Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: seilion

Nicolò Paganini

I natali, ebbe a Genova, città matrigna, il figlio non ha saputo onorare,
in passo Gatta Mora, papà Antonio, il mandolino insegnò a suonare,
la chitarra sapeva intonare, ma col violino, che i cuori, faceva vibrare.

Parma, lo conobbe adolescente, importante per la sua maturazione,
non ancora uomo fatto, Firenze, Milano, crescevano la sua affermazione,
le capitali Europee, decretarono la giusta incoronazione.

Quando in teatro si esibiva, gli spettatori, le melodie, seguivano incantati,
col suo splendido "cannone", ha reso spettacolari, i suoi staccati,
se voleva mandare in delirio, faceva vibrare le corde, coi pizzicati.

Quante volte, suonando sul palco, quei suoni melodiosi, improvvisava,
la gente entusiasta, di riascoltare quelle note, gli implorava,
ma Paganini, mai replicava.

Di salute cagionevole, nell'Italica Nizza, la sua vita volse alla fine,
la Parma riconoscente, di quel grande violinista, le spoglie volle,
a Genova rimase in dono, il "cannone" lo Stradivari sublime.
Composta venerdì 7 settembre 2012

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: seilion
    Riferimento:
    ad un'illustre mio concittadino.

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti