Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Edoardo Grimoldi

Spleen

Quando basso e pesante il cielo grava
Come un coperchio al gemebondo spirito
Preda di lunghe accidie, e a noi, abbracciando
Tutto il cerchio dell'orizzonte, versa
Un buio lume, più triste che notte;
Quando la terra si trasforma in umido
Carcere dove la Speranza, come
Un pipistrello, se ne va sbattendo
Contro i muri la sua timida ala,
Urtando il capo a putridi soffitti;
Quando la pioggia, stendendo le sue
Immense strisce, imita le sbarre
D'una vasta prigione, e un muto popolo
Di ragni infami al fondo del cervello
Viene a tenderci le sue reti, - a un tratto
Campane erompono furiose e lanciano
Verso il cielo uno spaventoso urlo,
Come spiriti erranti e senza patria
Che diano in gemiti, ostinatamente.
E dei lunghi, funerei cortei
Vanno sfilando nell'anima mia
Senza tamburi né musica, lenti.
È in lacrime, ormai vinta, la Speranza;
L'atroce Angoscia mi pianta, dispotica,
Sul cranio chino il suo vessillo nero.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Edoardo Grimoldi

    Il topolino

    Furia disse
     a un topino
       Incontrato
           al mattino:
               "Facciamo
                  un tribunale,
                     E poi anche
                       il processo!
                      E non ti ri-
                     rifiutare, Ti
                    debbo con-
                   dannare!
                  Oggi è un
                 giorno
                noioso E
                 mi sento
                   depresso."
                     Il topo al-
                          l'imbro-
                            glione:
                            "Che sto-
                                ria da
                                 burlone!
                                I processi
                                si fanno
                               Con giu-
                              dice e
                             giuria!"
                           "Son giu-
                         dice e
                        giuria!"
                       Fu del
                       can la
                        follia:
                            "Son
                          io tut-
                        ta la
                    legge;
               e ti con-
          danno a
    morte!"
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Edoardo Grimoldi

      È finita la cuccagna!

      È arrivata la Carfagna
      e finisce la cuccagna
      di cercare per la strada
      la battona che ti aggrada:

      è social e grave allarme
      e potrà qualche gendarme
      arrestar te e la battona,
      la Carfagna non perdona.

      Anche il solo avvicinarti
      la galera può costarti,
      poiché la prigione arriva
      pure per la trattativa.

      Ma se, invece, in un alloggio
      di virilità fai sfoggio,
      puoi scopar senza paura."
      Questa legge ci assicura

      che in un bell'appartamento
      non esiste sfruttamento,
      non c'è l'ombra di minaccia
      di lenoni e di magnaccia.

      Soprattutto non si vede
      e per gli uomini di fede
      non veder che la dan via
      è una vera garanzia

      di rigor e austerità.
      In Italia, ben si sa,
      si può sol fare i guardoni:
      tutte le televisioni

      mostran chiappe, culi, tette.
      Le veline e le soubrette
      il cul muovono con smania.
      Miss Italia e Miss Padania

      son mercati di pulzelle,
      molto spesso neanche belle,
      con le madri pronte a tutto
      purché qualche farabutto

      le indirizzi alla carriera
      di velina o ereditiera,
      di valletta o letterina,
      primo passo sulla china

      di chi poi la darà via.
      "Guarda qui la figlia mia!"
      E poi parlano di orrore
      per l'amor col contatore,

      di social allarme se
      la prostituzione c'è.
      "Io che son donna illibata
      e ministra assai impegnata

      odio la prostituzione,
      non capisco le battone
      che la danno per quattrini! ",
      dice quella che in bikini,

      e per nulla castigato,
      col suo corpo ha commerciato
      tempo fa in fotografia.
      Questo ha un nome: ipocrisia.

      E che differenza c'è
      fra scopare in un coupè
      o nel chiuso di una stanza,
      come vuol la maggioranza?

      Fra scopare in un boschetto
      o con due puttane a letto
      nella suite dell'Hotel Flora,
      con la coca che lavora?

      Fra concederla per via
      o scopar con frenesia
      su un sofà alla Farnesina,
      come quella birichina

      che, passando per la Rai,
      diventata è ricca assai?
      Ed infin facciam due conti:
      se corrette son le fonti,

      i clienti sporcaccioni
      son più o men nove milioni,
      metà a casa, metà in strada,
      come media par che vada.

