Scritta da: C. De Padua Visconti
Sento il tuo profumo
alitare come spifferi
sul mio viso.
Come una radice
che si espande
nel terreno del mio cuore
sono le tue carezze
sulla mia pelle.
C'è tracci di te
ovunque
in questa camera
spenta.
La tua anima alberga
in questa spazio
senza tempo
e tu sei via
ma è rimasto
in me tutto il tuo sapore
che io gusto
in ricordi ed emozioni.
Dimmi amore
fin quando dovrò
accontentarmi
di questo placebo?
Assuefatto al tuo amore
attendo le tue mani
soffrendo.
Non c'è pace
né silenzio
nell'anima
portami quella parte di
me che vive in te
e fammi vivere.
Composta martedì 13 gennaio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: C. De Padua Visconti
    Tutto scorre
    nel suo silenzio oscuro,
    nel suo dramma fatto
    di enigmi e misteri.
    Tutto scorre
    in questo mondo
    come sempre
    nel dolore, nell'affanno
    nella sofferenza nella morte.
    C'è un solco
    laggiù che noi vediamo
    e ne percorriamo
    i battenti tortuosi
    ignota la sua destinazione
    illogico il suo percorso,
    inafferrabile il suo senso.
    Tutto scorre come sempre
    e noi spettatori
    osserviamo ignari
    dello spettacolo
    e del suo finale.
    Composta sabato 10 gennaio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: C. De Padua Visconti
      Bramavo la tua presenza
      benché ignaro della tua essenza!
      Di te mi han parlato i sogni
      profeti notturni
      di un atteso amore.
      Come un dono
      da un arcano mondo
      io ti ho stretto ai fianchi
      sposando le tue labbra.
      Il tuo profumo era quello dei sogni
      sì, la tua fragranza
      la mia veggenza!
      Composta martedì 23 dicembre 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: C. De Padua Visconti

        La tua assenza

        In tua assenza
        l'ombra dell'angoscia
        m'avvolge!
        C'è solo il suono
        del mio respiro
        a ricordarmi
        che son vivo!
        Osservo il tramonto
        e il sole sull'orizzonte
        si spegne,
        non la tua immagine
        è posta nelle
        mie pupille
        come un eterna
        aurora.
        Alba dopo alba
        un susseguirsi
        di logoranti attese
        sento la mia anima
        spenta dalla tua distanza!
        Attendo rifugiandomi
        nel mio mondo
        ansimando in tuo ritorno
        a cucirmi questo cuore rotto!
        Composta domenica 14 dicembre 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di