Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Andrea Manfrè

La cosa più bella

La cosa più bella
è vedere i tuoi occhi brillare,
guardando incantati quella luce
che pian piano si attenua,
lasciando spazio
ad un caldo ed avvolgente tramonto,
capace di accarezzare delicatamente
quelle colline li, in lontananza.

Te, attenta osservatrice,
estasiata dalle prodezze della natura,
resti li inerte
finché quelle timide nuvole rosee
iniziano a dileguarsi,
sorprese dall'imminente
buia e fredda notte.

Solo allora,
carica di tutto ciò che il tuo cuore ha provato
in quei fuggevoli momenti,
rincasi voltandoti,
scrutando per un breve istante
il cielo, nella speranza di vedere
quel fievole ultimo
raggio di luce.
Composta domenica 25 marzo 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea Manfrè

    Bocciolo di rosa

    Un timido bocciolo di rosa
    nascosto e protetto dal verde calice,
    voglioso di farsi ammirare,
    pian piano esploderà
    mostrando i suoi sensuali petali
    color rosso carne.

    Dalla dolcezza
    all'incantevole azzardo
    di quell'umile fiore
    nutrito da solide radici
    che affondano fiere
    in una terra meravigliosa.

    Fiera e spavalda
    fatalmente libidinosa
    ma straordinariamente delicata
    questa rosea creatura
    finalmente sboccia,
    in un tripudio della natura,
    lasciando dietro di se
    spinose ferite
    a frettolosi coglitori.
    Composta sabato 27 agosto 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea Manfrè

      Una sola lacrima

      Una sola lacrima
      scende dal tuo viso,
      baciando la tua pelle.

      Una sola lacrima,
      quasi impercettibile,
      ma così carica di sensazioni.

      Una sola lacrima.
      Una sola,
      ma che fa la differenza.

      Una sola lacrima,
      apparentemente innocua,
      ma capace di trafiggere il cuore.

      Una sola lacrima,
      asciugata frettolosamente con le dita,
      ma ormai indelebile nell'anima.

      Una sola lacrima.
      Una sola,
      a volte è sufficiente
      per cambiare.
      Composta giovedì 13 gennaio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Andrea Manfrè

        Guarda il cielo

        In questa notte
        così limpida,
        alza i tuoi occhi
        e guarda il cielo.

        Contemplalo.

        Guarda l'immensità
        di questo universo.

        Osserva lo splendore
        di tutta questa infinità
        di stelle che lo colorano.

        Ora rientra in casa
        e guardati allo specchio.

        Ecco.
        Sei proprio te,
        tra tutte le Stelle,
        quella
        che voglio
        al mio fianco.
        Composta mercoledì 16 febbraio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Andrea Manfrè

          Non chiedere la Luna

          Non chiedere la Luna
          Sei il mio Sole
          che non tramonta mai
          ma sorge ogni giorno di più
          illuminando me,
          illuminando
          la mia vita
          insieme a te.

          Sei il mio Sole
          che non tramonta mai
          ma splende ogni giorno di più
          scaldando me,
          scaldando
          il mio cuore
          che batte per te.

          Non sei la Luna,
          padrona della notte
          che falsamente si mostra
          illudendo me,
          illudendo
          la mia mente
          che pensa a te.

          Non chiedere la Luna
          quando Lei è il Sole.
          Composta sabato 1 gennaio 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Andrea Manfrè

            Una sola carezza

            Polpastrelli
            uniti tra di loro,
            condotti come pennelli
            di un esperto artista,
            si posano delicatamente
            sul tuo viso,
            accarezzandolo dolcemente.

            Delicate sensazioni
            iniziano a farsi largo nel cuore,
            quasi sfiorato anch'esso
            dalle stesse timide dita.

            Brevissimi istanti,
            capaci di creare
            tenere sensazioni,
            nate da una sola,
            semplice
            carezza.
            Composta domenica 11 settembre 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Andrea Manfrè

              Non permettere

              Non permettere
              mai a nessuno
              di farti accantonare
              i tuoi sogni,
              i tuoi desideri,
              le tue speranze.

              Apri il cassetto
              e falli uscire.
              Non tenerli
              mai intrappolati,
              chiusi a chiave.

              Realizzali.
              Fai di tutto
              per poter vivere
              quella vita
              che ti sei sempre
              immaginata.

              Diventa
              artefice
              della tua vita,
              del tuo futuro.
              di te.
              Composta domenica 14 febbraio 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Andrea Manfrè

                Il silenzio del rumore

                Sorge il sole.
                Sempre più caotica
                si fa la città.

                Furgoni e camion,
                auto che sfrecciano,
                clacson sonanti.

                Operai al lavoro,
                ruspa o demolitore,
                sono i lavori in corso.

                Bambini che piangono,
                liti in famiglia,
                ed ecco la gente urlante.

                Rumore dopo rumore,
                attimo dopo attimo,
                si susseguono per
                tutta la giornata.

                Sorge la luna.
                Si illuminano le stelle.

                Si oscura il cielo.
                Si oscura il rumore.
                Composta domenica 4 luglio 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Andrea Manfrè

                  Ho paura

                  Ho paura
                  Ho paura di guardarti negli occhi,
                  di guardarti nell'anima,
                  di dare uno sguardo in te.

                  Perché
                  Perché è come una strada a senso unico,
                  non potrò più tornare indietro,
                  non vorrò più allontanarmi da te.

                  Potrò
                  Potrò solo andare avanti
                  volendoti conoscere sempre di più
                  volendo stare sempre accanto a te.

                  Vorrò
                  Vorrò solamente lasciarmi innamorare
                  cedendo dinanzi la forza dell'amore,
                  vivendo il resto della mia vita per te.
                  Composta venerdì 18 dicembre 2009
                  Vota la poesia: Commenta