Giusto e Sbagliato non esistono se il mittente è l'amore. O forse improvvisano un tango nel buio, liberi di toccarsi, di guardarsi, di vivere, morire, l'uno dell'altro, l'uno nell'altro, come la resa violacea della tempera blu alla corte del rosso sulla tavolozza. Perché Amore è giusto ma è anche sbagliato. Amore è nelle piccole cose, a volte in quelle proibite. Amore è passione. È paura. È luce. È Mistero. È paradiso e inferno. È a metà, tra uomo e donna, e a volte sembra sfidare persino l'artificio del tempo.
Giovanni Di Battista
Vota la frase: Commenta
    Non è il tempo forse
    la preghiera crudele di un Dio
    che invoca la fine?
    Di un principio che volge all'inevitabile...
    Che chiama a sé la morte
    come fosse un'amante perduta
    e mai dimenticata.
    La voce più triste
    che, soave
    canta con le parole più dolci.
    L'infinito che reclama
    un ultimo secondo d'equilibrio
    sulla linea del nulla,
    per poi cadere, solenne
    nel vuoto... come un ombra nella luce...
    Chissà, forse sarà più facile, nella penombra
    raccogliere il segreto,
    l'intimità della vita.
    Giovanni Di Battista
    Vota la frase: Commenta
      Quando l'incoscienza
      è una misura dell'amore
      forse si è coscienti.
      L'amore è divino...
      riporta alle anime immemori
      la loro natura d'eterno,
      a un'effimera esistenza
      offre l'immortalità...
      Istanti di infinito a illuminare lo spirito.
      ... l'amore è terreno.
      Un'estasi adrenalinica
      che sa di follia.
      Carezze
      che strappano la pelle...
      Sguardi...
      che disegnano il perimetro del peccato
      tra i sentieri della carne...
      Labbra che si perdono sulle labbra...
      Simbiosi.
      Giovanni Di Battista
      Vota la frase: Commenta
        A volte la Strada ti parla.
        Sussurra filastrocche di domani,
        come una sirena che s'affaccia
        alla riva dei tuoi pensieri

        ... e il tuo viaggio è il suo canto
        il ritmo ubriaco dei tuoi giorni
        la sua cadenza
        Sui marciapiedi sgranati affamati di sole
        Ai vertici pulsanti delle strade,
        negli angoli frenetici di traiettorie in ritardo
        Nel caos polifasico della metropoli

        Mentre ti immergi fuori dai confini di te stessa
        e il tuo vagare ti lascia senza fiato,
        mentre insegui un volto tra le maschere...
        il tuo.
        Giovanni Di Battista
        Vota la frase: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di