Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Nello Maruca

Il vento e la quercia

Ulula il vento, non si cheta, incalza,
ora alberelli piega ora altri innalza,
ora a dritta soffia e ora mena a manca
e donde passa d’ogni cosa ammanca.

Le foglie da su gli alberi divella
in ciel le innalza e, poi, le mulinella
indi le abbassa fino a fondo terra
tante ne innalza ancora, altre sotterra.

Ingagliardito di sì tal possanza
verso l’annosa quercia, forte, avanza
ma per quanto soffia, urla e si lamenta,
per quante volte l’assalto ritenta

della sua forza sente il fallimento.
La quercia resta là, non ha spavento
e del rabbioso vento par che rida
mentre immobile accetta quella sfida.

Rùgge, ora, il vento, freme, si tormenta,
s’innalza, s’allontana, indi, ritenta,
con furiosa lena, di poi, si scaglia
ma a contatto di quercia si frastaglia.

Son radicata qui da trecent’anni
immagina se temo te e i tuoi danni;
così la quercia sussurra  all’udito
mentr’esso di tal possa inorridito

sen corre via sbuffando, indebolito.
Nello Maruca
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nello Maruca

    La fede del pecoraro

    E, siede, infine, stanco al focolare
    mentre il rosario nonna sta a sgranare
    e, mamma, triste, intenta a cucinare
    che la famiglia tutta è da sfamare.

    Il fumo sale dagl'ardenti ceppi
    che di sovente danno i loro scoppi,
    del dì racconta dei suoi tanti intoppi
    e dei due agnelli, dice, nati zoppi.

    Pioggia cadeva turbinosamente
    col freddo nelle carni penetrante
    e il gregge di sgomento fu belante
    pel vento che ululava orribilmente.

    Se chetata non fosse la tormenta
    sarei con le mie pecore allo sbando
    e di mie forze avrei toccato il fondo
    e fin sarebbe stata triste e lenta.

    Ma il buon Dio che pare percuota e annienta
    alfin di Suo potere a tutti ammanta
    e quando già convinti di lor fine
    eccoli a casa coi suoi cari, infine.
    Nello Maruca
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nello Maruca

      Inno ai genitori

      È tempo dell'Avvento e in nostri
      cuor qualcosa di nuovo ora germiglia,
      lo sentiam Gianni e Lida amabil figlia
      stasera che pensosi miriam gli Astri

      che di brillanza son men di Voi lustri.
      D'antica quercia porta seco foglia
      lieve venticel che spinge e invoglia
      trarre dai cuori e tingere d'inchiostro

      fogli, per dire a Voi, nostri pilastri,
      un grazie per il Vostro grand'affetto,
      per le attenzioni e i sacrifici tanti

      che, da quando noi ancora maldestri,
      elargito ci avete a tutto effetto
      venerandoci qual fossimo santi.

      Grazie per tutto, nostra diletta mamma,
      e a te, padre, per lo core che infiamma.
      Nello Maruca
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Nello Maruca

        Dal dentista

        Tanta la gentilezza che m'avvolse
        che assai confuso mi rimasi alquanto
        e non capii perché così m'accolse
        chi non degnava altri più di tanto.

        Allorquando mi fui, poi, all'altro accanto
        che già saldato avea da tempo il conto,
        la mente mi s'aprì presto, qual lampo,
        udendo: esser pur io seme del campo.

        Questo non è l'ambiente che tu pensi
        ma, di contro, è una fabbrica di soldi
        che pure fuor di tempo trovi i saldi
        e patteggiare puoi pure i compensi.

        Il suo mestiere bene egli conosce
        ma meglio ancor lo fa se lo compensi
        che senza soldi, sai, perde li sensi
        ma al solo puzzo più nulla capisce.

        Non esser, quindi, pigro di tua mente,
        nell'elargire mostrati eccedente
        che assai maggiore avrà di dente cura
        ed ancor più s' esente di fattura.
        Nello Maruca
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Nello Maruca

          Amore di donna

          Della sua infedeltà, donna, sapesti
          e muta il patimento in cuor tenesti
          e proseguisti a seminare amore
          e a lungo celasti il tuo amore.

          Dell’altrui duolo pur ti caricasti,
          mai affaticata o stanca ti mostrasti
          e grande donna sempre fosti in tutto
          e nel lavor trovasti tuo costrutto..

          Se stato anco solo quest’atto fosse
          e nessun altro mai fatto n’avessi
          sol per l’amore tuo che mai si cesse
          e per bontate ch’altri ebbero eccessi

          meriteresti posto in una icona
          a simboleggiar madre e moglie buona
          ed affermare che non è circostanza
          mostrare che l’amore sia abbastanza.

