Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Sir Jo (Sergio Formiggini)

Analista Programmatore, nato a Vibo Valentia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Sir Jo Black

Deviazioni

Deviazioni scorrono
e cambi di direzione sono richiesti.
Volgo gli occhi al tempo:
inutili atti persi
avanzano domande
zone vuote.
Inutile chiedersi
oracoli muti restano,
non rispondono più;
inutile chiedere.

Deviazioni scorrono
e cambi di direzione sono richiesti.
Vecchi odori soffocano
irritanti come acidi
affogano la vita
zefiri pesanti.
Inutile respirarli:
ospitano dolore,
negano il respiro.
Inutile sentirli.

Deviazioni scorrono
e cambi di direzione sono richiesti.
Vecchi suoni stonano
intonati in cristalli rotti
armonie bruciate,
zaffiri leggono rumore
inciso sul tempo
ottusa attesa
negata musica.
Inutile ascolto.

Deviazioni scorrono
e cambi di direzione sono richiesti.
Volti antichi tornano nuovi:
in nuovi occhi nuova vita,
antichi richiami,
zingaro muoversi
immortale rinascere
onorando vita che viene.
Nel mondo ancora
Innalzando abbracci.
Sir Jo (Sergio Formiggini)
Composta mercoledì 16 aprile 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sir Jo Black

    Dialogo morto

    Dialogo con te che non ci sei,
    immerso in vecchi odori che non ho più,
    ascoltando suoni che solo l'anima sente.
    La via a te è ormai lontana
    ombra antica, ingiallita.
    Gioco a parlare al tuo ricordo;
    ombre negli occhi chiusi:
    movenze e nostri affetti,
    ombre di te nell'anima.
    Risento parole sempre nuove,
    ti rispondo come sentissi te.
    Ombra d'emozione tu senta.
    Sir Jo (Sergio Formiggini)
    Composta mercoledì 26 marzo 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sir Jo Black

      Momenti scorrono

      Momenti scorrono lungo il cammino
      illuminati da nuvole scure,
      coperti di piogge a volte salate.
      Ho bisogno di nuvole rosa ora
      e vicino te che non sei ancora qui.
      Le cose, oggetti, non animano vita,
      affetti lontani salgono assenze;
      tanto silenzio cade tra le mura.
      Invano aspetto cieli in luce.
      Voglio te e non so se sei quel mio vento:
      odore di primavera e colori.
      Gioco con figure d'aria e le mani,
      lascio scorrere carezze tenere
      in sogni avidi di più caldi abbracci.
      Oggi aspetto, e dopo ancora, calore.
      Sir Jo (Sergio Formiggini)
      Composta venerdì 24 gennaio 2014
      Vota la poesia: Commenta