cui tutto è iniziato e come battevano insieme i vostri cuori. Certe persone resteranno per sempre nonostante gli ostacoli, nonostante le distanze, nonostante la vita.
                  Chiara Trabalza
                  Vota il post: Commenta
                    Scritto da: Chiara Trabalza
                    Auguri alle donne che cadono e trovano sempre la forza di rialzarsi, auguri alle donne ferite ma che non si arrendono. Auguri alle donne che piangono la notte, in silenzio, ma affrontano ogni giornata con un sorriso, auguri a quelle donne che lottano con la vita e vanno avanti da sole, con coraggio. Auguri alle donne che raccolgono i frammenti del loro cuore e rimettono insieme i pezzi della loro esistenza, auguri alle donne che sanno donare amore anche quando ricevono schiaffi, auguri alle donne che superano le paure e inseguono i loro sogni. Auguri a tutte voi donne che indossate ogni giorno la vostra dignità, il vostro sorriso, la vostra libertà. Vi auguro di avere al vostro fianco un uomo che vi possa abbracciare ogni sera e accarezzare ogni mattina, che vi guardi negli occhi con amore, ogni giorno come se fosse la prima volta, che vi sappia proteggere e vi lasci libere di volare. Perché ci sono ancora troppe donne vittime di violenza, donne insultate, schiaffeggiate, sminuite, perseguitate. Donne private della loro libertà, della loro dignità. Oggi io non voglio ricevere una mimosa, una rosa o dei cioccolatini perché il mio essere donna è molto di più di una semplice mimosa. Una donna va amata e non calpestata, va protetta e non ferita, va rispettata e non offesa, va accarezzata e non maltrattata. E non solo oggi ma ogni giorno dell'anno. Il mio pensiero va a tutte le donne, perché possano avere il rispetto e l'amore che meritano, sempre, 365 giorni l'anno.
                    Chiara Trabalza
                    Composto mercoledì 8 marzo 2017
                    Vota il post: Commenta