Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Rossella Porro

Amore

I miei occhi mai hanno visto un balcone più bello, adornato del più bel fiore che mai fu piantato: l'amore.
Due sedie bianche affiancate, riposte ogni mattina con instancabile abnegazione, l'una accanto all'altra ad assaporare la vita.
Le tenere e bianche mani intrecciate in morbide rughe che... [continua a leggere »]
Rossella Porro
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Rossella Porro

    Il colore del cielo

    Di te mi resta un foglio da disegno, delle matite colorate, un celeste pallido, un blu oltremare, un giallo canarino, un rosso magenta. Ricordo i tuoi vividi occhi nocciola e quell'aria triste e un po' imbronciata che mettevi su quando sapevi di dover essere perdonata. Ricordo quel non so che... [continua a leggere »]
    Rossella Porro
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Rossella Porro

      Illusione...

      Non ho mai amato la fiaba "La Bella e la bestia" che sembra propinarci quell'illusione che l'amore possa cambiare ogni cosa. Ora la bestia è una bestia e poco importa se in fondo, ma proprio in fondo in essa si nasconde un animo sensibile. Mi domando: se è tanto sensibile questo animo, perché si... [continua a leggere »]
      Rossella Porro
      Composto sabato 5 febbraio 2011
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Rossella Porro

        Le persone sensibili

        Le persone sensibili vibrano come corde tese di violino al primo tocco leggero di vento. Puoi sentirne la musica anche dietro un silenzio, il loro suono è melodioso, dolce, alle volte struggente, ma mai una nota grave potrai udirne. Le persone sensibili hanno passi leggeri come pioggerella... [continua a leggere »]
        Rossella Porro
        Composto domenica 24 giugno 2012
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Rossella Porro

          Lettera ad un figlio

          Caro figlio mio,
          per quanto ti sia difficile comprendere ti ho amato. Ti ho amato allora quando ho desiderato che non fossi mai nato, quando ho stretto fra le mie callose mani i tuoi piccoli piedini e ho desiderato che tu potessi correre per il mondo. Ti ho amato quando guardando i tuoi occhi... [continua a leggere »]
          Rossella Porro
          Composto mercoledì 21 settembre 2011
          Vota il racconto: Commenta
            Scritto da: Rossella Porro

            Micromachin...

            Nella stanza era ormai buio, la radio suonava: Certe notti...
            Notti di merda, ma era quella la filosofia, no! Non si poteva mica restare fuori...
            Intanto le campane suonavano. Quanto amava quel suono, così uguale, così... Cazzo le campane, erano le cinque... doveva correre. E poi chi lo sentiva... [continua a leggere »]
            Rossella Porro
            Vota il racconto: Commenta
              Scritto da: Rossella Porro

              Miki...

              Miki oggi non ha voglia di tenermi compagnia. Se ne sta con il muso sdraiato sul divano. Eppure c'è stato un tempo in cui sembrava che la sua stessa esistenza dipendesse dalla mia. Mi seguiva ovunque e non c'era giorno in cui non fosse contento di ricevere le mie carezze. Mi aspettava ansioso... [continua a leggere »]
              Rossella Porro
              Composto sabato 12 febbraio 2011
              Vota il racconto: Commenta
                Scritto da: Rossella Porro

                Nel nome del padre

                Solo se ne sta, seduto alla stazione ad aspettare un treno che non prenderà mai. Trascina i suoi passi come trascina i suoi anni, lentamente, ogni giorno, stessa ora. Tre figli dice di avere: uno lontano, al Nord, partito vent'anni fa e mai più tornato. Ogni tanto lo chiama per sapere come sta... [continua a leggere »]
                Rossella Porro
                Composto giovedì 30 dicembre 2010
                Vota il racconto: Commenta
                  Scritto da: Rossella Porro

                  Per te

                  Bella, eri così bella. Ora dalla tua pelle sottile riesco a distinguere una ad una le tue ossa. Ti guardo dormire e ho paura di toccarti, mi rendo conto di quanto tu sia fragile. Mi è così difficile capire. Una volta mi hai detto che con me si poteva parlare perché io capisco le persone, ma... [continua a leggere »]
                  Rossella Porro
                  Vota il racconto: Commenta
                    Scritto da: Rossella Porro

                    Quello che manca

                    Quello che manca è la pazienza, la voglia di ascoltare veramente l'altro, la sensibilità e così si finisce per accontentarsi di conoscenze superficiali dettate dall'apparenza. Ma quanti hanno il coraggio di entrare nell'animo altrui? Ci si nasconde dietro le proprie debolezze o il proprio essere... [continua a leggere »]
                    Rossella Porro
                    Vota il racconto: Commenta