Poesie di Saverio Ferrara

IMPIEGATO TELECOM IN PENSIONE, nato martedì 20 luglio 1954 a ROCCARAINOLA (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: SAVERIO FERRARA

Gocce di cera

Ancora fanciulla
il tuo corpo hai donato...
Ti è rimasto l'amaro
di un amor mai provato.

Hai spezzato
il filo dei sogni
ed ora il tuo cuore
cerca un ricordo.

Fiore estirpato
appena sbocciato
vende i suoi petali
al primo arrivato.

Profumo goduto
per pochi momenti
da altri e poi altri
che lasciano il gelo...

Il gelo del cuore
diventato ghiacciaio
non si scioglie nemmeno
al calore dell'Estate.

Gocce di cera
di una candela appena spenta
scivolano nel tuo cuore
ma non producono niente.

Altre fiammelle
si accendono e spengono ma
quello che senti
è solo cera bollente...
Saverio Ferrara
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: SAVERIO FERRARA

    Pioggia d'Estate

    Luci soffuse
    di antichi lampioni.
    Spruzzi di acqua
    in fari notturni...

    Filamenti argentati
    sulla calda panchina,
    lasciano il fresco
    fino al nuovo mattino.

    Si dissetano i fiori
    nelle aiuole del prato,
    si bagnano le chiome
    di due innamorati.

    Si bagnano i volti
    caldi d'amore
    ma sempre rimane
    il calore nei cuori.

    Cuori intrecciati
    in un abbraccio profondo
    pulsano gioiosi
    agli sguardi del mondo...

    Si riflettono le luci
    sul selciato bagnato,
    due labbra si uniscono
    in un bacio estasiato...

    Occhi che brillano,
    in uno scenario splendente,
    luna che irradia
    questo quadro stupendo...
    Saverio Ferrara
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: SAVERIO FERRARA

      Danza con gli angeli

      Danzavi, credevi, sognavi...
      Sognavi di diventare una grande ballerina,
      ma un giorno un essere orribile,
      bruscamente, ti rapì.

      Un malvagio colpo di vento, ti strappò
      con prepotenza dall'albero della vita
      e con violenza ti scaraventò nel fango.

      Eri un fiore pronto a schiudersi
      al primo sole di primavera.
      Eri solo una ragazzina...
      non potrai mai più godere la tua primavera...

      No, è orrendo!
      Non si può essere strappati così alla vita!
      Non è possibile che esistano al mondo
      orchi assassini capaci di questo!

      Lunghe attese, speranze mai spente...
      Già non eri più dei tuoi cari,
      già risiedevi in un altro mondo...

      Una schiera di angeli accorsi presero la tua anima
      e cullandola dolcemente l'innalzarono in cielo.

      Continua a danzare bambolina,
      continua a credere,
      continua a sognare,
      riprendi i tuoi sogni interrotti...

      Danza con gli angeli del Paradiso;
      Continua a danzare leggera sulle tue ali,
      continua a danzare per distrarre il mondo,
      continua a danzare per la gioia dei tuoi cari...

      Continua...
      Non stancarti mai!...
      è per il bene del mondo...
      Saverio Ferrara
      Composta domenica 27 febbraio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di