Scritta da: Andrea De Candia
Sapete di me
voi morti?
Sapete le voci
come domestici satelliti astrali
con arte avvolgono
il sonno intorno alle loro spade notturne
portano alla luce luoghi di sepoltura -

sapete voi amati
che mi braccano sempre più da vicino
nella vostra assenza dalla voce di mare -
conchiglia espulsa
in cerca della lingua nativa
all'inizio delle parole -.
Nelly Sachs
Composta domenica 13 marzo 2016
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di