Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Pietro Baratta

Amministrativo, nato (Italia)

Scritta da: Pietro Baratta

Sogno di te

Sono qui, accanto a te
Inseguendo un sogno che non è,
ma è dentro te,
lui nasce in me,
insegue il sole,
illumina il cuore,
accende la speranza,
riempie la tua assenza,
profuma poi quest'aria
e diventa cosa rada,
rinasce in un istante,
ed ecco poi il presente.
Col tempo non invecchia,
talvolta però cambia,
ma lui corre, non si stanca
a far sognare questo mondo,
a viaggiare nella mente,
a poter credere ogni giorno
in me, te, noi soltanto,
perché ricorda, pensa fortemente,
l'abbiamo fatto nascere,
con la pazienza crescere,
ed infine credere,
credere veramente,
e di noi lui vivrà ogni istante,
ed il sole ci illuminerà il niente,
facendoci vivere felicemente
una nuova realtà... interminatamente.
Pietro Baratta
Composta lunedì 5 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pietro Baratta

    A lei

    Se nella notte brilla una stella,
    guardala in fondo... sei tu la più bella;
    ti affacci sul mondo, non sei più la stessa,
    ti chiamano donna... sei ora diversa;
    più non guardi dall'alto il giro del tempo,
    ma vivi con gli altri l'amore... aspettando;
    a volte sei triste, senza un motivo,
    il tuo cielo limpido diventa oscuro,
    ti fermi un attimo che vuoi tornare
    fra quelle stelle che stanno a guardare,
    ma la vita sorride vorrebbe parlare
    e farti capire ciò che puoi dare,
    quel mistero profondo che nascondi dentro,
    la gioia più grande che unisce il mondo,
    chi già lo conosce non sa più che dire,
    ma io che ti scrivo te lo voglio dettare...
    il mio cuore sussurra, resta lì ad ascoltare...
    non senti più nulla... si chiama già Amore!
    Pietro Baratta
    Composta domenica 4 dicembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pietro Baratta

      Segnali di Vita

      Sogni e speranze si uniscono... colorano,
      pensieri si tracciano... sentieri nascono.
      Le illusioni... la poesia,
      le espressioni... la fantasia,
      il sentimento... la verità,
      il sogno con la realtà;
      attimi di noi crescono con te,
      ci abbracciano la vita e adesso sò cos'è;
      ci uniscono le mani e fan parlare il cuore
      di questo nostro oggi che è già domani... amore;
      segni di una vita che appartiene a noi,
      una strada un po' in salita che ci porta dove può,
      lì dove abito anch'io con i sentimenti tuoi,
      lì dove vivere per vivere non ha senso, non si può.
      Brucio dentro, brucia il mondo,
      questa strada lunga è breve,
      sono certo, io non sogno,
      vivo un attimo per sempre.
      Pietro Baratta
      Composta lunedì 19 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pietro Baratta

        Nostalgia d'Amore

        Scriverò di te
        come una poesia,
        parlerò di te
        con la malinconia,
        proverò con te
        la gioia, l'allegria,
        il sogno della vita
        che fugge e vola via.
        Cercherò con te
        quella speranza che
        col tempo diverrà
        amore e verità;
        poi dirò di te
        che sei la vita mia,
        mi sfuggi tra le dita,
        ma poi ritorni mia.
        Seguirò con te
        il segno dell'amore
        che palpita il mio cuore
        e brucia dentro te;
        sarò per te
        quell'ombra che non sa
        cos'è la verità,
        ma solo la poesia
        di un mondo immaginario di sogni e fantasia
        se tu ritorni mia
        ... se tu diventi mia.
        Pietro Baratta
        Composta mercoledì 14 dicembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Pietro Baratta

          Inno alla Pace

          Mi ricordo un cielo azzurro come il mare,
          il sapore dell'amore in ogni cuore,
          un giardino già fiorito verde verde, ed un bambino
          che giocava con i sassi, sbarazzino;
          ti ricordi quella casa giù in campagna,
          il mio cane Fido ed il bue nella stalla,
          ricordi il primo amore, che splendida emozione,
          e quel calcio che tu desti a quel pallone?
          Tornerà, tornerà, la vita è bella;
          tornerà, tornerà, né son convinto,
          non sarà, non sarà mai poi la guerra
          a distrugger questa nostra terra;
          tu, sarai tu ragazzo mio a ripeter con me lo voglio anch'io,
          perché sai, perché sei, perché lo vuoi,
          e nel mondo tu vivi insieme a noi.
          Ora sai quello che dico amica mia,
          sai benissimo che voglio bene a Dio,
          e se dico tutto questo e ché il mondo sia più giusto
          e che l'amore vinca sempre in ogni cuore;
          io apro le mie braccia amico mio e ti stringo forte forte al petto mio,
          sai sò che è giusto quel che hai detto, forse il mondo è già diverso,
          dai gridiamo in coro tutti adesso... tornerà, tornerà, la vita è bella!
          Pietro Baratta
          Composta venerdì 16 dicembre 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Pietro Baratta

            Il sogno incantato

            Un pensiero soave sotto un cielo stellato
            riporta alla mente ciò che bello era stato;
            ti stringeva l'amore, ti affiancavo ai pensieri,
            ti regalava il suo cuore... e già mi volevi.
            Ho messo le ali... il sogno è avverato,
            a questo bel mondo sono approdato;
            son contento per te, felice per voi
            che mi avete cercato, tanto inseguito,
            e ora vi abbraccio in un amore infinito.
            Non dovrà mai finire questa bella poesia,
            ti ringrazio di cuore per la tua fantasia;
            per quel mondo fatato che tu hai creato,
            e tutto l'amore che mi hai regalato.
            Parole ne avrei... non ancora è mio tempo,
            che tu mi capisca, questo lo sento;
            posso solo donarti un sorriso distratto,
            e far sì che il tuo sogno... resti incantato.
            Pietro Baratta
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Pietro Baratta

              Cara mà

              Un mare immenso di parole nascondeva dei pensieri
              che si univano con i miei a tracciar sentieri;
              un cielo pieno di consigli si perdevano in me stesso
              regalando a questo seme ciò che sono adesso;
              volevo dirti cose che non mi hai fatto dire,
              cercavo di sapere com'è giusto vivere
              in un mondo di paure ove non dimora amore
              fatto solo per soffrire perché non batte il sole;
              quante volte mi hai sgridato e quanto ho pianto mà
              per un sogno che cercavo che non era questo qua;
              se adesso ti capisco e perché il tempo mi ha cambiato,
              e se sono un po' diverso perché tanto mi hai aiutato,
              regalandomi l'immenso ed oltre ancora mà
              e son contento viverti per ciò che resterà;
              perché non può morire ciò che porto dentro
              è la gioia vera di chi mi ha amato tanto.
              Chiudo gli occhi e in un momento... mi sei ancora accanto,
              apro il cuore e come il vento... sei lontana e stanca.
              Grazie ancora... Mamma.
              Pietro Baratta
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Pietro Baratta

                Oltre l'Amore

                Dietro la nebbia
                Un sogno si sveglia,
                lo guardo in fondo
                che meraviglia...
                Mi parla di te,
                di ciò che è infinito
                e vive nel cuore
                di un amore pulito,
                gli scrivo di noi
                di ciò che ho vissuto
                in un mondo diverso
                da ciò che hai sperato,
                lo ringrazio di cuore
                per ciò che ti ha dato
                e continuo... a vivere
                il suo sogno incantato!
                Pietro Baratta
                Vota la poesia: Commenta