Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Pier Paolo Pasolini

Poeta, scrittore, regista e attore, nato domenica 5 marzo 1922 a Bologna (Italia), morto domenica 2 novembre 1975 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Film come regista.

Scritta da: Phantastica

Timor di me?

Oh, un terribile timore;
La lietezza esplode
Contro quei vetri al buio
Ma tale lietezza, che ti fa cantare in voce
un ritorno dalla morte: e chi pu mai ridere -
Dietro, sotto il riquadro del cielo annerito
Riapparizione ctonia!
Non scherzo: ch tu hai esperienza
Di un luogo che non ho mai esplorato,
UN VUOTO NEL COSMO
vero che la mia terra piccola
Ma ho sempre affabulato sui luoghi inesplorati
Con una certa lietezza, quasicch non fosse vero
Ma tu ci sei, qui, in voce
La luna risorta;
le acque scorrono;
il mondo non sa di essere nuovo e la sua nuova giornata
finisce contro gli alti cornicioni e il nero del cielo
Chi c', in quel VUOTO DEL COSMO,
che tu porti nei tuoi desideri e conosci?
C' il padre, s, lui!
Tu credi che io lo conosca? Oh, come ti sbagli;
come ingenuamente dai per certo ci che non lo affatto;
fondi tutto il discorso, ripreso qui, cantando,
su questa presunzione che per te umile
e non sai invece quanto sia superba
essa porta in s i segni della volont mortale della maggioranza -
L'occhio ilare di me mai disceso agli Inferi,
ombra infernale vagolante
nasconde
E tu ci caschi
Tu conosci di ci che realt solo quell'Uomo Adulto
Ossia ci che si deve conoscere;
lei, la Donna Adulta, stia all'Inferno
o nell'Ombra che precede la vita
e di l operi pure i suoi malefizi, i suoi incantesimi;
odiala, odiala, odiala;
e se tu canti e nessuno ti sente, sorridi
semplicemente perch, per ora, intanto, sei vittoriosa -
in voce come una giovane figlia avida
che per ha sperimentato dolcezza;
Parigi calca dietro alle tue spalle un cielo basso
Con la trama dei rami neri; ormai classici;
questa la storia -
Tu sorridi al Padre -
Quella persona di cui non ho alcuna informazione,
che ho frequentato in un sogno che evidentemente non ricordo -
strano, da quel mostro di autorit
che proviene anche la dolcezza
se non altro come rassegnazione e breve vittoria;
accidenti, come l'ho ignorato; cos ignorato da non saperne niente -
cosa fare?

Tu doni, spargi doni, hai bisogno di donare,
ma il tuo dono te l'ha dato Lui, come tutto;
ed Nulla il dono di Nessuno;
io fingo di ricevere;
ti ringrazio, sinceramente grato;
Ma il debole sorriso sfuggente
non di timidezza
lo sgomento, pi terribile, ben pi terribile
di avere un corpo separato, nei regni dell'essere - se una colpa
se non che un incidente:
ma al posto dell'Altro
per me c' un vuoto nel cosmo
un vuoto nel cosmo
e da l tu canti.
Pier Paolo Pasolini
Vota la poesia: Commenta

    Da poesia in forma di rosa - il libro delle croci

    Da quel gabbione uscii...
    Nessuno mi guardava.
    Per quale distrazione?
    Per quale pensiero immerso
    senza piet nel cuore?
    Per quale esclusiva
    incomunicabile passione?
    Come una vecchia carta,
    un pezzo di giornale trascinato
    sul lastrico dal vento,
    vagavo, ignorato, contro i cantoni
    di marmo e ottone,
    gli alberelli severi del Nord,
    i vetri di una Banca...
    Il futuro dell'uomo!
    Nessuno sapeva pi nulla della piet,
    della speranza: sapevano
    in questa accanita citt,
    solamente il futuro, come gi seppero la vita.
    Ognuno l'aveva in cuore,
    passione quotidiana, scontata
    novit, luce della nuova storia.
    E io senza pi capire
    cos'aveva potere d'importargli,
    di avere per loro significato
    di farli ridere, di farli piangere,
    ero un vecchio pezzo di giornale,
    trascinato dal nuovo vento
    tra i loro piedi di Angeli.
    Pier Paolo Pasolini
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ariavita

      Esistenza

      Ritrovarmi in questo ovale
      con un legame vitale
      in solitudine a volteggiare
      con l 'infinito aspettare
      di qualcosa.
      Sognare
      di poter camminare
      in un nuoto perpetuo
      di pensieri
      intravedendo una luce bianca.
      La fine di tutto.
      Uno schiocco
      Un pianto.
      La nascita della vita in bracccio a giganti biancheggianti.
      Crescendo vidi cose senza senso
      cosciente del perduto collettivo senno.
      Vidi uomini con biancheggianti vestiti
      baciare e non procreare
      di fronte a un freddo altare
      in nome di una croce
      e un continuo narrare.
      Esseri travestiti
      professare falsi miti
      e scuole dove si imparava a vivere
      lasciando l'intelligenza reprimere.
      Sicuri di un tranquillo lavoro
      si sedevano su un falso trono
      lasciando che un finto quadrato
      rubassero loro gli anni d'oro.
      Ed ora piano piano mi invecchio
      sperando ancora in un qualche cambiamento.
      Disteso in un biancheggiante letto
      rimango cosciente che della vita
      e delle esperienze connesse ad essa
      non mi interessa piu niente.
      Tutto improvvisamente si illumina di bianco
      e mi appresto al grande salto.
      Ma con me non posso portare nient'altro
      che un tatuaggio
      situato dentro al cuore
      con impresso dentro il nome
      di quella persona che in questa vita
      mi diede tanto amore.
      Pier Paolo Pasolini
      Composta sabato 23 luglio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        El testament Corn

        El testament Corn
        In ta l'an dal quaranta quatro
        fevi el gardn dei Botrs:
        al era il nuostri timp sacro
        sabut dal soul del dovr.
        Nuvuli negri tal foghr
        thculi blanci in tal thil
        a eri la pura e el piathr
        de am la falth e el martil
        [...]
        Lassi in reditt la me imdin
        ta la cosientha dai sirs.
        I vuj vuiti, i bith ch'a nasin
        dei me tamari sudurs,
        Coi todescs no i vut timour
        de trad la me dovenetha.
        Viva il coragiu, el dolur
        e la nothentha dei puarth!
        Pier Paolo Pasolini
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          Cansion

          Lasst in tal recurt
          a fruvati, e in ta la lontanansa
          a lusi, sensa dul jo i mi inpensi
          di te, sensa speransa.
          (Al ven sempri p sidn e alt
          il mar dai ins; e i to pras plens
          di timp romai rsit, i to purs vencs
          ros di muarta padima, a son ta l'or
          di chel mar: pierds, e no planzs).
          Lasss l scunusss
          ta ciamps fores-c'dopu che tant intr
          di lur i spasemt
          di amur par capiju, par cap il pur
          lusnt e pens so essi, a si n siert
          cun te i to mis sot di un sil nult.
          Pier Paolo Pasolini
          Vota la poesia: Commenta