Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Pablo Neruda

Poeta, diplomatico e politico, nato martedì 12 luglio 1904 a Parral (Cile), morto domenica 23 settembre 1973 a Santiago del Cile (Cile)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Elisa Iacobellis

Corpo di donna...

Corpo di donna, bianche colline, cosce bianche,
assomigli al mondo nel tuo gesto di abbandono.
Il mio corpo di rude contadino ti scava
e fa scaturire il figlio dal fondo della terra.

Fui solo come un tunnel. Da me fuggivano gli uccelli
e in me irrompeva la notte con la sua potente invasione.
Per sopravvivere a me stesso ti forgiai come un'arma,
come freccia al mio arco, come pietra per la mia fionda.

Ma viene l'ora della vendetta, e ti amo.
Corpo di pelle, di muschio, di latte avido e fermo.
Ah le coppe del seno! Ah gli occhi d'assenza!
Ah le rose del pube! Ah la tua voce lenta e triste!

Corpo della mia donna, resterò nella tua grazia.
Mia sete, mia ansia senza limite, mio cammino incerto!
Rivoli oscuri dove la sete eterna rimane,
e la fatica rimane, e il dolore infinito.
Pablo Neruda
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisa Iacobellis
    Mi piace quando taci
    Mi piace quando taci perché sei come assente,
    e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca.
    Sembra che gli occhi ti sian volati via
    e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.
    Poiché tutte le cose son piene della mia anima
    emergi dalle cose, piene dell'anima mia.
    Farfalla di sogno, rassomigli alla mia anima,
    e rassomigli alla parola malinconia.
    Mi piace quando taci e sei come distante.
    E stai come lamentandoti, farfatta turbante.
    E mi ascolti da lungi, e la mia voce non ti raggiunge:
    lascia che io taccia col tuo silenzio.
    Lascia che ti parli pure col tuo silenzio
    chiaro come una lampada, semplice come un anello.
    Sei come la notte, silenziosa e costellata.
    Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.
    Mi piace quando taci perché sei come assente.
    Distante e dolorosa, come se fossi morta.
    Allora una parola, un sorriso bastano.
    E son felice, felice che non sia così.
    Pablo Neruda
    Vota la poesia: Commenta
      Quando tu sarai vecchia, bimba (Ronsard già te lo disse),
      ricorderai quei versi che io recitavo.
      Avrai i seni tristi d'aver cresciuto i figli,
      gli ultimi germogli della tua vita vuota...
      Io sarò così lungi che le tue mani di cera
      areranno il ricordo delle mie rovine nude.
      Comprenderai che può nevicare in Primavera
      e che in Primavera le nevi son più crude.
      Io sarò così lungi che l'amore e la pena
      che prima vuotai nella tua vita come un'anfora piena
      saranno condannati a morire tra le mie mani...
      E sarà tardi perché se n'è andata la mia adolescenza,
      tardi perché i fiori una volta danno essenza
      e perché anche se mi chiamerai io sarò così lungi.
      Pablo Neruda
      Vota la poesia: Commenta

        Puedo escribir los versos más tristes esta noche

        Puedo escribir los versos más tristes esta noche
        Escribir, por ejemplo: "La noche està estrellada,
        y tiritan, azules, los astros, a lo lejos."
        El viento de la noche gira en el cielo y canta.
        Puedo escribir los versos más tristes esta noche.
        Yo la quise, y a veces ella también me quiso.
        En las noches como esta la tuve entre mis brazos.
        La besè tantas veces bajo el cielo infinito.
        Ella me quiso, a veces yo también la quería.
        Cómo no haber amado sus grandes ojos fijos.
        Puedo escribir los versos más tristes esta noche.
        Pensar que no la tengo. Sentir que la he perdido.
        Oir la noche inmensa, más inmensa sin ella.
        Y el verso cae al alma como al pasto el rocío.
        Què importa que mi amor no pudiera guardarla.
        La noche esta estrellada y ella no està conmigo.
        Eso es todo. A lo lejos alguien canta. A lo lejos.
        Mi alma no se contenta con haberla perdido.
        Como para acercarla mi mirada la busca.
        Mi corazón la busca, y ella no està conmigo.
        La misma noche que hace blanquear los mismos árboles.
        Nosotros, los de entonces, ya no somos los mismos.
        Ya no la quiero, es cierto, pero cuánto la quise.
        Mi voz buscaba el viento para tocar su oído.
        De otro. Serà de otro. Como antes de mis besos.
        Su voz, su cuerpo claro. Sus ojos infinitos.
        Ya no la quiero, es cierto, pero tal vez la quiero.
        Es tan corto el amor, y es tan largo el olvido.
        Porque en noches como esta la tuve entre mis brazos,
        mi alma no se contenta con haberla perdido.
        Aunque este sea el ultimo dolor que ella me causa,
        y estos sean los ultimos versos que yo le escribo.
        Pablo Neruda
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Chiara Cotti

          Mattino

          Aspro amore, viola coronata di spine,
          cespuglio tra tante pasioni irto,
          lancia dei dolori, corolla della collera,
          per che strade e come ti dirigesti alla mia anima?

