Area Riservata

Il 2 ottobre è la FESTA DEI NONNI! Leggi le migliori frasi, pensieri e poesie dedicate al mondo dei nonni. Tutto quello che gli utenti hanno dedicato alla festa dei nonni lo trovi qui.

frase postata in Frasi & Aforismi (Amore)
Le gioie violente hanno violenta fine, e muoiono nel loro trionfo, come il fuoco e la polvere da sparo, che si distruggono al primo bacio. Il più squisito miele diviene stucchevole per la sua stessa dolcezza, e basta assaggiarlo per levarsene la voglia. Perciò ama moderatamente: l'amore che dura fa così.
8.19 in 124 voti


Commenti


commento #58, postato da Eterea bellezza, il 08/08/2014, alle 00:27:46
Atto2 scena6
commento #57, postato da Neon, il 04/11/2013, alle 13:23:50
ho bisogno di aiuto, vorrei citare questa bellissima frase nella mia tesi di laurea , qualcuno sa a che pag si trova?? io ho un libro molto vecchio di romeo e giulietta e la frase è leggermente diversa e quindi non so qual è quella corretta
commento #56, postato da AnonimaGalassia, il 28/05/2013, alle 02:17:43
Le gioie violente hanno violenta fine, e muoiono nel loro trionfo, come il fuoco e la polvere da sparo, che si distruggono al primo bacio. Il più squisito miele diviene stucchevole per la sua stessa dolcezza, e basta assaggiarlo per levarsene la voglia. Perciò ama moderatamente: l'amore che dura fa così.
-- William Shakespeare
Questo è quanto secondo Shakespeare nella storia di Romeo e giulietta che di moderato c'era poco e niente. Ed è così dunque? Un amore poco moderato, che esplodeva di emozioni come il loro è destinato a non durare? L'amore moderato non esiste. O meglio non è amore. Non esiste l'amore duraturo moderato. L'amore non è affatto moderato, l'amore è naturale, non frenato, irresistibile. L'amore ti spinge a tutto ed è ciò che la natura ci ha donato. Non si può trattenere e reprimere il VERO AMORE. L'amore moderato non è amore autentico. E il vero amore, è anche quello duraturo e il più vivo, audace e irrefrenabile.
commento #55, postato da Giuseppe Freda, il 08/07/2012, alle 20:28:42
Giuseppe Freda
E' davvero singolare questa circostanza, che chi NON VUOLE CREDERE, messo di fronte alla naturale e semplice superiorità del messaggio spirituale e sociale del cristianesimo, trovi rifugio nel dogma e nella teologia.
    Come se il dogma e la teologia fossero ciò che conta, a fronte di quel semplice precetto: AMA IL PROSSIMO TUO COME TE STESSO.
    Cara Flavia, ti rispondo in poche parole: IN NESSUN LUOGO DEI VANGELI troverai sulla bocca di Gesù Cristo l'invito a credere in una costruzione teologica, ma solo e sempre l'invito all'amore per il prossimo, addirittura per il nemico, al perdono, alla mansuetudine, alla pace, eccetera eccetera.
     E' questo ciò che conta. Tu potrai credere in tutte le teologie possibili, imparare a memoria la summa theologica di San Tommaso d'Aquino, arrivare a conoscere la volontà di Dio Padre meglio di come la conoscesse Cristo stesso; ma se non ami il tuo prossimo, se non perdoni, se non operi per la pace, ogni tua filosofia, teologia e credenza sarà vana.
     Lo ha detto Gesù stesso, che la Verità è stata rivelata non ai dotti ed ai sapienti, ma ai piccoli. Questi ultimi sono spesso ignoranti, non sanno nè di sacrificio espiatorio nè di transustanziazione; ma è un fatto che lo Spirito Santo si posa spesso su di loro, tanto che essi più facilmente di tanti altri operano conformemente alle parole di Gesù. In barba ad ogni teologia...  : ))
      E dunque non ti sembra bizantino, per sostenere che il cristianesimo sia una religione "violenta" come tu dici, andare a pescare nella tua teologia una presunta violenza del Padre sul Figlio, se poi il Figlio MAI ha parlato (diversamente da Maometto e tanti altri) di violenza alcuna, ma l'ha solo subìta?
      E dunque: se violenza vi è stata (del Padre sul Figlio, o meglio del Figlio su se stesso, perché "chi ha visto me ha visto il Padre"), checché ne dicano scribi e farisei, questa violenza NON FA PARTE DI CIO' CHE DOBBIAMO FARE, nè di ciò cui dobbiamo aspirare nella nostra vita.
      E dunque questo amore, perdono e pace, e non la violenza, caratterizza il cristianesimo. Della serie: il Padre sarà anche un violento... ma meno male che è venuto Gesù Cristo, cioè... il Padre, a prendere la mazzate al posto nostro...  : )))
commento #54, postato da bea-flando, il 08/07/2012, alle 17:01:17
bea-flando
A me risulta per volere del Padre
per redimere il genere umano dal peccato originale
una crocifissione connaturata della religione cristiana.

Invia il tuo commento
8.19 in 124 voti
Riporta qui sotto i tre simboli che vedi

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti