Scritta da: Elisabetta

L'orloggio cór cuccù

È un orloggio de legno
fatto con un congegno
ch'ogni mezz'ora s'apre uno sportello
e s'affaccia un ucello a fa' cuccù.
Lo tengo da trent'anni a capo al letto
e m'aricordo che da regazzetto
me divertiva come un giocarello.
M'incantavo a guardallo e avrei voluto
che l'ucelletto che faceva er verso
fosse scappato fòra ogni minuto...
Povero tempo perso!
Ogni tanto trovavo la magnera
de faje fa' cuccù per conto mio,
perché spesso ero io
che giravo la sfera,
e allora li cuccù
nun finiveno più.

Mó l'orloggio cammina come allora:
ma, quanno vede lo sportello aperto
co' l'ucelletto che me dice l'ora,
nun me diverto più, nun me diverto...
Anzi me scoccia, e pare che me dia
un'impressione de malinconia...
E puro lui, der resto,
nun cià più la medesima allegria:
lavora quasi a stento,
o sorte troppo tardi e troppo presto
o resta mezzo fòra e mezzo drento:
e quer cuccù che me pareva un canto
oggi ne fa l'effetto d'un lamento.
Pare che dica: - Ar monno tutto passa,
tutto se logra, tutto se sconquassa:
se suda, se fatica,
se pena tanto, eppoi...
Cuccù, salute a noi!
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    La mosca invidiosa

    La Mosca era gelosa Dio sa come
    d'una Farfalla piena de colori.
    - Tu - je diceva - te sei fatta un nome
    perché te la svolazzi tra li fiori:
    ma ogni vorta che vedo l'ale tue
    cò tutto quer velluto e quer ricamo
    nun me posso scordà quann'eravamo
    poveri verminetti tutt'e due...
    - Già - disse la Farfalla - ma bisogna
    che t'aricordi pure un'antra cosa:
    io nacqui tra le foje d'una rosa
    e tu su'na carogna.
    Trilussa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      L'ingiustizzie der monno

      Quanno che senti di' "cleptomania"
      è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
      er ladro ricco è sempre un ammalato
      e er furto che commette è una pazzia.

      Ma se domani è un povero affamato
      che rubba una pagnotta e scappa via
      pe' lui nun c'è nessuna malatia
      che j'impedisca d'esse condannato!

      Così va er monno! L'antra settimana
      che Yeta se n'agnede cór sartore
      tutta la gente disse: - È una puttana. -

      Ma la duchessa, che scappò in America
      cór cammeriere de l'ambasciatore,
      - Povera donna! - dissero - È un'isterica!...
      Trilussa
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di