Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Salvatore Messina

Artista, nato domenica 6 agosto 1939 a Catania (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: SalMessina
Sognarti sarebbe stato
Come navigare il cielo
e prenderti ai confini della terra
Dell'universo il canto i rintocchi
Delle campane in festa

Nel vento è come sfidare
Quando si fa sera
Il volo delle aquile le nebbie
i concerti degli amanti
Le splendide serate dell'estate

e camminare l'amore dei sentieri
Le luci nude soavi delle lucciole
Momenti solenni questi
Improvvisati come quando
Sorge lo spirito dal sognante altare

Dei memori sentieri
Assorbo le fragranze del tuo seno
Le grazie dalle caviglie al grembo
Così sempre eternamente all'unisono

Semplicemente.
Salvatore Messina
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Messina

    Baci ed orgasmi

    Cosce dipinti di glicine e vento
    sono ricordi felici ed estasiate

    assetate si elevano pregando il cielo
    coi mille odori di un bel corpo rosato

    liete le brezze
    solenni i tramonti
    ed albe festose da stringere al seno

    nell'incanto assennato
    perpetuo baci ed orgasmi
    unicamente all'unisono.
    Salvatore Messina
    Composta giovedì 31 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Messina

      Dei figli miei

      È sera
      con gli occhi con la mente
      in te sovrano ed assassino
      s'addormentano l'infami tuoi pensieri
      consacrati
      dei bimbi il corpo dilaniato offeso
      eviscerato inquisito ripudiato cancellato
      il sacro latte di tua madre
      quello che hai infangato ucciso
      ma dei figli miei
      quelli che da mostro immondo
      o da infame vivisettore hai stuprato
      quale altro Dio dalla croce
      me li depone.
      Salvatore Messina
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Messina

        Risorgerò fantastico

        Ci sarò
        sarò presente
        alta la fronte e il petto
        e la coscienza intatta
        immacolata

        vibrante il corpo
        affronterò silente
        dalle tenebre
        l'amica luce
        ma
        nel non risorgere su questa
        infame terra
        scintillerà il mio sangue
        esploderò potente
        oltre i confini
        degli spazi

        navigherò
        farò l'amore
        indi risorgerò fantastico
        nelle braccia solitare delle mie braccia

        semplicemente.
        Salvatore Messina
        Vota la poesia: Commenta