          Perché precipitasti il tuo fuoco doloroso,
          d'improvviso, tra le foglie fredde della mia strada?
          Chi t'insegnò i passi che fino a me ti portarono?
          Quale fiore, pietra, fumo ti mostrarono la mia dimora?

          Certo è che tremò la notte paurosa
          l'alba empì tutte le coppe del suo vino
          e il sole stabilì la sua presenza celeste,

          mentre il crudele amore m'assediava senza tregua
          finché lacerandomi con spade e spineaprì nel mio cuore una strada bruciante.
          Pablo Neruda
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Sonia Ghinelli

            LXIV Sonetto

            Per tanto amore la mia vita si tinse di viola
            e andai di rotta in rotta come gli uccelli ciechi
            fino a raggiungere la tua finestra, amica mia:
            tu sentisti un rumore di cuore infranto

            e lì dalle tenebre mi sollevai al tuo petto,
            senz'essere e senza sapere andai alla torre del frumento,
            sorsi per vivere tra le tue mani,
            mi sollevai dal mare alla tua gioia.

            Nessuno può dire ciò che ti devo, è lucido
            ciò che ti devo, amore, ed è come una radice,
            nativa d'Araucania, ciò che ti devo, amata.

            È senza dubbio stellato tutto ciò che ti devo,
            ciò che ti devo è come il pozzo d'una zona silvestre
            dove il tempo conservò lampi erranti.
            Pablo Neruda
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Erika Moon

              Canzone del maschio e della femmina

              Canzone del maschio e della femmina!
              Il frutto dei secoli
              che spreme il suo succo
              nelle nostre vene.

              La mia anima che si diffonde nella tua carne distesa
              per uscire migliorata da te,
              il cuore che si disperde
              stirandosi come una pantera,
              e la mia vita, sbriciolata, che si annoda
              a te come la luce alle stelle!

              Mi ricevi
              come il vento la vela.

              Ti ricevo
              come il solco il seme.

              Addormentati sui miei dolori
              se i miei dolori non ti bruciano,
              legati alle mie ali,
              forse le mie ali ti porteranno,
              dirigi i miei desideri,
              forse ti duole la loro lotta.

              Tu sei l'unica che possiedo
              da quando persi la mia tristezza!

              Lacerami come una spada
              o senti come un'antenna!

              Baciami,
              mordimi,
              incendiami,
              che io vengo alla terra
              solo per il naufragio dei miei occhi di maschio
              nell'acqua infinita dei occhi di femmina!
              Pablo Neruda
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: gracekelli
                Tutta la notte ho dormito con te
                vicino al mare nell'isola
                eri selvaggia e dolce
                tra il piacere e il sonno
                tra il fuoco e l'accqua
                Forse assai tardi i nostri sogni
                si unirono nell'alto o
                nel profondo
                In alto come i rami che muove
                uno stesso vento
                in basso come rosse radici
                che si toccano
                Forse il tuo sogno
                si separò dal mio
                e per il mare oscuro
                mi cercava come prima
                come quando non esistevi
                quando senza scorgerti
                navigai al tuo fianco
                e i tuoi cercavano ciò che ora
                pane, vino, amore e collera
                ti do a mani piene.
                Perché tu sei la coppa che
                attendeva i doni della mia vita.
                Ho dormito con te tutta la notte
                mentre l'oscura terra gira
                con vivi e con morti
                e svegliandomi d'improvviso
                in mezzo all'ombra
                il mio braccio circondava
                la tua cintura
                ne la notte
                ne il sonno
                poterono separarci.
                Ho dormito con te
                e svegliandomi la tua bocca
                uscita dal sonno
                mi diede il sapore di terra
                d'acqua marina
                di alghe
                del fondo della tua vita
                e ricevetti il tuo bacio
                bagnato dall'aurora
                come se mi giungesse
                dal mare che ci circonda.
                Pablo Neruda
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Gabriella Stigliano

                  Non solo il fuoco

                  Ahi, sì, ricordo,
                  ahi, i tuoi occhi chiusi
                  come pieni dentro di luce nera,
                  tutto il tuo corpo come una mano aperta,
                  come un grappolo bianco della luna,
                  e l'estasi,
                  quando un fulmine ci uccide,
                  quando un pugnale ci ferisce nelle radici
                  e una luce ci spezza la chioma,
                  e quando
                  di nuovo
                  torniamo alla vita,
                  come uscissimo dall'oceano,
                  come tornassimo feriti
                  dal naufragio
                  tra le pietre e l'alghe rosse.
                  Ahi, vita mia,
                  non solo il fuoco tra noi arde,
                  ma tutta la vita,
                  la semplice storia,
                  l'amore semplice
                  di una donna e d'un uomo
                  uguali a tutti gli altri.
                  Pablo Neruda
                  Vota la poesia: Commenta