Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Sara Zanon

Il soffitto che non cede

Vedo quello che non vedono tutti
un privilegio dallo sguardo animale
a volte un tarlo mi rende felice
talvolta spalanco la porta alla tristezza
non è esatto come un calcolo numerico
ma mi spinge ad ascoltare i sensi
con gli anni la capacità di "salvare con nome"
questa fragilità, mi è maturata dentro.
Non potendo avere sempre ciò che chiedevo al mondo, ho cambiato:
scollando la mente dal corpo.
Ci è proprio ciò che con le nostre mani restituiamo alla luce, magari in corrispondenza ad un'ombra.
Sara Zanon
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sara Zanon

    Edera nell’inconscio

    Verrà un giorno in cui il
    dolore del mondo guarirà,
    da queste ferite rimarginate
    dipenderà il corso delle stelle.
    Ruberemo immagini al cielo,
    mentre la gravità preme.
    Segni nella resistenza dell'aria.
    Tutto è negato ad uno sguardo superficiale.
    Le nuove generazioni chiederanno il perché
    di tanto declino, di tanta edera nell'inconscio.
    Non sapremo, forse, dar loro risposte
    come nel finale di una serie televisiva.
    Sara Zanon
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sara Zanon
      Sono saltata dentro la tua musica, volevo fare esperienza di te, svolazzando tra i tuoi occhi liquidi.
      Ho viaggiato profondamente, giocando fuori casa, correggendo la tua ansia, mentre ti dipingevi le ciglia davanti ad uno specchio
      L'abitudine come un veleno ha agito sui nostri affrettati sentieri, mescolandosi al piacere.
      Tu mi hai detto "non aspettarmi", perché non sarà mai il nostro tempo opportuno.
      Hai carbonizzato i miei sogni in un secondo.
      Sara Zanon
      Vota la poesia: Commenta