Questo sito contribuisce alla audience di

Aforismi di Cristina Cossu

Insegnante, nato mercoledì 26 giugno 1968 a Cagliari (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Cristina
Il pensiero, unica nostra proprietà, potere, libertà.
Paziente e silenzioso, fedele, presente.
Non riposa mai, instancabile professionista e grande estimatore del dubbio.
Essere prismatico, generatore di scelte che scrivono le nostre sorti su un grande libro che si chiama vita.
Si appoggia a due canali, cuore e mente, spesso schierandosi dall'uno o dall'altro versante. Lo squilibrio origina il dubbio, segue l'incertezza, poi il coraggio, finalmente la scelta. Un passo in avanti, comunque.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Cristina
    I politici del nostro tempo non hanno orecchie per sentire ne occhi per vedere; una sola missione: la lotta per la supremazia del proprio ego su quello dell'avversario.
    Avversario? Si, termine abusato, come se avessero perso di vista che non è una gara in cui vince il più forte, ma l'assemblea in cui tutti e dico tutti devono riorganizzare la realtà del paese che han voluto a tutti i costi governare.
    Son quelli che abbiam spedito noi, scelti a nostro avviso non tra i più competenti ma tra i meno peggio. Il servizio qualità non registra una sola stelletta di approvazione.
    Diceva bene chi sosteneva che "il più pulito ha la rogna".
    Per quanto mi riguarda non sono apolitica, anzi ci credo davvero a patto che si costituisca una classe ex novo senza nessun contatto con chi ci ha preceduti. La rogna, si sa, è contagiosa!
    Cristina Cossu
    Composta domenica 19 luglio 2009
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Cristina
      Busso con insistenza
      a quella porta
      per me da tempo chiusa.
      Non ho sbagliato indirizzo
      il posto dei sogni è qui,
      ricordo.
      Era ampia e colorata la porta,
      e sempre socchiusa.
      Bastava un desiderio
      per aprirla.
      Piccoli e adulti
      era un viavai.
      Oltre quella porta
      ricordo la luce pura
      di una stanza
      che ci accoglieva in tanti.
      Non ho la chiave
      che prima non serviva.
      Posso solo immaginarla
      e desiderare di respirarla ancora.
      All'interno poche voci
      di pochi eletti
      che possono ancora
      vivere i loro sogni.
      Vita mia,
      permettimi almeno di sperare.
      Cristina Cossu
      Composta sabato 30 maggio 2009
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Cristina
        Sei approdato alle sponde della mia giovane esistenza, in un tardo pomeriggio di primavera di qualche tempo fa.
        Una moto intravista al di là di quella traversa a me familiare, prima curva a destra verso vie più volte percorse e che, ancora oggi, echeggiano delle risate di noi adolescenti spensierati e innamorati della vita.
        Il primo incontro, il primo sguardo, le prime parole tra sconosciuti, il saluto sempre più confidenziale, il primo bacio. Siamo ancora qui dopo aver attraversato mari in tempesta, dopo aver vissuto attimi di incoscienza lunghi anni interi, dopo aver scalato montagne inaccessibili e aver raggiunto vette, sempre troppo faticose.
        Percorsi bagnati da lacrime di dolore e rabbia, inframmezzati da propositi di vendetta che, con l'arrivo dell'età matura, sono diventati esperienza di vita.
        Le lacrime di oggi hanno un sapore diverso, non più ostile, il suono di quel dolore è stato spento per sempre e la vendetta l'ho delegata alla vita e ai suoi misteriosi eventi.
        Siamo ancora qui, non so per quanto, forse per un attimo ancora o forse per sempre. Il quotidiano spesso nemico mi ha accompagnata fino ad oggi. Il cammino del tempo mi ha investita, regalandomi i primi capelli bianchi ma, nonostante le burrasche e la solitudine da dover vivere e spiegare ad un bambino, il mio, sono qui, grata alla vita che mi ha donato l'energia per non mollare. La stessa vita che oggi mi chiede di tirar fuori dall'abisso colui che in questi anni, dietro le mie lacrime, si è illuso di comprare la felicità.
        Cristina Cossu
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Cristina
          Ci sono momenti in cui il buio è una mano che ti segue fino a catturarti.
          Gli occhi chiusi per difendersi dalla realtà, in quell'attimo ostile.
          L'energia dirompente della luce, nei suoi tempi, squarcia le tenebre e, solo allora, ci accorgiamo d'esserci consegnati al nemico che, mellifluo, ci ha impedito di prender per mano anche l'ultima, flebile speranza.
          Cristina Cossu
          Vota la frase: Commenta