Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz
Odi che il bronzo rimbombando langue,
E l'ultimo momento
Morte si strappa, e sul tuo volto esangue
Stende le man:... sei spento.

Urlan le furie accapigliate, e intorno
Stanti con folta notte,
Chè alfine di putredine il soggiorno
Con gli abissi t'inghiotte.

O tu, folle! sperasti altro compenso
Dall'empietà che teco
Negra impresa di sangue, e volo immenso
Tentò eretta del cieco

Ardir su l'ali? accumulare i scempi
Dè tiranni piú rei,
Non re, sapesti; ma percoton gli empi
Non chimerici Dei.

Invan gloria sognasti, il grido invano
Tu dè secoli udisti,
Ch'or plausi turpi d'uno stuolo insano
A esecrazion van misti.

Vincesti? e invan; regnasti? e invan, superbo,
Chè con destra di possa
Dè giusti il Dio del tuo comando acerbo
La catena ha già scossa.

Veggio l'empio seder amplo in suo orgoglio
Qual di monte ombra in campo;
Sublime al par di cedro erge suo soglio;
Ma squarcia l'aer un lampo;

Tosto il veggio tremar, piombar, sotterra
Cacciarsi al divin foco;
Invan lo sguardo mio cercandol erra,
Nemmen conosco il loco.
Ugo Foscolo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    La verità

    Sino al trono di Dio
    anciò mio cor gli accenti,
    Che in murmure tremendo
    Rispondono i torrenti,
    E dalla ferrea calma
    Delle notti profonde
    Palma battendo a palma
    Ogni morto risponde.

    D'entusïasmo ho l'anima
    Albergo; e sol d'un Nume
    Io son cantor: degli angeli
    L'impenetrabil lume
    Circonda il mio pensiero,
    Ch'erto su lucid'ali,
    Sprezza l'invito altero
    Dè superbi mortali.

    E coronar di laudi
    Dovrò chi turpe e folle
    Splendido sol per l'auro
    Sa l'orgoglio s'estolle?
    Che dir deggio di lui?
    Pria di giustizia il brando
    Sù forti bracci sui
    Vada folgoreggiando;

    E canterò. Nettarea
    Da me non cerchi ei lode,
    Se a lutulenta in braccio
    Sorte tripudia e gode,
    E tra un'immensa schiera
    D'insania al carro avvinto
    scioglie con sua man nera
    A iniquitate il cinto.

    E tu chi sei che il titolo
    Santo d'amico usurpi?
    E vile d'amicizia
    L'aspetto almo deturpi?
    Chi sei tu che m'inviti
    Di gloria a spander raggio
    E a sciòrre inni graditi
    A chi in virtù è selvaggio?

    Non sai che santuario
    Al ver nell'alma alzai
    E che io del vero antistite
    Sempre d'esser giurai?
    Non sai che mercar fama
    Da tal canto non curo,
    E più dolce m'è brama
    Sul ver posarmi oscuro?

    Vero suonò di Davide
    Il pastoral concento,
    E a Dio piacque il veridico
    Suono, e tra cento e cento
    L'unse à popoli ebrei
    Rege di pace, e adorni
    D'illustri eventi e bèi
    Fè dell'uom giusto i giorni.

    E immagine d'obbrobrio
    Vuoi tu farmi, o profano?
    Oh! quell'immonda faccia
    Copriti con la mano
    Lungi da me: chi fia
    Cui faccian forza i detti
    Ch'io l'alta cetra mia
    Di ricca peste infetti!

    Garrir fole non odemi
    L'atrio di adulazione,
    E in questa solitudine
    Dall'aurata prigione
    Fuggo; esecrando il folle
    Che blandisce con mèle
    Il grande; e in sen gli bolle
    Rancor, invidia, e fiele.

    Dunque chi vuol, d'encomio
    Canti impudente intuoni
    Per lo tuo eroe; ch'io cantici
    Fra gli angelici suoni
    Ergo al Solopossente,
    Che dall'empirea sede
    Gl'inni in letizia sente
    Di verità e di fede.
    Ugo Foscolo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      A Dante

      Alto rombano i secoli
      Su rapidissim'ali,
      E dall'aere giù vibrano
      Dritti infiammati strali
      Che additano agl'ingegni
      D'eterna gloria i segni:

      Ma qual nebbia! Qual livido
      Umor spargon dai vanni
      Che in fetida caligine
      Attomban nomi ed anni,
      E rodono quel serto
      Che ombreggia un tenue merto!

      O mio Poeta, o altissimo
      Signor del sommo canto,
      Che con sublime cetera
      Per la casa del pianto
      Girasti, e fra la gente,
      Che o gioisce, o si pente,

      Tu vivi eterno. - Gloria
      Di suo fulgor ti cinse,
      Tuonò sua voce; un fulmine
      Fu per chi ti dipinse
      Testor stentato, oscuro
      Di carmi e stile impuro.

