Scritta da: Marta Emme

I fanti

I bellicosi interventi per sostener la primavera
araba han fatto perdere l'elemento più bello di
quella magica fiaba (cioè un bel finale come in
Alì Babà e i 40 ladroni), così nel finale la
situazione è di gran conflitto in un popolo
(libico) or dall'instabilità afflitto. Non s'è
pensato troppo allora dove fosse il rovescio e
il dritto e siccome eravamo noi i ladroni (s'è
assecondata la Francia interessata a soffiarci
il petrolio) ora c'è da pagare il conto buoni
buoni (instabilità Libia). Un popolo si può
aiutare a trovare la sua strada (democrazia)
ma qui sia il dialogo ciò che s'impone e non la
spada. E un'incauta ingestione non è mai la
soluzione se alimenta nel popolo una cruenta
contrapposizione (guerra civile). Un dubbio
dunque nasce: non sarà mica al petrolio, o ad
altro, interessato (America) chi si pone in
modo così poco equilibrato? (venti di guerra).
La democrazia a volte si ottiene con polso
saldo e forte e con coraggio, ed io mi inchino
per render a quell'unico prode (Guaidò) un
doveroso omaggio. Ma di esprimerla con
libere elezioni si vuol dar forte il messaggio.
Così sia a ciò, contestuale, seguir la via
maestra che è anche la statale (legale).
Altro che disconoscer a destra (Guaidò) o a
manca (Maduro), nel politico del cacchio
(smarrito nel veder lontano) è il buonsenso
che di molto arranca (non si fa strada).
Così la trattativa, la tessitura, sia da usar
come arma, come arma bianca (diretta alla
persona) e sarò franca: un osso duro
(Maduro-esercito), pur se lo merita, non se
lo fa mettere, nel culo, un gran bel siluro
(non si fa pacificamente destituire, silurare).
Perciò si muova decisa la fanteria (diplomazia
d'assalto in prima linea) per aprir subito una breccia in quella porta pia (conquistare cuore e cervello). E in un corpo a corpo di argomentazioni, che al popolo si sappia riconoscer le sue sacrosante aspirazioni
(diritti, dignità, libertà) che son di esistere le sue ragioni.
Composta domenica 10 febbraio 2019

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Marta Emme
    Dedica:
    A chi non crede nella buonafede di tanti politici che si sono posti in questa vicenda (Venezuela), dimentichi che un popolo vive oltre. In fondo credo sia solo un gioco di pedine per lor la vita.

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti

    Questo sito contribuisce alla audience di