Questo sito contribuisce alla audience di

Giornata della memoria

Ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime dell'Olocausto.


Scritta da: Rubyna
in Frasi & Aforismi (Giornata della memoria)
Su un acceso rosso tramonto,
sotto gl'ippocastani fioriti,
sul piazzale giallo di sabbia,
ieri i giorni sono tutti uguali,
belli come gli alberi fioriti.
È il mondo che sorride
e io vorrei volare. Ma dove?
Un filo spinato impedisce
che qui dentro sboccino fiori.
Non posso volare.
Non voglio morire.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Rubyna
    in Frasi & Aforismi (Giornata della memoria)
    Difficile da riconoscere, ma era qui. Qui bruciavano la gente. Molta gente è stata bruciata qui. Si, questo è il luogo. Nessuno ripartiva mai di qui. I camion a gas arrivavano là. C'erano due immensi forni e dopo, gettavano i corpi in quei forni, e le fiamme salivano fino al cielo. Fino al cielo? Si. Era terribile. Questo non si può raccontare. Nessuno può immaginare quello che è successo qui. Impossibile. E nessuno può capirlo. E anche io, oggi non posso credere di essere qui. No, questo non posso crederlo. Qui era sempre così tranquillo. Sempre. Quando bruciavano ogni giorno 2000 persone, ebrei, era altrettanto tranquillo. Nessuno gridava. Ognuno faceva il proprio lavoro. Era silenzioso. Calmo. Come ora.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Rubyna
      in Frasi & Aforismi (Giornata della memoria)
      Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta di piccoli gesti anonimi, forse domani morirò, magari prima di quel tedesco, ma tutte le cose che farò prima di morire e la mia morte stessa saranno pezzetti di storia, e tutti i pensieri che sto facendo adesso influiscono sulla mia storia di domani, sulla storia di domani del genere umano.
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Rubyna
        in Frasi & Aforismi (Giornata della memoria)
        Auschwitz è fuori di noi, ma è intorno a noi, è nell'aria. La peste si è spenta, ma l'infezione serpeggia: sarebbe sciocco negarlo. In questo libro se ne descrivono i segni: il disconoscimento della solidarietà umana, l'indifferenza ottusa o cinica per il dolore altrui, l'abdicazione dell'intelletto e del senso morale davanti al principio d'autorità, e principalmente, alla radice di tutto, una marea di viltà, una viltà abissale, in maschera di virtù guerriera, di amor patrio e di fedeltà a un'idea.
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Rubyna
          in Frasi & Aforismi (Giornata della memoria)
          Erano cento
          Erano cento uomini in arme.
          Quando il sole sorse nel cielo,
          Tutti fecero un passo avanti.
          Ore passarono, senza suono:
          Le loro palpebre non battevano.
          Quando suonarono le campane,
          Tutti mossero un passo avanti.
          Così passò il giorno e fu sera,
          Ma quando fiorì in cielo la prima stella,
          Tutti insieme fecero un passo avanti.
          "Indietro, via di qui, fantasmi immondi:
          Ritornate alla vostra vecchia notte":
          Ma nessuno rispose, e invece.
          Tutti in cerchio, fecero un passo avanti.
          Vota la frase: Commenta