Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: puerlongaevus

Rosella

Non sapevo di volerti bene
credimi
l'ho capito
solo quando ho tolto
per scherzo l'amicizia

e adesso sto qui
tra le pagine a spiarti

che strano
aspettare notizie
alla fermata d'un giorno
sempre in ritardo

arriva la sera
e scendono ricordi
ma non può essere

ci sei anche tu
con quel sorriso

e pensare che
la cronaca riporta
Rosella è viva.
Virgilio Mietti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: puerlongaevus

    Altra sirena

    Avanza la sera
    sulle panchine d'attesa
    per un vecchio
    che arranca
    in mano la spesa

    scivola il vento
    all'imbrunire
    su coltri di nebbia
    o smog da ripulire

    nel traffico di punta
    annuncia la sirena
    tute blu in uscita
    con l'ultimo buffo
    dal camino in risalita

    ma è sui marciapiedi
    che si consuma
    il buffo della vita
    quando di fiato in gola
    non ce la fa più
    a trascinare quel vecchio
    scatole per i suoi gatti

    altra sirena
    e stavolta a caricare
    un naufrago
    escono tute bianche

    ecco la notte
    rincasando nei dormitori
    in fila di cemento
    panni stesi di grigio
    tante illusioni spacciate
    per un domani
    in siringa ad effetto

    non c'è trippa per gatti
    ad aspettare sul muretto.
    Virgilio Mietti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: puerlongaevus

      Turbine bianco

      Forse il ritmo della neve
      ti prendeva
      dentro
      a tessere emozioni

      certo un vento freddo
      stringeva addosso
      quelle fila
      in fondo alla strada
      fitte
      che più non vedevi

      così ho sentito
      solo il tuo brivido
      d'un battito
      a labbra tese
      sulle mie

      poi
      dentro un turbine bianco
      di vicoli a perdifiato
      correvo
      in scia di baci
      noi
      gelati d'amore
      in viso

      e so che verrai
      ancora
      soffice
      stasera
      lungo il tempo che rimane
      a stampare le tue orme
      dietro
      sulle mie.
      Virgilio Mietti
      Vota la poesia: Commenta