Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Naida Santacruz1
Chiudo gli occhi e invado i tuoi sogni.
Ti cerco, ma tu non ci sei.
Squarci di giorni lontani
spegne in me il calar del buio.
M'innamorai di piccole stelle
che brillavano note,
mentre io
respiravo l'essenza di Te e di me.
E compresi che
non so più donare un sorriso,
ingabbiata, tra sbarre e rancori.
Liberami dal cuore di cemento
e fammi ridere con le stelle tremanti,
respirandoTi piano,
asciugandoTi quella lacrima
versata per noi, versata per me.
Abbracciami forte... dorme la notte deserta di noi.
Naida Santacruz
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Naida Santacruz1
    Fermati ad ascoltarmi.
    Con lo sguardo rivolto all'aurora
    le lacrime In silenzio ammirano
    l'albore.
    La sua bellezza emana sospiri
    e il mio viso diventa nuvola
    nell'universo invaso da
    Un sibilo di stelle tremanti.
    Ho bisogno di onde,
    ho bisogno di trovare rifugio
    nella tua ombra,
    di trovare luce dentro me.
    Fermati ad ascoltarmi,
    sciogli l'inganno
    della pioggia che fa brillare le stelle.
    Della mente che parla al cuore
    Impigliato e squarciato,
    che perde invano il tempo.
    Ricordami il tuo sorriso,
    I semplici gesti...
    Il tuo saluto che il cuor cura dal suo vissuto.
    Naida Santacruz
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Naida Santacruz1
      Penso a te nel silenzio
      della notte,
      di ogni giorno,
      al sole
      e al lume di candela,
      con la passione di chi ama
      i sorrisi, e le lacrime.
      Rapita dai Tuoi occhi
      io respiro
      il Tuo respiro.
      E vivo... cercando la Tua anima
      nel mio cuore.
      E l'eco delle campane
      mi parlano di Te,
      come se fossi Nascosto,
      dalla luce,
      senza sapere dove trovarmi
      tra l'ombra e l'anima.
      Cercami, Signore...
      nel mio petto,
      e restami così vicino
      che se chiudo i miei occhi,
      i Tuoi mi daranno per sempre
      il calore del giorno.
      Naida Santacruz
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Naida Santacruz

        Favola di Natale

        Innamorata oltre le voragini
        di una dolce infinita favola
        che incatena i cuori
        in un inverno di lacrime.
        Frammenti di emozioni
        raccolgo ancora
        e senza dolore ascolto
        la filastrocca Sua,
        che vibra nell'aria
        con voce acuta una preghiera di pace,
        che danza nella grotta
        e nell'anima mia.
        Naida Santacruz
        Composta venerdì 6 dicembre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Naida Santacruz

          Tu chi sei

          Nel silenzio del cuore,
          scelgo te, tra mille interrogativi,
          tra mille incertezze,
          tra mille emozioni,
          ma il tuo cuore mi trafigge
          e I miei occhi vanno oltre il tuo sguardo
          in cerca della tua mano
          ma mi lasci.
          Eppur ti sento
          tra inconfondibili profumi
          tra paesaggi nascosti
          tra cuori spezzati
          e amori dimenticati.
          Ma Tu chi sei?
          Un sogno o un'illusione?
          Delirio, o tocco magico,
          se ancora qui nella mia mente
          la felicità è un addio,
          la carezza... vento di ricordi,
          nella memoria di un oblio.
          Naida Santacruz
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Naida Santacruz

            Dove atterrano i baci

            Ricordo ancora,
            quando guardavamo,
            nel dipinto del cielo
            i baci delle stelle
            che si perdevano
            tra la rugiada dei fiori,
            l'ebbrezza del mare,
            tra il mio volto ed il tuo,
            figlio mio.
            Ora quel sogno antico
            cattura quei baci,
            nel mio cuore tarlato da te.
            Dolci i tuoi occhi
            tra i respiri di seta
            e la fiamma d'amore.
            Mi chiedo spesso,
            dove atterrano ora
            i miei baci...
            e se nel tuo cuore
            c'è spazio ancora
            per me,
            dimenticata da te, figlio mio!
            Naida Santacruz
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Naida Santacruz

              Nel silenzio della luna

              Ti vedo sorridere
              in questo giorno di festa
              figlio mio,
              guardando vecchie fotografie,
              frammenti che ombreggiano
              i tuoi anni infantili.
              Nel silenzio della luna
              vedo i nostri perché,
              e avvolta nel bianco raggio luminoso
              sussurro t'amo bambino mio,
              ma nella stanza lo specchio
              mi riporta il tuo viso,
              il tuo sguardo di giovane
              con quel magico desiderio
              di vivere il vissuto
              che ti è stato insegnato.
              Di scoprire passo dopo passo
              l'anima dominata dai
              tuoi anni migliori,
              dolci sensazioni di brividi sottili,
              che cresce bruciando
              le mie briglie di lacrime
              ... carezze della sera
              che rimangono sigillate
              nel cuore di madre
              insieme a tante parole
              in stagioni e stagioni,
              al dolce suono dell'amore mio per te.
              Naida Santacruz
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Naida Santacruz

                Dove tu sei

                Sul tuo mattino
                luminosa splende l'aurora
                di sogni da realizzare,
                di sogni d'afferrare.
                e mentre cammini per strada
                nuvole armoniose disegnano il tuo viso
                guidandoti pian piano
                in un giardino fatato
                e il viaggio fine avrà
                quando i tuoi occhi
                come stelle perlate
                m'illumineranno la via
                e il mio sogno troverà la sua realtà,
                tra stelle candide e luminose
                nel silenzio della notte,
                dove tu sei
                il dolce rifugio delle mie emozioni,
                figlia, mia.
                Naida Santacruz
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Naida Santacruz

                  Sorprendimi

                  Parlami quando ti accarezza il vento,
                  guardami sussurrandomi nel silenzio,
                  abbracciami in una lacrima,
                  e la notte luce avrà.
                  Profumi flebili
                  di sguardi annebbiati,
                  la foto di noi,
                  dove la voce del cuore
                  era un volo di libertà,
                  un volo di luce nei tuoi occhi.
                  Sorprendimi in un bacio,
                  risvegliami tra stelle
                  luminose e belle
                  dove vive la mia poesia
                  ad un passo dal mattino,
                  tra scricchiolii che trasformano
                  l'alba in preghiera...
                  si, sorprendimi!
                  Naida Santacruz
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Naida Santacruz

                    Stupro nel cuore

                    Cerco l'immagine di Te,
                    tra il sole e la luna,
                    tra il canto dell'inferno
                    e polvere tra le mani.
                    Il tepore del sogno,
                    adesso è una linea sottile
                    della mia nostalgica
                    emozione nuda.
                    Ricordi qui momenti
                    ... pezzi di sorrisi
                    al riparo dalla solitudine?
                    Ricordi l'attesa,
                    l'urlo dell'abuso... la mia preghiera
                    che come tempesta scuoteva
                    il sentiero del sole?
                    Ricordi quella notte,
                    ... stralci di nebbia nei miei occhi.
                    Dove eri!
                    Se in fondo al mattino
                    in preghiera la mia voce
                    non ti giunse,
                    ed il mio gridare
                    solo il vento l'ascoltato.
                    Dov'era l'immagine di Te
                    a consolarmi il cuore
                    in quella notte di terrore?
                    Naida Santacruz
                    Vota la poesia: Commenta