      Pèra! La lingua sucida
      Costui nutra nel sangue,
      E per delfici lauri
      Gli accerchi invece un angue,
      Sanie stillante infesta,
      L'abbominevol testa.

      Dicesti: ed ecco stridono
      In suon ringhiante e forte
      Gli aspri tartarei cardini:
      Della cappa di morte
      Infino à più vestute
      Ecco l'Ombre perdute.

      Io già le ascolto: echeggiano
      Per l'aer senza stelle
      Batter di man, bestemmie,
      Orribili favelle,
      Voci alte e fioche, accenti
      D'ire in dolor furenti.

      O Padre! O Vate! Un giovane
      Cui l'estro ai cieli innalza,
      Che pel genio che l'agita
      Fervidamente sbalza
      A inerudita cetra
      Canti spargendo all'etra,

      A te si prostra: un'anima
      Che in sè ognor si ravvolge,
      Che in ermi boschi tacita
      Fugge dall'atre bolge
      Di cittadino tetto,
      Gl'irraggia l'intelletto.

      Di sapienza nettare
      Fra mie voglie delibo,
      E, meditante, ai spiriti
      Porgo l'augusto cibo
      Che questa etade impura,
      Famelica, non cura.

      Muta di luce eterea
      Alle peccata in grembo
      Fra cupo orror s'avvoltola
      L'Umanità: il suo lembo
      Spruzzi di sangue stilla,
      Ed ella va in favilla.

      Ma ira di giustizia
      Lui che può ciò che vuole
      Ruggisce in cielo, e scaglia
      Di spavento parole;
      Vennero i giorni alfine
      Di piaghe e di ruine.

      Vennero si; ma sorgere,
      Giganteggiando, i nostri
      Carmi vedransi, e liberi
      Calpestare què mostri
      Che tumidi d'orgoglio
      Siedono ingiusti in soglio.
      Ugo Foscolo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        La campagna

        O tu cantor di morbidi
        Pratei, di dolci rivi,
        Che i verdi poggi, e gli alberi
        Soavemente avvivi
        Con gli armonici versi
        Da fresche tinte aspersi,

        Odi un poeta giovane,
        Che il genio che l'ispira
        Devoto siegue, e libero
        Percote ardita lira,
        E cò suoi canti vola
        Al suo gentil Bertòla.

        Fra campestri delizie
        Tranquillo e lieto io vivo.
        E col pensier fantastico
        Tra me canto e descrivo
        Sì vaghi paeselli,
        Che ognor sembran novelli.

        Pingo; ma resto attonito
        Allor che su i tuoi fogli
        Veggo fiorire, e sorgere
        Pianto e marini scogli,
        Che sembrano invitarmi
        A sacrar loro i carmi.

        Da me s'invola subito
        Il mio picciol soggiorno,
        E sol veggo Posilipo
        E il mar che vanta intorno
        Di Mergellina il lido
        Ameno più che Gnido.

        Estatici contemplano
        Tuoi campi i cupid'occhi:
        O come allor nell'anima
        Sento beati tocchi,
        Che mi dicono ognora:
        Sì dolce vate onora.

        Salve, dunque, del tenero
        Gesnèr felice alunno!
        Il lor poeta adorino
        D'aprile e dell'autunno
        Le Grazie e i lindi Amori
        Coronati di fiori.

        Il lor poeta adorino
        Le serpeggianti linfe,
        E dai monti scherzevoli
        Scendan le gaje Ninfe,
        E alternin baci in fronte
        Al tòsco Anacreonte.

        Ed io tesso tra cantici
        Ghirlandetta odorosa
        Non d'orgogliosi lauri,
        Ma sol d'umida rosa,
        E il capo ombreggio al molle
        Abitator del colle.

        E in cor brillante io dico:
        Questa dona Natura
        Al suo più ingenuo amico,
        Ch'ella d'altro non cura:
        Da lui schietto-dipinta
        Di fior va anch'ella cinta.
        Ugo Foscolo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          Alla Musa

          Pur tu copia versavi alma di canto
          su le mie labbra un tempo, Aonia Diva,
          quando dè miei fiorenti anni fuggiva
          la stagion prima, e dietro erale intanto

          questa, che meco per la via del pianto
          scende di Lete ver la muta riva:
          non udito or t'invoco; ohimè! Soltanto
          una favilla del tuo spirto è viva.

          E tu fuggisti in compagnia dell'ore,
          o Dea! Tu pur mi lasci alle pensose
          membranze, e del futuro al timor cieco.

          Però mi accorgo, e mel ridice amore,
          che mal ponno sfogar rade, operose
          rime il dolor che deve albergar meco.
          Ugo Foscolo
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Silvana Stremiz

            Che stai?

            Che stai? Già il secol l'orma ultima lascia;
            dove del tempo son le leggi rotte
            precipita, portando entro la notte
            quattro tuoi lustri, e obblio freddo li fascia.