      Li processan tutti quanti?
      In prigion coi lestofanti
      vanno tutti i puttanieri?
      Ma ci sono i carcerieri,

      le prigioni, i magistrati,
      i caramba e gli avvocati
      per più o men cinque milioni
      di battone e sporcaccioni?

      Non per tutti esiste un lodo
      per il qual restano ammodo
      pur se scopan per la strada...
      Finirà che la masnada

      ai domiciliari andrà.
      E Carfagna che farà?
      Gli apporrà sui genitali
      gli elettronici bracciali.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Edoardo Grimoldi

        L'organo di Barberia

        Moi je joue du piano
        disait l'un
        moi je joue du violon
        disait l'autre
        moi de la harpe moi du banjo
        moi du violoncelle
        moi du biniou... moi de la flûte
        et moi de la crécelle.
        Et les uns et les autres parlaient parlaient
        parlaient de ce qu'ils jouaient
        On n'entendait pas la musique
        tout le monde parlait
        parlait parlait
        personne ne jouait
        mais dans un coin un homme se taisait:
        "Et de quel instrument jouez-vous Monsieur
        qui vous taisez et qui ne dites rien?"
        lui demandèrent les musiciens
        "Moi je joue de l'orgue de Barbarie
        et je joue du couteau aussi"
        dit l'homme qui jusqu'ici
        n'avait absolument rien dit
        et puis il s'avança le couteau à la main
        et il tua tous les musiciens
        et il joua de l'orgue de Barbarie
        et sa musique était si vraie
        et si vivante et si jolie
        que la petite fille du maître de la maison
        sortit de dessous le piano
        où elle était couchée
        endormie par ennui
        et elle dit:
        "Moi je jouais au cerceau
        à la balle au chasseur
        je jouais à la marelle
        je jouais avec un seau
        je jouais avec une pelle
        je jouais au papa et à la maman
        je jouais à chat perché
        je jouais avec mes poupées
        je jouais avec une ombrelle
        je jouais avec mon petit frère
        avec ma petite soeur
        je jouais au gendarme
        et au voleur
        mais c'est fini fini fini
        je veux jouer à l'assassin
        je veux jouer de l'orgue de Barbarie."
        Et l'homme prit la petite fille par la main
        et ils s'en allèrent dans les villes
        dans les maisons dans les jardins
        et puis ils tuèrent le plus de monde possible
        après quoi ils se marièrent
        et ils eurent beaucoup d'enfants.
        Mais
        l'aînè apprit le piano
        le second le violon
        le troisième la harpe
        le quatrième la crécelle
        le cinquième le violoncelle
        et puis ils se mirent à parler parler
        parler parler parler
        on n'entendit plus la musique
        et tout fut à recommencer!

        Io suono il piano
        uno diceva
        E io il violino
        l'altro diceva
        Io l'arpa io il banjo
        io il violoncello
        io il flauto... io cornamusa...
        io raganella...
        Gli uni e gli altri parlavano parlavano
        parlavano di quello che suonavano.
        Non si sentiva musica
        tutti quanti parlavano
        più nessuno suonava
        ma in un angolo un uomo stava zitto:
        "E voi mio signore che strumento suonate
        voi che state lì zitto e non parlate?"
        "Io suono l'organo di Barberia
        e me la cavo col coltello"
        disse l'uomo che fino a quel momento non aveva fiatato
        e poi si fece avanti con il coltello in mano
        e ammazzò tutti i musicanti
        e suonò l'organo di Barberia
        e così vera musica era la sua
        e così viva e bella
        che la bambinetta del padrone di casa
        uscì da sotto il piano
        dove per noia giaceva addormentata
        e disse:
        "io giocavo col cerchio
        a palla prigioniera
        giocavo al mondo
        giocavo col secchiello e la paletta
        giocavo ai genitori
        giocavo a nascondino
        giocavo con la bambola
        giocavo con l'ombrello
        con il mio fratellino
        con la mia sorellina
        giocavo a guardia e ladro
        ma adesso basta! Adesso basta!
        Adesso voglio giocare all'assassino
        adesso voglio suonare l'organo di Barberia."
        E l'uomo prese per mano la bambina
        e andarono per case
        per città per giardini
        ammazzando tutta la gente che potevano ammazzare
        dopodiché si sposarono
        e fecero tanti bambini
        senonché
        il primo studiò piano
        il secondo violino
        il terzo arpa
        il quarto raganella
        il quinto violoncello
        e poi cominciarono a parlare a parlare
        la musica non si sentiva più
        e tutto questo andò a ricominciare!
        Vota la poesia: Commenta