          Enumerar tue qualità non posso
          che assai  furo, che parrebbero eccesso;
          una sol cosa, voglio, però, dire:
          da chi fu mai capito il tuo patire?
          Nello Maruca
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Nello Maruca

            Il Ciliegio di Buddha

            Sin dagli albori del mio cambiamento
            quasi volendo suggellar l'evento
            in terra ricca a dimorar ti posi
            ed altezzoso là cresci e riposi.

            Scelsi quel posto donde il mar t'è a fronte
            che levante mirar puoi e pur ponente
            e dove in mare il ciel si perde tondo
            quasi a volere ch'abbracciassi il mondo.

            Non hai di che lagnarti per la casa
            ché te lo sol di mane a sera veglia
            poi, di notte, pur se di nubi ascosa
            qualche suo raggio luna a te convoglia.

            Seme innestato t'ho del Risvegliato *
            e dei canestri tutto t'ho imbrigliato
            ché di esso sono l'illuminato re
            e, puranco, in esso ho rispecchiato te.

            Nol sai che il gruppo s'è cresciuto alquanto
            che ne contiamo più, ormai, di cento?
            Siam tutti rigogliosi e ben pasciuti
            ché di sapere Buddha ci ha imbevuti.

            Sol di una cosa siam desiderosi:
            gustare appieno i frutti tuoi succosi,
            non essere di essi ancora geloso,
            donali solo a me che son goloso.

            *Buddha.
            Nello Maruca
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Nello Maruca

              VI

              Corre lo buon Giuseppe da Pilato
              ad implorare la divina Spoglia
              che inumarla in sicuro loco ha voglia
              e astergere di addenso Sangue beato.

              In tel di candido lino pregiato,
              poi che da peso croce Corpo spoglia
              l'avvolge, e con pie donne insiem lo veglia
              finché in tomba vien con pietà traslato.

              Il dì di poi del sabato, all'albore,
              all'avello Maria trovasi presso
              ma la pietra, però, manca all'accesso,

              quindi, con l'altre assiem varca l'ingresso
              tremolante di paura e a capo basso
              ma, non ha traccia del Divin Signore.
              Nello Maruca
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Nello Maruca

                III

                E Betlemme è tutta quanta in lutto
                ché i pargoletti tutti, crudelmente,
                sono soppressi per insana mente
                in ciò che sadico cuor non tien costrutto.

                Quando l'Onnipotente il marcio frutto
                da triste terra estirpa, finalmente,
                e lo relega dove niuno è niente
                a rintracciar nido d'altri distrutto

                a Nazaret di Galilea è la Famiglia
                donde al Giordano, Gesù, candido Figlio,
                da Giovanni è in acqua, cristianizzato.

                S'apre lo Cielo e dal candor di giglio
                colomba Spirito Dio armonizzato,
                grido s'ode: Questo è mio diletto Figlio

                dal quale assai mi sono rallegrato.
                Nello Maruca
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Nello Maruca

                  II

                  Della Giudea Erode è imperante
                  e molti hanno subito intemperanza
                  Nessuno presso lui tiene speranza
                  che per alcunché mai fu impenitente.

                  Al Re dei re non prostra reverente
                  sconoscendo, cosi, somma potenza
                  decreta, anzi, a nome di tracotanza
                  stroncar la vita del Santo lattante.

                  Per un divino avviso in sogno avuto
                  s'incammina Giuseppe in ver l'Egitto
                  con alma in pena e lo core trafitto

                  per di Nutrice patire e Figlioletto
                  sognando Palestina e caldo letto
                  lungi da imposto quanto vil tributo.

                  Per impervio sentiero sconosciuto
                  avanza a lume di parlare muto
                  seguito dalla docile asinella
                  con Dio e Santa Regina sulla sella.
                  Nello Maruca
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Nello Maruca

                    I

                    Tutto di bianco intorno è ricoperto
                    e ancor la neve cala volteggiando
                    mentre leggero, il vento sibilando
                    vola la neve nell'andare incerto.

                    Con l'ansia in petto, a passo svelto e certo,
                    di porta in porta Giuseppe va bussando
                    ed un lettuccio per Maria invocando,
                    in loco pur modesto ma coverto.

                    Ma non è locandiere a dare ascolto
                    ch'ogni cantuccio dell'albergo è pieno;
                    indi, posto può tener su paglia e fieno.

                    Colui che delle stelle è ancora più alto
                    nasce nel letto di una mangiatoia
                    ma per Giuseppe e per Maria è piena gioia.

                    Al caldo del respiro, nella stalla,
                    docile bue l'accoglie e l'asinella
                    che di Natività sono gaudenti
                    non quali quadrupedi incoscienti

                    ma animali bipedi intelligenti,
                    che forzan loro mantici ansimanti.
                    Onde donare tepore agli astanti.
                    Nello Maruca
                    Vota la poesia: Commenta