            Che se vita è l'error, l'ira, e l'ambascia,
            troppo hai del viver tuo l'ore prodotte;
            or meglio vivi, e con fatiche dotte
            a chi diratti antico esempi lascia.

            Figlio infelice, e disperato amante,
            e senza patria, a tutti aspro e a te stesso,
            giovine d'anni e rugoso in sembiante,

            che stai? Breve è la vita, e lunga è l'arte;
            a chi altamente oprar non è concesso
            fama tentino almen libere carte.
            Ugo Foscolo
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Silvana Stremiz

              A Zacinto

              Né più mai toccherò le sacre sponde
              ove il mio corpo fanciulletto giacque,
              Zacinto mia, che te specchi nell'onde
              del greco mar da cui vergine nacque

              Venere, e fea quelle isole feconde
              col suo primo sorriso, onde non tacque
              le tue limpide nubi e le tue fronde
              l'inclito verso di colui che l'acque

              cantò fatali, ed il diverso esiglio
              per cui bello di fama e di sventura
              baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.

              Tu non altro che il canto avrai del figlio,
              o materna mia terra; a noi prescrisse
              il fato illacrimata sepoltura.
              Ugo Foscolo
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Silvana Stremiz

                Canto primo

                Quando l'Eterno passeggiò col guardo
                Tutto il creato, diffondendo intorno
                Riso di pace, e fiammeggiar si vide
                Nè cieli il Sole, e rotear le stelle
                Dietro la dolce-radïante Luna
                Tra il fresco vel di solitaria notte,
                E germogliò natura, e al grigio capo
                Degli altissimi monti alberi eccelsi
                Fèro corona, e orrisonando udissi
                L'ampio padre Oceàn fremer da lungi;
                Sin da quel giorno d'aquilon su i vanni
                Scese Giustizia, e i fulmini guizzando
                Al fianco le strideano, i dispersi
                Crini eran cinti d'abbaglianti lampi.
                In alto assisa vide ergersi il fumo
                D'innocuo sangue, che fraterna mano
                Invida sparse, e dagli vacui abissi
                A tracannarlo, e tingersi le guance
                Morte ansante lanciossi: immerse allora
                La Dea nel sangue il brando, e a far vendetta
                Piombò su l'orbe, che tacque e crollò.
                Ma fra le colpe di natura infame
                Brutta d'orrore la tremenda Dea
                Si fè nel viso, e 'l lagrimato manto
                E le aggruppate chiome ad ogni scossa
                Grondavan sangue, e fra gemiti ed ululi
                S'udia l'inferno e la potenza eterna
                Bestemmiando invocati. - A un tratto sparve
                Contaminata la Giustizia fera,
                E al sozzo pondo dell'umane colpe
                Le suo immense bilance cigolaro;
                Balzò l'una alle sfere, e l'altra cadde
                Inabissata nel tartareo centro.

                L'Onnipossente dal più eccelso giro
                Della sua gloria, d'onde tutto move,
                Udì le strida del percosso mondo,
                E al ciel lanciarsi la ministra eterna
                Vide: accennò la fronte, e le soavi
                Arpe angeliche tacquero; e la faccia
                Prostraro i cherubini, e '1 firmamento
                Squassato s'incurvò. - Verrà quel giorno,
                Verrà quel giorno, disse Dio, che all'aere
                Ondeggeranno quasi lievi paglie
                L'audaci moli; le turrite cime,
                D'un astro allo strisciar, cenere e fumo
                Saranno a un tratto; tentennar vedrassi
                Orrisonante la sferrata terra,
                Che stritolata piomberà nel lembo
                D'antiqua notte, fra le cui tenèbre
                E Luna e Sol staran confusi e muti;
                Negro e sanguigno bollirà furente
                Lo spumante Oceàn, rigurgitando
                Dall'imo ventre polve e fracid'ossa,
                Che al rintronar di rantolosa tuba
                Rivestiran lor salma, e quai giganti
                Vedransi passeggiar su le ruine
                Dè globi inabissati! E morte e nulla
                Tutto sarà: precederammi il foco,
                Fia mio soglio Giustizia, e fianmi ancelle,
                Armate il braccio ed infiammato il volto,
                Ira e Paura! Ma Pietà sul mondo
                Scenda sino a quel giorno, e di tremenda
                Giustizia fermi l'instancabil brando.
                Disse; e Pietà, dei Serafin tra mille
                Voci di gaudio, dell'Eterno al trono
                Le ginocchia piegò; stese la palma
                Il Re dei re su la chinata testa,
                E l'unse del suo amor. Udissi allora
                Spontaneamente volteggiar pè cieli
                Inno sacro a Pietà: m'udite attenti
                E terra e mar, e canterò; m'udite,
                Chè questo è un inno che dal ciel discende.
                Ugo Foscolo
                Vota la poesia: Commenta