Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Erich Fromm

Psicoanalista e sociologo, nato venerdì 23 marzo 1900 a Francoforte sul Meno (Germania), morto martedì 18 marzo 1980 a Muralto (Svizzera)
Questo autore lo trovi anche in Racconti.

Scritta da: Ferdinando Garzillo
L'uomo crede di volere la libertà. In realtà ne ha una grande paura. Perché? Perché la libertà lo obbliga a prendere delle decisioni, e le decisioni comportano rischi. Se invece si sottomette a un'autorità, allora può sperare che l'autorità gli dica quello che è giusto fare, e ciò vale tanto più se c'è un'unica autorità che decide per tutta la società cosa è utile e cosa invece è nocivo.
Erich Fromm
Composta mercoledì 18 ottobre 2017
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Marco Granziero
    Gli individui che fanno propria la modalità di vita dell'avere, godono della sicurezza ma sono per forza di cose insicuri. Dipendono da ciò che hanno come denaro, aspetto fisico, potere, beni, in altre parole in qualcosa che è al di fuori di loro. Ma che ne è di loro se perdono ciò che hanno? Se quindi sono ciò che ho e ciò che ho è perduto, chi sono io?
    Erich Fromm
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Randle
      Quando si osservi la qualità del pensiero nell'uomo alienato, è stupefacente vedere come la sua intelligenza si sia sviluppata e come la sua ragione sia degenerata. Egli prende la sua realtà come è; egli desidera goderla, consumarla, toccarla, maneggiarla. Egli nemmeno si chiede che cosa vi sia dietro, perché le cose sono come sono, e dove stiamo andando. Non si può mangiare il significato, non si può consumare il senso, e per quanto riguarda il futuro: après moi le déluge!
      Erich Fromm
      Composta lunedì 30 aprile 2012
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Randle
        La mia certezza riposa sulla conoscenza che nel profondo di me ho dell'altro, e sulla mia propria esperienza di amore e probità. È un tipo di conoscenza possibile solo nella misura in cui possa sbarazzarmi del mio io e vedere l'altro nella sua interezza, riconoscendo la struttura di forze all'opera in lui, vedendolo nella sua individualità e in pari tempo nella sua universale umanità.
        Erich Fromm
        Composta domenica 29 aprile 2012
        Vota la frase: Commenta