Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Giuseppe Reali

Impiegato, nato giovedì 30 agosto 1984 a Brescia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Sale l'agitazione, il cervello non si spegne, abbiamo paura. Basterebbe poco per arrivare al punto, ma per il dunque non esiste traguardo. Incartati in discorsi sarcastici, perdiamo il filo. Ridiamo, ridiamo e ridiamo ancora. Il tempo scorre inesorabilmente mentre il nonsenso regna sovrano... [continua a leggere »]
Giuseppe Reali
Vota il racconto: Commenta
    Celata dietro a un perché, c'è sempre una scelta... La scelta di volerlo comprendere o meno. Vedete, il punto di vista, la prospettiva di un'idea, la causa, è sempre qualcosa di affascinante da percepire. E noi, abbiamo sempre i mezzi e la facoltà per capire. A volte però, siamo talmente... [continua a leggere »]
    Giuseppe Reali
    Vota il racconto: Commenta
      Il giudizio delle persone, si basa su chi eri e non su chi sei. Ti vedono per quello che hai fatto e non per quello che stai facendo. Quindi, se il passato ti ha procurato una macchia, sarà veramente dura lavarla via, ma è necessario che tu la tolga, non per gli altri, non per le malelingue e... [continua a leggere »]
      Giuseppe Reali
      Vota il racconto: Commenta
        Mi piace far rimbalzare i sassi sull'acqua, mi piace perdermi nell'incanto di un cielo stellato, mi piace dare una forma alle nuvole, mi piace guardare attentamente un film e di conseguenza trarre conclusioni, dibatterne la trama, mi piace leggere tra le righe, mi piace la mattina di Natale, mi... [continua a leggere »]
        Giuseppe Reali
        Vota il racconto: Commenta
          Avete presente, quella fatica, quella difficoltà, che si prova nel tenere una fiamma accesa, proteggendola da una folata di vento, da una nostra possibile negligenza o dalla mancanza di ossigeno, causata dall'estrema protezione in perfetto stile "campana di vetro", procurata dall'eccessiva paura... [continua a leggere »]
          Giuseppe Reali
          Vota il racconto: Commenta
            Perdersi tra le nuvole avendo una visione parziale di chi siamo o di chi potremmo essere o con chi, è veramente struggente. Non c'è niente di più frustrante, quale vedere una cosa solo per metà, tralasciandone i dettagli che la completano e la definiscono. Caratteristica non solubile, di un... [continua a leggere »]
            Giuseppe Reali
            Vota il racconto: Commenta
              Quando una storia d'amore finisce, cerchiamo sempre di cancellarne il ricordo. Impresa impossibile, le cellule della memoria sono dure a morire e ogni volta che tentiamo di fotterle, i flashback, reminiscenze incancellabili di ciò che era, si manifestano. Dolorosi ogni volta che sopraggiungono... [continua a leggere »]
              Giuseppe Reali
              Vota il racconto: Commenta
                Possiamo prendere diverse decisioni, imboccare innumerevoli strade, ma nonostante tutto siamo destinati a fare, ciò che dobbiamo e dovevamo fare. Attenzione, non sto affermando, che esiste qualcuno che ha già scritto le nostre gesta o le nostre azioni come un copione di un film, trovo solo... [continua a leggere »]
                Giuseppe Reali
                Composto sabato 10 maggio 2014
                Vota il racconto: Commenta
                  È buffo, più cresciamo, più perdiamo, in modo esponenziale, purezza e leggerezza nel prendere decisioni. Alcune persone pensano, che la crescita della persona vada a braccetto con la maturità della stessa, ma si sbagliano. Credo che la maturità, sia il binomio, anzi il matrimonio, tra due "modi... [continua a leggere »]
                  Giuseppe Reali
                  Composto sabato 26 aprile 2014
                  Vota il racconto: Commenta
                    Viveva di fantasia: correva di notte, in un prato illuminato dal chiarore delle lucciole. Era semplicemente geniale il connubio che creava tra i due mondi. E quando tornava alla realtà, era nuovamente felice. Spazzava via i problemi con un sorriso. Poi, quando la vena malinconica riappariva... [continua a leggere »]
                    Giuseppe Reali
                    Composto lunedì 24 marzo 2014
                    Vota il racconto: Commenta