Questo sito contribuisce alla audience di

Nel nulla rinvengo dolcezze

Bevo vertigini
nel nulla rinvengo dolcezze
nel nulla sempre
sostengo il mio orgasmo
infantile
e nel tuo pugno d'estate
assenzio e tremori di neonato

il giorno che avanza
scandisce noncuranze
giù
nel tempo
succhiando dai tuoi seni
minuti e secondi

(riempio la noia di ieri
con sogni di cristallo
un esercito di vetro
a presidiare il mio sonno)

così esce la vita
il suo scandalo liquido
quando
trattieni un mio germoglio
dentro te.
Composta giovedì 10 dicembre 2009

Immagini con frasi

    Info

    Ha partecipato al concorso
    Come un granello di Sabbia

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti