Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Salvatore Orefice

Nato martedì 16 febbraio 1960 a Sessa Aurunca (Ce)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Salvatore Orefice
Essenze delicate di fiori e aromatica
erba pimpinella
Sulle colline terrazzate di Roccamonfina  
Maestosi castagni coltivati da tempo
Su lavici declivi
Mi riparano dai raggi di un estate  rovente  

Immerso in oasi di piccoli boschi
Ricerco in me stesso
Semplici risposte a poche domande  

Confusa tra i rami gracchia una Pica
e interrompe il silenzio
Che regnava fin poco prima  

Un avido respiro  poi uno sbadiglio
bruscamente mi destano
da un apatico e noioso torpore  

Stupito mi chiedo
Come si fa a restare impassibili
Senza apprezzare  cio che offre la natura
Devo interagire
Forse è questa la mia unica risposta.
Salvatore Orefice
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Orefice

    Un dolce madrigale

    Vorrei comporre un dolce madrigale
    da dedicare alla mia donna bella
    non so di che parlare son leale  

    Ho timor di restar senza favella
    stupito dalla sua gentil presenza
    solo davanti a lei sposa novella  

    Della  vita solo lei la mia essenza
    il canto che si libra tutt'intorno
    e di lei non potrò mai farne senza  

    Io vivrò questa storia assai squisita
    la vivrò sol con lei tutta la vita  

    Adesso il madrigale ho completato
    mi sento piu sereno e il cuor quietato.
    Salvatore Orefice
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Orefice

      O che bel tempo

      O che bel tempo che fu quel mio tempo
      Quando cucciola adorata curiosa 
      Mi guardavi con quell'aria smaniosa
      E divenivo per te passatempo

      Fu tiranno e veloce come lampo
      Il tuo essere ragazza, dolce, sposa 
      Ancora di piu donna generosa 
      E specialmente mamma nel contempo 

      Tu mi stringevi al petto sorridendo 
      Io taciturno accettavo l'amore 
      Confuso con te congiunto restavo

      Della tua bellezza quasi abusando
      Ascoltavo le emozioni del cuore
      Amala mi dicevano e io t'amavo.
      Salvatore Orefice
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Orefice

        I vecchietti del vico

        Passa l'inverno col freddo nel vico 
        Anche la pioggia che scroscia sui tetti 
        Cede ora il passo un ventoso nemico 
        Che da la tregua a dei soli vecchietti 

        Lasciati stivati dentro cassetti 
        Nei mesi più tosti nei mesi santi 
        Son mesi dal Signore benedetti 
        Sono salvi i vecchietti tutti quanti 

        Ora dovremmo agguantare i furfanti 
        Fargli pagare peccati con pene 
        Senza riverirli con bianchi guanti 
        Ma ripagarli dello stesso bene 

        Consiglio una pariglia di catene 
        Quest'è quel che penso questo vi dico 
        Chi fa tanto male lo si detiene 
        Ricordandogli i vecchietti nel vico.
        Salvatore Orefice
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Salvatore Orefice

          Passione

          Tu sei
          caldo Vento
          e passi
          smuovendo
          rami e fronde
          travolgi
          con impeto
          lungo il tuo
          percorso
          i miei  confusi
          sentimenti  

          Ti prego
          non lasciarmi
          tra i residui
          alberi spezzati
          che il lento
          moto del fiume
          trascinerà
          nelle anse
          sinuose
          fin giù
          a fondo valle  

          Non lasciarmi
          esanime
          nella scia
          tra polvere
          e detriti  

          Ti prego
          prendimi
          trasportami
          avvolgimi
          nei tuoi
          vortici
          d'amore.
          Salvatore Orefice
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Salvatore Orefice

            Orefice Salvatore

            Ora penso: che bello
            Ricordare i miei anni
            E quei giorni passati,
            Furono belli per me
            I migliori vissuti.
            Che dolci senzazioni,
            Ebbi molta fortuna.

            Se tornassero ancora
            Avrei tanta passione
            La stessa identica
            Voglia di riviverli
            Adesso posso dire:
            Tanto so come fare..
            Ormai sono al corrente..
            Ricco di notevole
            Esperienza vissuta
            Salvatore Orefice
            Vota la poesia: Commenta