Scritto da: Elisa M.

Due settimane in maggio

Durante la guerra infatti ero convintissima che in tempo di pace ogni cosa sarebbe stata diversa.
Non solo che non ci sarebbero mai più stati bombardamenti e che nessun padre sarebbe mai più stato ammazzato.
Dalla pace mi aspettavo anche panini al prosciutto e cioccolato a volontà. E mutande... [continua a leggere »]
Christine Nostlinger
Vota il racconto: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di