Scritta da: Hannele
Quando l'immobilità mangia ogni briciolo movimentato che la rondine che è in te cerca inesorabilmente per volare ancora, sempre più in alto, sempre più in basso; quando l'immobilità mette spalle al muro, raso terra il tuo trillare allegro e svolazzante, il tuo cantare dolce di onde e vita passante; quando l'immobilità avvelena il tuo becco portatore di rugiada, ricorri nell'antidoto: la speranza.
Anonimo
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di